Salute 15 Luglio 2019 13:19

Alzheimer, sbarca negli Stati Uniti il primo kit per la diagnosi precoce

Ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi della malattia. Nel mese dedicato dall’Organizzazione mondiale della sanità all’auto-cura, via al programma che permette di diagnosticare la presenza di fattori di rischio della malattia tra cui il Rame Libero

di Federica Bosco

Il rapporto mondiale Alzheimer 2019 stima ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi di demenza, pari ad uno ogni 3,2 secondi. Solo negli Stati Uniti, l’Alzheimer colpisce oltre 5,8 milioni di persone di età superiore a 65 anni ed e la sesta cause di morte. Si stima che nel 2025 arriveranno a 14 milioni.  Se nel 2019 la malattia di Alzheimer e le altre forme di demenza costeranno al sistema sanitario nazionale americano circa 290 miliardi di dollari, nel 2050 arriveranno a costare oltre mille miliardi di dollari.

In Italia, secondo la Federazione Alzheimer nel 2018 il numero dei malati è stato di 1.241.000: di questi il 73,9% è donna e quasi la metà (49,1%) ha tra i 75 e gli 84 anni. Il 46,4 vive in casa con il coniuge, il 28,7% con altri caregiver, mentre solo il 12,1% alloggia in residenze assistenziali.  Non essendoci una cura efficace per fermare o invertire la progressione della malattia, è evidente che il ruolo della prevenzione è fondamentale. Anche in considerazione del fatto che, con il rapido e progressivo aumento della popolazione anziana in tutto il mondo, il declino cognitivo legato all’età e la demenza stanno diventando sempre più frequenti e un onere sempre maggiore per i sistemi sanitari in tutto il mondo. A fronte di una progressiva carenza di operatori sanitari, che si stima potrebbe arrivare a circa 13 milioni nel mondo entro il 2035, l’Oms, lo scorso 24 giugno, ha inaugurato il mese dell’auto-cura, diramando le prime linee guida sugli interventi da fare per la salute.

A raccogliere per primi la sfida sono stati gli americani con un programma di prevenzione che parte dal web.  A fare da apripista Igea Pharma NV, healthtech company attiva nella prevenzione della malattia di Alzheimer e diabete di tipo 2 che lancia sul mercato americano Alz1, una piattaforma con un programma di prevenzione dell’Alzheimer basato sulla misurazione del rame libero, un fattore di rischio associato alla malattia. Un elevato livello di rame libero, infatti ne aumenta in modo significativo (fino a oltre tre volte) il rischio.

Il programma è una rivoluzionaria piattaforma che comprende un kit di misurazione oltre ad un integratore naturale per la riduzione ed il controllo dei livelli di Rame Libero.

Alz1 permette di raccogliere un campione di sangue ed inviarlo per le analisi ai laboratori certificati dell’azienda, presso una infrastruttura di ultima generazione, modello Hipaa, con una tecnologia all’avanguardia nel rispetto dei massimi standard di sicurezza e privacy. L’obiettivo è facilitare e promuovere l’accesso a programmi di prevenzione proattiva per una malattia ad oggi non curabile ed in forte crescita.

 «Il principio alla base di Igea Pharma è creare un modello di business ricorrente nel quale le attività di prevenzione dovranno essere ripetute su base annua – afferma Diego Mortillaro, Ceo di Igea Pharma – Oggi la maggior parte delle attività di prevenzione della salute sono condotte in modo occasionale e senza una strategia di medio e lungo termine. Noi, invece, proponiamo di reinventare la medicina preventiva nel settore delle malattie neurodegenerative e del Diabete di Tipo 2, facendo leva su innovazioni regolamentari e semplificazioni ottenute grazie a tecnologie digitali, per rendere la prevenzione più semplice, veloce ed efficace».

Oltre al Kit di misurazione del Rame Libero, Igea Pharma mette a disposizione un integratore (Alz1 Tab) basato su ingredienti naturali per la riduzione ed il controllo del livello di rame libero. Entrambi sono protetti oltre che da brevetti internazionali anche da un know-how unico frutto di oltre 20 anni di ricerca scientifica.

 

Articoli correlati
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
È la Giornata dei malati di Alzheimer, ma le loro sono storie di tutti i giorni
Vivono in un mondo di contraddizioni e salti temporali. La psicologa: «Maria cerca la sua casa, ma non sa quale sia. Carla non riesce a dar voce ai suoi pensieri. Giorgio non comprende ciò che gli viene detto»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, AIMA e SIN lanciano “sette buone proposte”. Spadin: «Portare servizi in prossimità dei pazienti»
In un documento elaborato in occasione della Giornata mondiale, le richieste alla politica per supportare famiglie e malati. In Italia 700mila i casi di Alzheimer
di Francesco Torre
Giornata Mondiale Alzheimer, il 21 settembre Aima offre colloqui psicologici gratuiti alle famiglie
Il 21 settembre AIMA darà vita, inoltre, a una diretta streaming sui social ricca di appuntamenti da non perdere, con documentari, video e interviste ad autorevoli rappresentanti del mondo della scienza e della ricerca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco