Salute 14 Giugno 2021 15:26

Asma, se la conosci la combatti. Rogliani (Tor Vergata): «Stop all’uso indiscriminato di SABA»

Intervista alla pneumologa Paola Rogliani (Tor Vergata) che, in occasione della V edizione della campagna Asma Zero Week, mette in guardia sui rischi di una scorretta gestione della patologia

Asma, se la conosci la combatti. Rogliani (Tor Vergata): «Stop all’uso indiscriminato di SABA»

Si conclude oggi la settimana di campagna Asma Zero Week, un’iniziativa giunta quest’anno alla sua quinta edizione che ha messo a disposizione consulenze specialistiche gratuite in oltre 50 Centri specializzati in tutta Italia. La campagna, promossa anche quest’anno da FederASMA e ALLERGIE Odv – Federazione Italiana Pazienti, con il patrocinio della Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica (SIAAIC) e della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS), in partnership con AstraZeneca, nasce con l’obiettivo di sensibilizzare gli oltre 3 milioni di pazienti asmatici in Italia sull’importanza della prevenzione degli attacchi d’asma e la possibilità di ridurne l’impatto sulla vita quotidiana attraverso l’adozione di corrette strategie terapeutiche, informando, in particolare, circa i possibili rischi connessi ad un abuso dei broncodilatatori a breve durata d’azione.

Su questo, Sanità Informazione ha intervistato Paola Rogliani, professore associato di Malattie dell’Apparato Respiratorio, Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università di Roma Tor Vergata e direttore UOC Malattie Apparato Respiratorio, Dipartimento di Emergenza e Accettazione, Fondazione Policlinico Tor Vergata, Roma.

L’asma è una patologia diffusa, da cosa scaturisce e come riconoscerla?

«L’asma è una condizione infiammatoria cronica caratterizzata da senso di costrizione e mancanza di respiro, che colpisce i bronchi, causando una alterazione dei flussi d’aria che attraverso le vie aeree giungono ai polmoni. I bronchi dei pazienti asmatici vanno incontro ad un ispessimento che può accompagnarsi a una iperproduzione di muco. La forma prevalente di asma è su base allergica: può trattarsi di allergeni stagionali, come pollini e piante, o allergeni perenni come la polvere o la proteina presente nella saliva dei gatti, con la quale questi si puliscono il pelo. Ci sono poi altre forme di asma dovute ad una iperreattività bronchiale, in cui il soggetto è particolarmente sensibile a livello di vie aeree a qualsiasi stimolo che possa provocarne una contrazione e restringimento, come lo sforzo, il troppo caldo, il troppo freddo, il fumo, persino il profumo».

Quanto è importante e come funziona una corretta presa in carico?

«Il paziente asmatico va preso in carico al momento della diagnosi in un percorso che accompagna ed educa il paziente alla comprensione della propria condizione e che aiuta a rimodulare la sintomatologia. L’obiettivo del trattamento, infatti, è quello di evitare che il paziente abbia fasi acute e debba quindi ricorrere ai SABA (beta agonisti a breve durata d’azione) a base di salbutamolo, o che rischi di essere ospedalizzato o ancora che debba ricorrere a terapie supplementari. Il paziente, se correttamente guidato, impara autonomamente a riconoscere le fasi che possono precedere un’eventuale acuzie così da rendere gestibile la convivenza con questa cronicità, e può modulare il trattamento in base alle necessità».

Il trattamento farmacologico: quali sono le linee guida e i rischi del “fai da te”?

«Fino al 2018 le linee guida prescrivevano l’utilizzo al bisogno dei SABA. Queste raccomandazioni sono cambiate nel 2019, perché si è visto che l’abuso di questa modalità determina uno scarso controllo della malattia. Il paziente, infatti, ha comprensibilmente necessità di avere sollievo immediato dal suo sintomo acuto, la sensazione di soffocamento, per cui tende a usare più del dovuto la bomboletta spray dei SABA. La necessità, invece, è di rispondere a una doppia esigenza: sicuramente quella del paziente di ottenere sollievo immediato, ma anche controllare lo stato infiammatorio. Le nuove raccomandazioni, quindi, raccomandano l’uso in associazione di corticosteroide inalatorio (che agisce sulla condizione patologica riducendo l’infiammazione) e un nuovo beta agonista, non più il salbutamolo ma il formoterolo, che agisce sul sintomo fornendo sollievo immediato fino a 12 ore. Uno studio pubblicato nel 2020 su European Respiratory Journal evidenzia che il sovra utilizzo di SABA (identificato in più di tre confezioni all’anno per paziente) è associato a un aumento di riacutizzazioni proporzionale al numero di confezioni utilizzate, che si traducono in trattamenti supplementari, visite non programmate e ospedalizzazioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Asma, BPCO e malattie cardiache: Valle del Sacco peggio della Terra dei Fuochi. L’appello a Speranza
La presenza di polveri sottili oltre la norma, le temibili PM2,5, rende Frosinone e una parte della sua provincia ad alto rischio. La pneumologa Teresa Petricca: «Eventi ischemici aumentati del 67%, prevalenza di asma e BPCO oltre la media nazionale. Per questo stiamo sensibilizzando la popolazione». Silenzio da Regione Lazio e Asl. Il Registro Tumori ancora al palo
Giornata mondiale dell’asma, l’appello di AIPO-ITS: «Riaprire ambulatori. Lo chiedono anche i pazienti»
per quanto riguarda l’asma, rispetto al 2019, nel 2020 si è registrata una riduzione delle diagnosi (-19%), dei nuovi trattamenti (-18%) e una netta riduzione delle richieste di spirometrie (-45%)
Torna ASMA ZERO WEEK: dal 12 al 16 ottobre visite di controllo gratuite in oltre 40 Centri specializzati
Sono circa 300 milioni le persone nel mondo chiamate a convivere con l’asma, 1 ogni 20. In Europa circa 30 milioni di bambini e adulti di età inferiore ai 45 anni soffrono di questa impattante malattia infiammatoria cronica delle vie aeree. Dispnea, sensazione di costrizione toracica, tosse e broncospasmo sono i sintomi principali che richiedono […]
Incendi Australia, i rischi per i residenti (tra i più asmatici al mondo). L’esperto: «In aria sostanze cancerogene e polveri sottili»
Intervista al dottor Claudio Micheletto, Direttore Pneumologia Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona: «Con patologie pregresse aumenta la pericolosità dei fumi»
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva