Salute 8 Marzo 2022 11:55

Anelli (Fnomceo): «Massima disponibilità, sostegno e supporto per chi arriva da assurdo teatro di guerra»

La FNOMCeO raccoglie e condivide l’appello dei colleghi russi per dire basta alla guerra. Mangiacavalli (Fnopi): «Doverosa accoglienza e accesso a prestazioni sanitarie indispensabili per i rifugiati. Popolo con basso tasso di vaccinazione, attorno al 30%»

A pubblicare la notizia prima il British Medical Journal, poi i media internazionali. Di recente, 15 mila professionisti sanitari russi hanno scritto una lettera aperta a Vladimir Putin, invitandolo ad interrompere la guerra in Ucraina.

In nome dei principi deontologici e del Giuramento di Ippocrate, l’appello è stato raccolto e condiviso dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri per voce del Presidente Filippo Anelli.

Stop alla guerra, l’appello congiunto di Fnomceo e Federazione spagnola

«Il coraggioso monito dei colleghi russi non può lasciarci indifferenti – ha dichiarato Anelli -. Il grido di dolore dei sanitari non può trovarci sordi come Ordini, chiamati a garantire quei diritti umani che oggi sono violati. Non può non scuoterci come cittadini e non risuonare nei nostri animi in quanto esseri umani che parlano lingue diverse. Ma urlano e piangono con l’unico e uguale linguaggio del dolore e della sofferenza».

L’impegno dei medici di tutto il mondo è aiutare ogni persona indipendentemente da nazionalità, religione, credo politico. Senza alcuna discriminazione e per tutelare i diritti fondamentali di ogni cittadino riconosciuti dalla nostra Costituzione. Un dovere che non conosce deroghe, che il medico è chiamato a rispettare sempre. «Siamo fortemente preoccupati che il regime svolga attività di ritorsioni nei confronti di tutti i medici e operatori sanitari che hanno firmato quella petizione – ha spiegato ai nostri microfoni -. Per questo stiamo organizzando insieme con altre federazioni nazionali, come quella spagnola, un appello congiunto. E chiediamo un intervento del Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, affinchè si adoperi per tutelarli».

Anelli: «Massima disponibilità e supporto da parte della professione»

E sull’assistenza e l’appoggio italiano, Anelli non ha dubbi: «C’è la massima disponibilità, sostegno e supporto da parte della professione – ha aggiunto – per tutti i profughi che vengono da quel teatro assurdo di guerra. Sia nelle forme che Governo, ministro Speranza e protezione civile decideranno sia con le associazioni di volontariato».

Mangiacavalli (Fnopi): «Medici e infermieri pronti alla presa in carico dei rifugiati»

Anche Barbara Mangiacavalli Presidente Fnopi, è convinta che medici e infermieri italiani siano formati e pronti ad accogliere i rifugiati che arriveranno. «Abbiamo colleghi che aderiscono a organizzazioni internazionali di volontariato profit e no profit – ha evidenziato a Sanità Informazione -. Colleghi che collaborano con la protezione civile e sono impegnati nella clinica e nell’organizzazione. All’interno delle nostre strutture si stanno predisponendo già i piani per la presa in carico di queste persone».

«Doverosa accoglienza e accesso a prestazioni sanitarie. Popolo con basso tasso di vaccinazione»

La guerra che si combatte in Ucraina ha messo in secondo piano la lotta al Covid-19. Rischiamo un riacutizzarsi della curva pandemica? «Direi di no con una certa tranquillità – ha detto la Mangiacavalli -. Non dobbiamo abbassare la guardia e mantenere i comportamenti indicati dal CTS. Possiamo fare a meno delle mascherine all’aperto e a fine marzo vedremo quali altre indicazioni arriveranno. La campagna vaccinale è a un ottimo punto, con picchi in alcune regioni ma c’è un allineamento importante sulla percentuale dei vaccinati. Mi sento di dire che forse ci siamo incamminati verso un percorso di consolidamento di comportamenti e azioni che ci aiutano convivere con questa situazione, sia nella vita professionale che nella vita quotidiana. Ricordiamoci, però, che è un popolo che ha un tasso di vaccinazione attorno al 30-35%. Oltre alla doverosa accoglienza e messa in sicurezza di queste persone, bisogna anche fare in modo che possano accedere a tutte quelle prestazioni sanitarie indispensabili affinché la convivenza nel nostro paese possa essere la più appropriata» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali