Salute 24 Gennaio 2019

Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»

Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»

di Lucia Oggianu
Immagine articolo

L’allattamento materno è una pratica naturale raccomandata dall’Oms e dall’Unicef, apporta tutte le sostanze necessarie alla crescita e la sua particolare composizione garantisce importanti fattori protettivi in grado di salvaguardare la sua salute futura, inoltre, è fondamentale per la salute della mamma. È però molto impegnativo e non sempre facile. Per questo, serve una rete di sostegno che includa familiari, la comunità, il luogo di lavoro e il sistema sanitario.

«Supportare le madri, assecondare, ovunque e con ogni mezzo, l’allattamento al seno è fondamentale in un periodo della vita della donna di particolare sensibilità, come quello del post-parto – afferma il Ministro della Salute Giulia Grillo – Promozione, protezione e sostegno dell’allattamento materno sono dunque una priorità per la salvaguardia della salute pubblica e la collaborazione tra tutti gli attori di questo sistema è fondamentale per raggiungere questo obiettivo. La sfida è informare tutti gli interessati, accompagnare le mamme verso una scelta consapevole, senza però creare un senso di frustrazione e inadeguatezza nelle donne che, per qualsiasi motivo, non possono allattare al seno».

In base alle stime del dottor Francesco Branca, direttore del Nhd (Department of Nutrition for health and development- Oms) «l’allattamento per i primi 6 mesi di vita e fino a 2 anni può prevenire il decesso di 800 mila bambini all’anno e ridurre di oltre il 50% gli episodi di diarrea e del 32% le infezioni ospedaliere». Sono dati importanti che il dottor Branca ha reso noti durante il suo intervento video alla seconda conferenza nazionale su ‘Protezione, promozione e sostegno all’allattamento’. A livello mondiale «il tasso di allattamento – ha spiegato – è di circa il 41%, puntiamo a raggiungere il 50% nel 2025. Tra i benefici che riguardano i bambini – ha continuato – c’è la riduzione del 6% del rischio di obesità e alcuni studi hanno dimostrato che c’è uno stretto legame tra allattamento e capacità cognitive. In pratica i bambini che vengono allattati sono più intelligenti, più lunga è la fase più aumentano le capacità cognitive».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO AL SENO, COME SFRUTTARE AL MEGLIO I BENEFICI

Ministro Grillo, quanto è importante creare mezzi di sostegno per la donna nel periodo dell’allattamento che, molto spesso, si rivela molto faticoso e duro anche a livello fisico?

«Da donna e da Ministro, ritengo che sia fondamentale. L’allattamento al seno è uno degli step del percorso nascita che fa pensare solo al bambino ma di cui in realtà è fondamentale la donna. La donna deve essere accompagnata nel preparto, negli ultimi mesi della gravidanza e subito dopo la nascita, nel postparto, perché è lei che deve crescere il bambino perciò deve essere nelle condizioni fisiche ed emotive migliori per poter portare avanti quello che è lo scopo della nostra esistenza ovvero trasmettere la vita a chi ci segue. Questa società e questo paese non ha dato attenzione in questi anni a questo processo. Oggi qui ho conosciuto delle esperienze regionali importanti che cercherò di fare mie e di portare a tutta la nazione con dei costi che spero potranno essere sostenibili, sono sicura che lo saranno. L’allattamento al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso generale di consapevolezza della donna e di tutta la società».

 

 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone