Salute 3 Gennaio 2020

Ancora un’aggressione, a Sassari ambulanza a fuoco per un petardo. FIMMG: «Siamo in trincea»

La preoccupazione del segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, Francesco Marino: «In media un’aggressione fisica o verbale ogni due giorni»

Immagine articolo

Nuova aggressione al personale sanitario di un’ambulanza 118. A Sassari un petardo è stato lanciato contro il mezzo di soccorso che è bruciato. A denunciare l’episodio il presidente nazionale della Società Italiana Sistema 118, Mario Balzanelli, attraverso un post Facebook. Un caso identico a quello accaduto meno di 48 ore fa a Napoli, dove un medico adesso rischia di perdere l’udito. «Siamo molto preoccupati» rivela Francesco Marino, segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale. «In media siamo ad un’aggressione fisica o verbale ogni due giorni ai danni del personale dei mezzi di soccorso».

LEGGI: NAPOLI, PETARDO SCOPPIA SOTTO AMBULANZA FERENDO UN MEDICO. “NESSUNO TOCCHI IPPOCRATE”: «DUE AGGRESSIONI IN 24 ORE»

«Le aziende ospedaliere salvaguardino gli operatori» chiede il segretario Marino, contattato telefonicamente da Sanità Informazione. «Abbiamo chiesto più volte il riconoscimento dello stato di pubblico ufficiale, perché questo creerebbe una procedibilità d’ufficio. Potrebbe essere un deterrente. Anche perché spesso succede che gli operatori aggrediti vengono sostanzialmente lasciati soli dall’azienda. Devono prendersi un proprio avvocato, devono provvedere a fare denuncia personalmente ed inoltre l’iter è abbastanza lungo. Serve assistenza legale ed eventualmente assistenza psicologica. Essere oggetto di un’aggressione non è normale. Non è possibile andare a lavoro sperando di rientrare a casa incolumi alla fine del turno».

Ai medici aggrediti la solidarietà della Federazione dei Medici di Medicina Generale (FIMMG). «Siamo tutti con loro e sullo stesso piano. Ogni giorno – conclude Marino – il nostro turno è un turno di trincea. Nel caso i colleghi vogliano avere il supporto legale, FIMMG-Emergenza sarà al loro fianco». In campo anche la campagna di sensibilizzazione “Non sono un bersaglio”. Promossa dalla Federazione Italiana di Medicina Generale (FIMMG) e la Croce Rossa Italiana contro le aggressioni al personale sanitario, ha l’obiettivo di valorizzare la figura dell’operatore sanitario e promuovere un comportamento corretto nell’utenza.

Articoli correlati
Tamponi rapidi dai medici di famiglia: sì all’accordo ma i sindacati sono divisi
Siglato l’accordo con la Sisac per l’effettuazione dei tamponi rapidi dai medici di famiglia. Raggiunta l’intesa con la medicina generale, contrari anche Smi e Cgil. Scotti (Fimmg): «Pronti ad assumerci ulteriori responsabilità, ma sempre nel rispetto della sicurezza»
Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG
La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
App per la salute e soluzioni digitali, per i Medici di Famiglia «vanno “prescritte” come qualsiasi altra iniziativa di diagnosi e cura»
Al Congresso FIMMG il Centro Studi presenta una iniziativa condotta con metodo scientifico per condividere gli orientamenti della categoria in prospettiva della definizione di una position paper sull’argomento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...