Salute 19 Agosto 2021 16:35

Attacco hacker nel Lazio, dopo 20 giorni ancora disagi per Green pass e registrazioni

Era il 1 agosto quando la Regione Lazio ha annunciato di essere vittima di un potente attacco hacker. Down anche la piattaforma dei vaccini ripristinata in 4 giorni. I cittadini e i medici però rilevano ancora disagi su piattaforme e servizi online, anche se in via di risoluzione. Di cosa si è trattato?

Attacco hacker nel Lazio, dopo 20 giorni ancora disagi per Green pass e registrazioni

Cittadini senza Green pass per via delle registrazioni a rilento, password che non funzionano e profili bloccati ai medici vaccinatori. Sono trascorsi 20 giorni da quando la Regione Lazio ha annunciato un attacco hacker ai propri danni e, nonostante le recenti rassicurazioni del presidente Nicola Zingaretti, alcune conseguenze ancora perdurano.

Green pass mancanti

Molti i cittadini del Lazio in difficoltà in vacanza, dopo aver fatto il vaccino il giorno dell’attacco hacker o in quelli successivi, che non riescono a recuperare la certificazione neppure con il sistema suggerito per chi non ha ricevuto il codice. Proteste anche da parte dei medici di medicina generale che, come segnala Il Corriere Roma, accedono a singhiozzo alla piattaforma dell’anagrafe vaccinale e registrano con ritardo le dosi somministrate ai propri pazienti in studio. Stesso problema rilevato da alcune farmacie laziali, che oltre a registrare i vaccini devono generare Green pass anche per i tamponi rapidi. Password non riconosciute e identità digitali bloccate per alcune strutture, anche se Federfarma segnala che il problema è in via di risoluzione.

Che tipo di attacco hacker è stato?

Quanto è stato profondo l’attacco dunque? Il presidente Zingaretti lo ha definito «senza precedenti». In effetti, domenica 1 agosto il portale per la prenotazione vaccini risultava completamente bloccato, per ripartire solamente il 5 agosto dopo aver ripristinato il backup che gli hacker avevano cancellato e non criptato, come si era pensato inizialmente. Il sito Cybersecurity360, riferimento per gli esperti del settore, lo ha classificato come “ransomware finalizzato a scopo di soldi“. Opera di un gruppo criminale che aveva già attaccato anche governi stranieri.

Quando un attacco hacker non chiede riscatto è classificato come “terroristico”, spiega ancora il sito, dunque l’iniziale assenza di una richiesta di denaro aveva gettato nel panico gli addetti ai lavori. Per contro la richiesta di criptovaluta c’è stata da parte degli hacker, sebbene non sia stata accettata (ufficialmente) dalla Regione.

Da dove è partito l’attacco

Quel che sembra essere confermato è che l’attacco sia partito dal pc di un dipendente di LazioCrea, in smartworking da Frosinone, contagiato da un malware su cui avrebbe cliccato lui o suo figlio che utilizzava il computer. I dati sanitari erano al sicuro in un database separato, dunque dopo il blocco della piattaforma vaccini, il ripristino generale è stato ultimato in 4 giorni. Non così per tanti documenti regionali legati a rifiuti ed edilizia, necessari per l’operatività. Per ora, come confermato anche da Zingaretti e dall’assessore alla Salute Alessio D’Amato, non risultano furti di dati. Tutto dovrebbe risolversi dunque, ma quando?

In contemporanea a quanto accaduto, il Senato ha approvato un provvedimento che istituisce l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale lo scorso 3 agosto. Mentre nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza ben 620 milioni sono riservati al rafforzamento delle infrastrutture legate alla protezione cibernetica italiana, mostrando un rinnovato interesse della politica verso la sicurezza in questo campo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Cittadini (Aiop): «Attacco hacker Lazio campanello allarme, tutelare dati sanitari»
«Occorre promuovere in tempi rapidi uno sviluppo digitale dei servizi offerti. Non solo la componente di diritto pubblico della sanità, ma anche quella di diritto privato può essere ugualmente messa a rischio», spiega la presidente di Aiop Barbara Cittadini
Attacco hacker, Ue preoccupata: «Sanità sempre più nel mirino». Danni a professionisti e pazienti
Quella che poteva sembrare una storia locale e di breve durata si sta dimostrando un problema molto più grosso che interessa anche l’Unione europea. In ballo ci sono dati sensibili, il lavoro degli operatori sanitari e la salute dei cittadini
Nel Lazio 1,5 milioni di prestazioni sanitarie erogate in meno
Presentato 2° Report Cittadinanzattiva Lazio. I dati fanno riferimento al 2019-2020: «Servizio sanitario territoriale appare appesantito, fragile e esausto nelle diverse componenti»
Lazio, ridotta del 91% incidenza ricovero per over 80 vaccinati. Zingaretti: «Punto di svolta, avremo un’estate diversa»
Lazio prima Regione a studiare effetti vaccini su popolazione. L'assessore alla Sanità D’Amato: «Lavoro straordinario, risultati lusinghieri che dimostrano l’importanza di tutti i vaccini»
Lazio, firmato accordo per il rafforzamento del servizio sanitario regionale e il potenziamento del capitale umano
«Tra i punti dell’accordo - dichiara Luciano Cifaldi, firmatario dell’accordo per la Cisl Medici - la proroga al 31 dicembre dei contratti in scadenza e la piena corresponsione ai lavoratori di quanto concordato con l’accordo relativo alla premialità Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...