Salute 28 Febbraio 2023 16:33

Arte e disabilità visiva, a Napoli la mostra fotografica per l’inclusività

Inaugurata al PAN in occasione della Giornata Nazionale del Braille, la mostra invita lo spettatore a “vedere” con le emozioni

Arte e disabilità visiva, a Napoli la mostra fotografica per l’inclusività

La fotografia e la cecità. Sembrerebbe un ossimoro, ed invece è il fil rouge che ha animato un bellissimo progetto di inclusione, realizzato dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI) di Napoli insieme alla Fondazione Istituto Strachan Rodinò e al Centro di consulenza tiflodidattica di Napoli.

L’arte visiva per i non vedenti non è una contraddizione

A partire dal 2019, infatti, in occasione dei campi estivi organizzati da queste associazioni, si è sviluppata quest’attività che ha avvicinato i bambini e ragazzi non vedenti e ipovedenti al mondo della fotografia. Coniugando attività ludiche, ricreative e riabilitative all’apprendimento delle tecniche fotografiche, i ragazzi hanno realizzato scatti che dimostrano come la vista sia il senso privilegiato per la fruizione dell’arte, ma non necessariamente per la sua creazione.

Una inedita mostra fotografica

Gli scatti realizzati dai ragazzi sono confluiti in una mostra fotografica ospitata al PAN di Napoli, intitolata “Catturiamo emozioni con il loro approccio” inaugurata il 24 febbraio a ridosso della Giornata Nazionale del Braille. Guidati e coordinati dall’esperienza della fotografa napoletana Marzia Bertelli, i ragazzi hanno realizzato fotografie che immortalano attimi di vita vissuta, guidati dal suono delle loro voci per scattare i ritratti, e da tutti gli altri sensi per scattare fotografie alla natura ma anche di meravigliosi panorami della città.

Colmare i gap attraverso l’arte

Il risultato è una carrellata di immagini che guida il visitatore all’interno della prospettiva di un non vedente, che supplisce alla disabilità visiva attraverso le emozioni, la ragione, e gli altri sensi a disposizione. E soprattutto dimostra che il mondo della fotografia e dell’arte in generale non può più essere un tabù per non vedenti e ipovedenti.  «Questa iniziativa nasce per cercare di colmare quel gap che esiste tra i ragazzi non vedenti e coloro i quali non hanno una disabilità visiva. Abbiamo dimostrato che, se messi nelle giuste condizioni, per loro nulla è impossibile – commenta ai nostri microfoni Mario Mirabile, presidente UICI Napoli». Non a caso, nell’ambito dell’inaugurazione della mostra fotografica, si è tenuta la tavola rotonda di confronto intitolata “Bambini, cecità e arte”, che ha messo in evidenza l’importanza di mettere in campo nuove strategie e metodologie per avvicinare i bambini con disabilità visiva al mondo dell’arte, in tutte le sue sfaccettature.

Arte, fotografia, inclusività

«La fotografia è solo da poco tempo parte fondamentale dei processi di inclusività dei ragazzi non vedenti e ipovedenti – è il commento di Silvana Piscopo, responsabile Istruzione UICI Napoli – cui troppo spesso viene preclusa non solo la fruizione dell’arte, ma anche i processi creativi che la sottendono. Eppure la piena inclusione sociale passa anche e soprattutto da questo. L’arte è uno strumento che unisce e abbatte tutte le barriere».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...