Salute 30 luglio 2018

Biotestamento, la relatrice Lenzi (Pd): «Obiezione possibile ma medico deve trovare collega non obiettore»

«Buon rapporto dottore-paziente è la soluzione per risolvere dubbi». Così Donata Lenzi, relatrice alla Camera del ddl sul fine vita

Immagine articolo

«Il consenso, per essere attendibile, necessita di una relazione fra medico e paziente che aiuti a risolvere dubbi e incertezze». Lo afferma ai microfoni di Sanità Informazione Donata Lenzi, relatrice alla Camera del ddl sul fine vita che con tenacia ha costruito, scritto e sostenuto la proposta fino ad arrivare alla sua approvazione.

LEGGI ANCHE: BIOTESTAMENTO: ECCO COSA POTRA’ FARE IL MEDICO SE IL PAZIENTE DECIDE D’INTERROMPERE IL TRATTAMENTO

Il Biotestamento è legge in vigore dal 31 gennaio del 2018. Nonostante la normativa sia stata accolta con consenso dall’opinione pubblica e soprattutto dalla comunità scientifica, rimangono alcune zone d’ombra. Fra queste a destare perplessità è l’obiezione di coscienza…

«Sul tema dell’obiezione di coscienza non esiste una legge di principi di carattere generale. Tuttavia se un paziente chiede al medico di staccare la macchina che lo fa respirare allora in quel caso la legge permette – in riferimento alla propria etica deontologica – di potersi astenere dal fare quell’intervento ma, allo stesso tempo, di farsi carico di trovare chi lo fa per lui, perché il diritto del paziente rimane il cardine della legge».

Quindi una legge che mette al centro l’autodeterminazione del paziente: per quanto riguarda la documentazione che attesta il consenso la legge cosa dice?

«La legge dice che puoi acquisire il consenso del paziente alla tua proposta terapeutica in tutti i modi e poi lo devi documentare in cartella clinica; quindi basta anche l’assenso orale ma poi va registrato in cartella. D’altronde bisogna che ci abituiamo tutti all’idea che la cartella clinica sia il diario della relazione tra il paziente e la struttura ospedaliera e in quel diario va registrato tutto anche per motivi di responsabilità professionale. Certo se io sottopongo il paziente ad un intervento chirurgico complesso con anestesia ed altro, sarà bene che gli faccia firmare un modulo con un consenso esplicito ma sempre avendogli parlato perché altrimenti finisce come i moduli di banca che nessuno legge perché sono incomprensibili. Il consenso per essere vero, richiede una relazione fra due persone e una reciproca comprensione».

Infatti uno dei timori maggiori è proprio che con questa legge si burocratizzi il rapporto medico paziente. Ma quello che dice lei è esattamente il contrario…

«Certo, è esattamente il contrario. Piuttosto il problema è costruire questo rapporto con il paziente. Non sempre i ritmi della sanità lo permettono».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Liste d’attesa, Piano del Governo trasmesso alle Regioni. Grillo: «Fondi triplicati in manovra. Mai stanziate in passato risorse su questo»
Il provvedimento prevede la digitalizzazione delle agende di prenotazione e l’uso delle classi di priorità per visite e ricoveri. «È un primo passo concreto verso un cambiamento reale. La sanità del Paese deve ritornare in cima alle priorità dell’agenda politica», sottolinea la titolare della Salute
Crollo Ponte Morandi, Viale (Ass. Sanità Liguria): «Mettiamo a disposizione del Sistema Paese la nostra risposta ad una emergenza unica nel suo genere»
Intervenuta al Forum Risk Management di Firenze, la titolare della sanità ligure sottolinea: «Siamo stati in mezzo alle persone e tutto il sistema ha funzionato: è stato un gioco di squadra importante». Poi aggiunge: «Genova non è in ginocchio, ora fare giustizia su quello che è accaduto»
Sanità, memorandum d’intesa Italia-Qatar: focus su ricerca biomedica e farmaceutica
L’intesa firmata dal sottosegretario alla Salute, Armando Bartolazzi, e dal ministro della Salute pubblica del Qatar, Hanan Mohammed Al Kawari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...