Salute 26 Agosto 2022 12:30

Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo

Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche

Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo

Una terapia giusta al momento giusto per battere il cancro sul tempo. È questa la nuova frontiera della medicina di precisione messa a punto nello studio italiano Chronos con la biopsia liquida.

Grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto. Lo si fa attraverso le tracce molecolari che circolano nel suo flusso sanguigno. Rilevando, ad esempio, la presenza di alterazioni del tumore che possono renderlo più sensibile o resistente alle diverse terapie oncologiche.

Grazie alla biopsia liquida possibile colpire il tumore al momento giusto

Lo studio è stato pubblicato a inizio agosto sulla rivista Nature Medicine. E’ coordinato dall’Istituto Candiolo IRCCS e dall’Ospedale Niguarda di Milano. In collaborazione con IFOM di Milano, Università degli studi di Torino e Università degli studi di Milano.

Si riferisce a pazienti affetti da tumore al colon-retto metastatico le cui aspettative di sopravvivenza e di miglioramento della qualità della vita dipendono dalla possibilità di rallentare la progressione della malattia con interventi terapeutici mirati. Per questo i ricercatori hanno integrato la biopsia liquida nel processo di decisione della terapia.

«Nei pazienti con tumore al colon-retto metastatico, molte delle terapie a bersaglio molecolare si basano su anticorpi monoclonali contro i ricettori di crescita EGFR – spiega il professor Alberto Bardelli dell’IRCCS Candiolo e docente presso l’Università di Torino -. A distanza di tempo, la maggior parte di questi pazienti sviluppa una resistenza al farmaco e la malattia tende a progredire. In questo caso si può riprendere la terapia anti- EGFR solo dopo che la malattia sia tornata sensibile al trattamento».

Capire qual è il momento più opportuno per agire con un secondo ciclo di terapia è la sfida che fino a poco tempo fa sembrava difficile se non impossibile. «Prima di questo studio non era possibile stabilire, se non in modo empirico, quando riprendere la cura ed era necessario calcolare l’intervallo di tempo sulla base delle statistiche. Con Chronos, per la prima volta, si sfrutta la biopsia liquida per monitorare l’andamento del tumore e guidare i tempi della terapia».

Cosa cambia nella somministrazione della terapia

Lo studio clinico Chronos ha previsto una biopsia liquida ai pazienti affetti da tumore al colon retto metastatico per i quali era stato previsto un secondo ciclo di terapia con anti -EGFR. Le cellule tumorali circolanti sono state analizzate presso l’Istituto di Candiolo e nei casi in cui non sono state riscontrate mutazioni di resistenza, è stata avviata al terapia con panitumumab, l’anticorpo monoclonale utilizzato per il secondo ciclo. «Questo studio apre la strada a nuove sfide nell’ambito della medicina personalizzata – conclude Bardelli – e permette di escludere trattamenti sicuramente inefficaci e inutili tossicità per il paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
Tumori: disagio psicologico per oltre il 50% dei pazienti, ma depressione non curata nel 70% dei casi
Il 20% delle persone con tumore è colpito da depressione, il 10% da ansia e oltre il 50% sviluppa disagio psicologico. Questi disturbi hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici. Ma sono individuati e curati solo nella minoranza dei casi. Per questo l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha richiesto una reale integrazione dell’assistenza psicosociale nella pratica clinica quotidiana
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
Sesso e cancro: a Londra la campagna shock per rompere i tabù
“Il cancro non sarà l’ultima cosa che mi fott*rà” (Cancer won’t be the last thing that f*cks me) è il titolo della provocatoria campagna pubblicitaria che sta tappezzando le strade di Londra in questi giorni. L’obiettivo è aiutare le sopravvissute al cancro a sentirsi degne di piacere sessuale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...