Salute 26 Gennaio 2022 12:32

Bambino morto a 10 anni per Covid, Biasci (FIMP): «Basta fake news, accelerare con vaccinazioni nella fascia 5-11 anni»

Caputo (FIMP Lombardia): «La vaccinazione previene il virus nella forma grave e anche il long Covid e la MIS-C, malattia multi-infiammatoria sistemica»

Bambino morto a 10 anni per Covid, Biasci (FIMP): «Basta fake news, accelerare con vaccinazioni nella fascia 5-11 anni»

«La morte del bambino di 10 anni per Covid all’ospedale Santa Margherita di Torino è una sconfitta per il sistema. Non è il primo episodio, purtroppo, e ogni volta che accade è un dramma e il senso di frustrazione ci pervade. Si sarebbe potuto evitare, nell’ambito delle malattie infettive abbiamo la possibilità di prevenire con i vaccini molte malattie. Mi metto nei panni dei genitori devastati dalla morte del bambino e dai sensi di colpa e dai dubbi per non averlo vaccinato. Mi piange il cuore». Così il Presidente di FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri), Paolo Biasci.

«Stop alle fake news»

Secondo fonti sanitarie il bambino non aveva comorbidità importanti, ma quando è giunto all’ospedale di Torino, proveniente da Mondovì, era in ipotermia, rabdomiolisi ed aveva dolori muscolari importanti agli arti inferiori con sospetta miocardite innescata dal virus. «I genitori sono vaccinati e dunque è incomprensibile la scelta di non proteggere il figlio, ma purtroppo è una situazione frequente, in particolare nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni perché nell’opinione pubblica, nei giornali e nelle trasmissioni televisive è passato un messaggio sbagliato ovvero che il Covid nei bambini non sia letale e addirittura si diceva che non colpiva i più piccoli. È una fake news. Ora siamo devastati dalle infezioni nei bambini non vaccinati e noi pediatri stiamo conducendo una battaglia straordinaria per la vaccinazione. Anche nel primo anno e mezzo della pandemia, prima della variante Omicron, c’erano già stati circa 30 morti tra i bambini, tanto che i decessi per Covid avevano superato quelli da meningite, quindi nel momento in cui è stata data la possibilità di vaccinare anche i piccoli non avrebbero dovuto esserci dubbi».

Secondo i dati americani un bambino ogni mille colpito da Covid finisce in ospedale

Secondo le statistiche dal 16 dicembre al 25 gennaio oltre il 30 percento dei bambini italiani nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni ha ricevuto almeno una dose. «Un risultato importante ma dobbiamo fare ancora meglio – aggiunge Roberto Caputo, FIMP Lombardia – e perché ciò accada occorre essere chiari con i genitori. Quando ho iniziato a spiegare loro quanto fosse importante la vaccinazione anti Covid citavo i dati americani secondo cui il vaccino evita una ospedalizzazione ogni mille contagi. Infatti, il virus col passare dei mesi è mutato e con l’aumento dell’immunità tra gli adulti, si è spostato verso l’età pediatrica raggiungendo tre ricoveri in terapia intensiva ogni diecimila contagi».

Rischio long Covid e MIS-C

Tra la prima e la seconda settimana di gennaio sono stati 74mila contagi in Italia con diverse ospedalizzazioni e complicanze. «Per questo abbiamo sempre cercato di far capire ai genitori che la vaccinazione è fatta nell’interesse principale del bambino perché previene il virus nella forma grave e anche il long Covid e la MIS-C, malattia multi-infiammatoria sistemica che può colpire i bambini dopo diverse settimane dall’infezione – aggiunge il segretario regionale FIMP -. Purtroppo, spesso è prevalsa la convinzione nell’opinione pubblica che gli effetti collaterali del vaccino siano più gravi del Covid stesso nei bambini, invece non è così. Su otto milioni di bambini vaccinati sono state registrate 11 miocarditi da vaccino, tutte regredite senza conseguenze, purtroppo invece il Covid che di norma dà solo dolori muscolari, febbre, cefalea, in 3 casi ogni 20mila può dare effetti gravi che necessitano un ricovero in terapia intensiva e quando ciò accade le conseguenze possono essere anche devastanti».

Accelerare con le vaccinazioni, anche a scuola

L’appello dei pediatri di famiglia è rivolto alle famiglie che ancora hanno dei dubbi sulle vaccinazioni anti Covid. «Se un bambino vaccinato contrae il virus ma è coperto da una o ancor più due dosi – dicono – avrà una sintomatologia lieve con febbre e cefalea o gastrointestinale, mentre chi non è vaccinato rischia di sviluppare anche forme più gravi. Quindi occorre accelerare cono le vaccinazioni uniformando il paese perché ci sono ancora situazioni molto differenti da regione a regione». Gli esempi virtuosi di Lombardia e Puglia, dove è stata sperimentata anche la vaccinazione a scuola, dovrebbero essere allargati ad altre regioni.   «Proprio la scuola potrebbe avere un ruolo importante – spiega Caputo –, anche come sede per la vaccinazione dei più piccoli perché permetterebbe di escludere già i bambini in quarantena, ma dovrebbe essere anche snellita la procedura burocratica che oggi frena le scuole e blocca l’attività dei pediatri costretti a fare certificati di quarantena e di riammissione a scuola».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...