Salute 3 Agosto 2018

Bambini e sicurezza stradale. Iurato (ministero Trasporti): «Senza seggiolino e cinture il rischio di ferite gravi o letali aumenta dell’80%»

«In Italia, solo il 47% della popolazione utilizza i dispositivi di sicurezza adeguati per i propri bambini durante i viaggi in auto. Seggiolini o rialzi, a seconda del peso, sono obbligatori fino a 150 cm di altezza». L’intervista a Valentino Iurato, della direzione generale per la Sicurezza Stradale del ministero dei Trasporti.

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Anche se il tragitto è breve i bambini vanno sempre posizionati sui seggiolini per auto e le cinture devono essere ben allacciate. Non farlo significa aumentare il rischio di ferite gravi o letali, in caso di incidente stradale, del 70-80% ». Parola di Valentino Iurato, della direzione generale per la Sicurezza Stradale del ministero dei Trasporti.

Le regole da rispettare per mettere in sicurezza i proprio piccoli durante viaggi, più o meno lunghi, sono poche ma fondamentali. «Per prima cosa – ha detto  il dirigente per la Sicurezza Stradale – bisogna seguire il Codice della strada, in particolare l’articolo 172 (uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta, ndr), individuando il seggiolino più adatto al proprio bambino. Questi dispositivi sono suddivisi per fascia di peso, normalmente riportata sull’etichetta di omologazione».

Per l’utilizzo di seggiolini e rialzi non esiste un limite di età, ma di altezza: «vanno usati fino a 150 cm – ha sottolineato Iurato – dopodiché sarà sufficiente la cintura di sicurezza».

Non utilizzare i dispositivi previsti dal Codice, posizionare i  bambini su seggiolini non adatti alla loro statura o non allacciare le cinture in modo adeguato, come dimostrato da alcuni studi, comporta un significativo aumento di ferite gravi e mortali. Conseguenze che, purtroppo, non sembrano essere uno stimolo sufficiente al rispetto delle regole: «Come ministero – ha commentato Iurato – abbiamo controllato la percentuale di coloro che utilizzano seggiolini e rialzi. La media nazionale risultata è del 47%, con forti variazioni nelle diverse aree della Penisola. Al nord si tocca un picco di diffusione del 60%, al centro si scende al 50, fino al 17% registrato nelle regioni del sud. I dati – ha aggiunto il dirigente ministeriale – sono frutto di osservazioni fatte su tutto il territorio nazionale dal ministero dei Trasporti in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Un lavoro cominciato diversi anni fa per verificare l’utilizzo del casco, proseguito, poi, con l’uso delle cinture di sicurezza anteriori e posteriori, fino a constatare, tra il 2015 e il 2016, l’abitudine degli italiani ad adoperare tutti i dispositivi necessari per mettere in sicurezza i bimbi a bordo delle auto».

Ed ai genitori convinti che le proprie braccia possano sostituire le cinture di sicurezza Iurato consiglia «di perdere al più presto questa cattiva abitudine. In caso di frenata, anche se alcuni potranno essere convinti del contrario, è assicurato – ha concluso –  che nessuno, per le forze in gioco, potrà essere completamente in grado di trattenerli. È solo un’illusione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Perché non ci sono professionisti pediatrici nel gruppo che ha redatto le regole per i tamponi ai bambini?»
di Filippo Festini, Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Università di Firenze
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Salute, Cavandoli (Lega): «Sostegno a Pandas-day, Stato riconosca malattia che colpisce bambini»
«Impegniamoci tutti perché lo Stato la riconosca e investa in ricerca e cure e soprattutto perché questi bambini non vengano trattati come malati psichiatrici, visto che la maggior parte dei pazienti migliora con un trattamento antibiotico» sottolinea la deputata della Lega Laura Cavandoli
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare