Salute 7 Agosto 2017

Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»

Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro

Immagine articolo

Autocertificazione di malattia per i lavoratori? No grazie. Neanche se valida solo per i primi tre giorni di assenza dal lavoro. Massimo Giansante, Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) non vede di buon occhio la proposta di legge presentata dal Senatore Romani (Gruppo Misto), Vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, che propone di permettere al lavoratore di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro. Il motivo? «Solo un medico può capire se dolori comuni come un mal di testa o un mal di pancia siano sintomo di qualcosa di più importante e grave».

Vicepresidente Giansante, qual è la sua opinione rispetto alla proposta di legge del Senatore Romani sull’autocertificazione per i primi tre giorni di malattia?

«Come associazione ovviamente abbiamo avuto delle forti perplessità. In primo luogo, non è ancora ben chiaro quale sia, in realtà, la proposta. Lo stesso Senatore Romani, nelle sue ultime comunicazioni alla stampa, ha detto che si prenderà del tempo, fino alla fine dell’anno, per definirla meglio. In linea di massima, da quel che abbiamo capito finora, siamo contrari perché riteniamo che esistano delle patologie non obiettivabili: un paziente con una cefalea o un dolore addominale può pensare di non avere nulla di grave, ma il medico può vedere dei segni che possono far pensare ad un’appendicite. Perdere due giorni e poi trovarsi con una peritonite non credo sia nell’interesse né del paziente, né del datore di lavoro, né dell’Inps. Insomma, non è negli interessi della società in generale, che poi è quella che pagherà questa malattia».

Come si procede in questi casi, quado si accusano dei malesseri piuttosto comuni?

«Al momento, la certificazione deve essere rilasciata dopo avere effettuato una visita o un esame. Da medico, comprendo perfettamente che ci sono delle patologie difficilmente obiettivabili. Però, ripeto, se nessuno effettua un controllo, si rischia di lasciarsi sfuggire patologie molto più gravi, magari in un solo caso su 10, o su 20, o su 100. Un paziente che ha un dolore addominale va esaminato con una visita e una palpazione addominale. Se ha una cefalea, va esaminato quanto meno con una misurazione della pressione, e magari qualche semplice esame neurologico, di quelli che si possono fare anche a domicilio. Tutto questo può servire ad individuare casi in cui forse la cosa non è così banale come sembra. Certo, i medici di famiglia hanno dei grossi problemi e lo riconosciamo, ma questa non è secondo noi la soluzione ideale per risolverli».

Quindi l’associazione si oppone a questa proposta anche e soprattutto per salvaguardare il cittadino?

«Per la salvaguardia del cittadino ma anche per problemi nostri pratici. È ovvio che le problematiche introdotte dalla Legge Brunetta con la responsabilità del medico comportano per il professionista di medicina generale un aggravio dal punto di vista delle spese. Il venir meno comporterebbe per loro un risparmio ma, probabilmente, comporterebbe per noi un aggravio, quindi ci sono anche dei banali problemi economici che andrebbero affrontati. Quindi forse la proposta andrebbe organizzata meglio, poi si vedrà».

Un’ultima domanda. Rispetto alla proposta di legge Madia, quindi su un aumento dei controlli per cercare di prevenire fenomeni di assenteismo, e anche al polo unico dell’Inps, come vede questa proposta, per certi versi forse contraddittoria?

«Francamente non ho capito, probabilmente per mia colpa, se questa proposta è applicabile a tutti i lavoratori o solamente a una parte. Su qualche testata ho letto che vale solo per i dipendenti pubblici. Adesso, dopo che abbiamo fatto la riforma Madia che finalmente unifica le fasce orario, e che quindi ci rende tutti uguali, andare a creare un sistema per una categoria, un sistema per l’altra, mi sembra una contraddizione. Allo stato attuale non capiamo bene cosa sta accadendo e comunque, di massima, da quello che capiamo non ci sembra una buona soluzione. Poi se a dicembre ci saranno delle altre proposte ne riparleremo».

 

Articoli correlati
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...