Salute 15 Febbraio 2023 00:05

Allarme bronchiolite, come si previene e cura questa grave infezione acuta?

Negli ultimi 2 anni in Italia e nel mondo ci sono state pesanti epidemie di bronchiolite che hanno messo in difficoltà i sistemi sanitari. Il nostro Paese si è recentemente dotato di nuove linee guida che puntano all’uniformità e alla standardizzazione dei trattamenti e alla corretta informazione ai genitori

Allarme bronchiolite, come si previene e cura questa grave infezione acuta?

Negli ultimi 2 anni in Italia e nel mondo ci sono state pesanti epidemie di bronchiolite che hanno messo in difficoltà i sistemi sanitari per saturazione dei posti letto nei reparti e nelle terapie intensive. La maggior parte dei ricoveri riguarda lattanti nel primo anno di vita. Il principale responsabile della bronchiolite è il virus respiratorio sinciziale (VRS): si stima che questo virus infetti più del 60% dei bambini durante il primo anno di vita. La pandemia legata al Covid ha comportato cambiamenti drastici nella curva epidemica di questo virus. Per contrastare questa «nuova emergenza», l’Italia si dota di nuove linee guida che puntano all’uniformità e alla standardizzazione dei trattamenti e alla corretta informazione ai genitori.

Nuove linee guida per la gestione della bronchiolite

Le linee guida, realizzate con l’egida della Società italiana di pediatria (Sip), della Società
di neonatologia (Sin) della Società per le malattie respiratorie infantili (Simri) e di altre 13 società
scientifiche pediatriche, sono state appena pubblicate sull’Italian Journal of Pediatrics
(https://rdcu.be/c5nte) e aggiornano quelle del 2014, alla luce delle ultime evidenze scientifiche. Un documento, questo, che si è reso necessario dopo che i reparti di Pediatria di tutta Italia sono entrate in affanno proprio a causa dei numerosi casi di bronchiolite.

Dopo la revoca delle misure anti-Covid, boom di bronchioliti

Le misure di sanità pubblica imposte dai vari paesi, tra cui l’Italia, in particolare i lockdown e
la chiusura delle scuole, il distanziamento sociale, il lavaggio più frequente delle mani e l’utilizzo
delle mascherine, hanno portato prima a una drastica riduzione del numero di casi di bronchiolite,
e quindi delle ospedalizzazioni in tutto il mondo, e poi ad una recrudescenza del virus respiratorio
sinciziale. Quando queste misure sono state revocate abbiamo assistito ad un drastico aumento della
circolazione del virus, con picchi in periodi atipici dell’anno e un impatto considerevole sui servizi
sanitari.

Fondamentale un aggiornamento sulle migliori pratiche contro la bronchiolite

Le nuove linee guida vengono dunque pubblicate in un momento in cui il servizio sanitario è stato
messo a dura prova a causa del virus respiratorio sinciziale. «È quindi importante – sottolinea il presidente della Sip Annamaria Staiano, tra le autrici del paper – fornire ai pediatri che lavorano
sul territorio, in ospedale e nei Pronto Soccorsi, un aggiornamento sulle migliori pratiche per la
gestione della bronchiolite con l’auspicio di arrivare ad un comune e condiviso approccio medico».

Cortisone, antibiotici e broncodilatatori possono avere effetti collaterali

Nella pubblicazione scientifica si ribadisce che «si utilizzano spesso farmaci per i quali non vi sono
evidenze e che questi farmaci possono anche causare effetti collaterali», spiega Eugenio Baraldi, direttore del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino dell’Azienda-Ospedale Università
di Padova. «Farmaci come il cortisone, gli antibiotici, i broncodilatatori non dovrebbero essere
usati, mentre questo ancora accade spesso. Le linee guida – continua – enfatizzano l’importanza di dare
informazioni ai genitori dei bambini piccoli per prevenire l’infezione, perché nella bronchiolite uno
degli aspetti fondamentali è quello della prevenzione, dal momento che, oltre all’ossigeno, non vi
sono né antivirali né vaccini disponibili».

Consigli per i genitori su come proteggere i bambini

  • Usare la mascherina in caso di raffreddore quando ci si avvicina al bambino. Se si ha il raffreddore astenersi dal baciarlo ed evitare di toccarsi la faccia.
  • Il latte materno contiene anticorpi contro numerosi agenti infettivi e riduce il rischio di
    infezioni gravi da VRS e di ospedalizzazione per bronchiolite.
  • Lavare le mani con acqua e sapone o con un gel alcolico prima di toccare il bambino e
    chiedere di fare altrettanto ad altre persone in contatto con il piccolo.
  • Tenere lontano il bimbo da altri bambini o adulti con il raffreddore.
  • Non fumare in casa; il fumo aumenta il rischio di infezione.
  • Se il bambino è prematuro o affetto da malattie cardiache o polmonari chiedere al pediatra se vi sono le indicazioni all’utilizzo degli anticorpi monoclonali per la prevenzione delle infezioni da VRS.

Le terapie, quali novità per prevenire il virus sinciziale

Dal punto di vista della prevenzione farmacologica c’è un anticorpo monoclonale per il VRS già a
disposizione, Palivizumab, che si usa da tanti anni per proteggere i lattanti nati prematuri. Una
novità che si sta affacciando sul mercato è un nuovo anticorpo monoclonale che potrebbe essere
dato a tutti i lattanti per una profilassi universale. Questa strategia potrebbe contenere le epidemie
stagionali da VRS e il numero di ricoveri. Vi sono poi diversi vaccini in fase di studio, ma sono più
distanti nell’arrivare alla clinica, all’applicazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...