Salute 3 Gennaio 2020

Autismo, la storia di Matteo. «Testardi ma fortunati. Ora va a scuola come tutti i bambini»

«La prima parola di Matteo? Né mamma né papà, ma ‘acqua’. Per noi è stata una conquista enorme» racconta mamma Elena che si è affidata all’Anffas di Ostia

Immagine articolo

Occhi vivaci e un leggero sorriso che esprime subito simpatia. Gioca ai piedi dell’albero di Natale Matteo, 8 anni e un disturbo dello spettro autistico. «È un bambino giocoso – spiega sua mamma Elena senza mai perderlo di vista -, ma non è stato sempre così».

La famiglia di Matteo, come tante altre, ha dovuto affrontare un lungo e tortuoso percorso per giungere ad una diagnosi. «All’inizio andava tutto bene. Poi invece dall’età di un anno e mezzo abbiamo notato dei piccoli peggioramenti. Non parlava. Era il nostro primo figlio, non sapevamo come agire. Ci dicevano di non preoccuparci ma sapevamo che qualcosa non andava. Noi siamo stati fortunati e anche un pochino testardi. Abbiamo girato molto e alla fine è arrivata la diagnosi che speravamo di non ricevere mai: sindrome dello spettro autistico».

Cosa significa vivere con un figlio con la sindrome dello spettro autistico? «Non è facile da spiegare. Oggi se ne parla tanto ma quando capita a te tutto cambia in un istante. Nel momento in cui ti arriva la diagnosi il mondo ti cade letteralmente addosso e capisci che devi tirare fuori una forza che non pensavi di avere. All’inizio eravamo disorientati, non sapevamo cosa fare» continua a raccontare Elena, che è arrivata in Italia insieme a suo marito 20 anni fa. «Siamo soli, i nostri parenti sono in Romania. Per fortuna abbiamo conosciuto l’Anffas di Ostia, l’associazione nazionale di famiglie e persone con disabilità intellettiva. Grazie a loro Matteo ha fatto enormi passi da gigante e noi abbiamo trovato una famiglia. È difficile frequentare altre famiglie che non hanno le tue stesse problematiche. Non ti capiscono e tu non capisci loro. Non è cattiveria, credo sia solo una cosa naturale».

LEGGI: AUTISMO, I CAMPANELLI DI ALLARME: RITARDO NEL LINGUAGGIO, DIFFICOLTÀ DI INTERAZIONE SOCIALE, INTERESSI RISTRETTI E STEREOTIPATI

L’autismo è un disturbo del neuro-sviluppo che coinvolge principalmente tre aree: il linguaggio, la comunicazione e l’interazione sociale. Poiché copre un ampio spettro di sintomi, abilità e livelli di disabilità, l’autismo è ora chiamato disturbo dello spettro autistico (ASD). «La diagnosi sempre più precoce e precisa – spiega Francesco Cesarino, direttore sanitario di Anffas Ostia, uno dei più importanti enti nel Lazio che si occupa di disabilità intellettiva e relazionale – è certamente uno dei più importanti risultati raggiunti dalla ricerca scientifica negli ultimi anni. Tanto più precocemente si individua la disabilità e si inizia la terapia riabilitativa tanto più è possibile raggiungere risultati fino a qualche tempo fa insperati e impensabili. Basti pensare che alcuni dei ‘nostri ragazzi’ hanno iniziato oggi un percorso lavorativo. Un problema rilevante resta però quello delle liste d’attesa. Al momento, in Anffas, ci sono ben 830 bambini in attesa».

Consigli per le famiglie? «Bisogna avere pazienza – spiega, infine, mamma Elena -. All’inizio non è facile accettare quello che ti è capitato. Vedere gli altri bambini ti fa stare male. Non riuscire più a frequentare i tuoi amici o fare le cose che fanno tutte le altre famiglie è dura. Però poi tiri fuori una forza enorme e vai avanti. Matteo ha fatto tantissimi progressi, ci dà tante soddisfazioni e ci porta tanta gioia».

Articoli correlati
La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus
Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 
di Tommaso Caldarelli
«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA
VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…
Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa
Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»
di Federica Bosco
«Visite nel weekend ma con investimento su tecnologie» a Cittadinanzattiva piace l’idea di Salvini
Secondo il segretario generale, Antonio Gaudioso si tratta di una delle soluzioni possibili per abbattere le lunghe liste d'attesa: «Non c’è nessun tipo di problema per i cittadini ad andare anche nel corso del weekend, anche di sera»
Patto per la Salute, stop del Mef a flessibilità sui tetti di spesa per il personale e implementazione liste d’attesa
Pubblicata da Quotidiano Sanità la nuova bozza del Patto della Salute 2019-2020 rivista dal Mef. Ne esce fuori un testo pesantemente ridotto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...