Salute 3 Aprile 2019

Artelier, a Milano il centro che aiuta i ragazzi affetti da autismo e psicosi gravi: quando l’arte aiuta a stare meglio

Il fondatore del progetto Giuseppe Oreste Pozzi (psichiatra): «Il 25% degli ospiti dei centri residenziali e diurni possono tornare a vivere fuori dai circuiti della psichiatria e della neuropsichiatria». A maggio si svolge il Festival dell’Espressività presso la struttura dei chiostri quattrocenteschi della Società Umanitaria

di Federica Bosco

Colori, quadri, sculture di carta pesta e musica, in ogni angolo si respira il profumo dell’arte in questi luoghi. Quella che un tempo era la sede storica della casa di Nazaret in via don Carlo Salerio 51 a Milano, da qualche mese è la casa di 80 adolescenti che popolano Artelier, un’organizzazione costituita da un’associazione di volontariato e una cooperativa sociale che gestisce cinque centri clinici, quattro accreditati dal sistema sociosanitario ed un quinto privato. A questa organizzazione si aggiunge un consultorio dove operano, oltre agli psicoterapeuti, anche psichiatri e neuropsichiatri. «I nostri ragazzi sono autistici o con psicosi gravi – spiega il fondatore del progetto, il professor Giuseppe Oreste Pozzi, psichiatra e psicoterapeuta – tanto che nel centro residenziale abbiamo anche l’accoglienza notturna, mentre invece gli altri centri sono diurni, uno opera dal lunedì al sabato dalle 9 alle 16 mentre gli altri lavorano al pomeriggio dalle 14 alle 18. E devo dire che questi secondi centri operano anche sul versante di un inserimento lavorativo protetto.

Quanto aiuta l’arte da un punto di vista psicologico e anche medico?

«L’arte è fondamentale, i nostri ragazzi arrivano tutti con un oggetto, ma il problema è che sono fossilizzati su quello. Uno di questi ad esempio era fossilizzato sulla meteorologia e quando l’abbiamo dimesso era diventato il regista dei telegiornali della nostra attività. Se c’è una fossilizzazione su un oggetto solo vuol dire che non vuole staccarsi, invece grazie all’arte, che offre una duttilità incredibile, si favorisce un recupero. Oggi per esempio usiamo i ritratti artistici, tanto è vero che andiamo in giro per i bar, per i locali pubblici di Milano con la mostra “Ritrattabili”. Questo è un modo per i ragazzi di rimettere in gioco la propria identità a partire dalla ricostruzione del proprio volto».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE “L’ARTE CHE CURA”

Che percentuali di recupero hanno questi ragazzi?

«Il 25% degli ospiti dei centri residenziali e diurni possono tornare a vivere fuori dai circuiti della psichiatria e della neuropsichiatria. Oggi per esempio la nostra prima ospite con schizofrenia e rischio suicidario sta viaggiando per il mondo, ha comprato casa, ha un’attività impiegatizia, guida la macchina. Quindi lei paga con il suo lavoro e il suo stipendio le tasse e non siamo invece noi a dover pagare per tenerla in una struttura. Poi non tutti ci riescono, ma in linea di massima i tre centri diurni servono tantissimo per accogliere e per dimettere i ragazzi, trovando loro anche una collocazione lavorativa».

Quanto Milano vi aiuta in questo?

«Siamo appena arrivati, prima fuori città avevamo costruito una rete importante, ora stiamo incominciando a costruire i rapporti con il territorio e con le scuole. Con queste ultime stiamo portando avanti un progetto che si chiama “La voce dei forti”, con l’idea di dimostrare che è necessario ed opportuno valorizzare le differenze che hanno le persone. È un lavoro che approderà al Festival dell’Espressività che facciamo ogni anno a maggio presso la struttura dei chiostri quattrocenteschi della Società Umanitaria: dimostrare che lavorare insieme, magari da soli, ma non in solitudine, la paranoia personale, istituzionale, sociale e famigliare si abbassa. Quest’anno il tema riguarda i legami, perché nella vita di ogni individuo sono essenziali, senza incontri fortunati il desiderio non circola, la vita non circola e c’è un appiattimento totale».

Articoli correlati
Autismo, ok a risoluzione Commissione Affari Sociali: tra le richieste aumento pensioni di invalidità e più personale nei servizi di salute mentale
Prima firmataria Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia. Alla base delle richieste al governo la mancata attuazione di alcune disposizioni normative. Governo viene impegnato anche ad assegnare i beni confiscati alla mafia e degli enti locali per realizzare attività socio-educative-sportive e sostenere l’imprenditorialità con la creazione di fattorie sociali e dell'orticoltura
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
Blockchain e diritti, a Milano la nuova tecnologia che misura la “patient satisfaction” per ridurre i contenziosi
Permette di raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Cambierà completamente il paradigma nel mondo sanitario»
Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»
A Milano il congresso dell’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research alla Statale. «Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma», sottolinea il ricercatore dell'Università di Atlanta
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone