Salute 7 giugno 2018

Alimentazione, il 70% degli italiani non sa mangiare. Tonelli (ANDID): «Donne più attente, anziani più in difficoltà»

«Le abitudini alimentari sane devono essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute», lo dichiara il Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti

Immagine articolo

Carne, pesce, pasta, pizza e dolci in scena. Che sia cibo spazzatura al fast food o una cena gourmet al ristorante stellato oramai il cibo è diventato il protagonista del web. Scrollando la home di Facebook e di Instagram immagini di cibo e tutorial di cucina dominano online, tanto da originare la creazione di un neologismo ad hoc che rende bene l’idea del fenomeno: Foodporn.

«Ci troviamo oggi più che mai in un periodo in cui ovunque si parla di alimentazione, nutrizione e dietetica» spiega Marco Tonelli, Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti nel corso di un evento che si è svolto a Roma, alla presenza di esponenti di istituzioni sanitarie e società scientifiche, per sottolineare l’urgenza di riportare al centro del dibattito pubblico il tema della cultura alimentare. «Eppure – prosegue – sono 7 su 10 gli italiani con una scarsa alfabetizzazione alimentare». Questi i numeri ricavati da un’indagine realizzata da ANDID con l’Università di Messina, che ha analizzato il racconto del cibo sul web.  Gli italiani, padri della dieta mediterranea, appaiono sempre più confusi e disorientati.

«Molto spesso infatti sul web ci si imbatte in informazioni non validate scientificamente – spiega il Presidente -. Può succedere che varie opinioni in materia vengano date da pseudo-professionisti o sedicenti tali che non hanno nessuna competenza e formazione per trattare temi di nutrizione e alimentazione. In questo senso il web è abbastanza dannoso, genera disordine e soprattutto disinformazione».

LEGGI ANCHE: OBESITÀ, DIABETE E MALATTIE METABOLICHE: ARRIVA LA MACCHINA CHE MAPPA I GRASSI ED È MADE IN ITALY

Dallo studio ANDID emerge che il 70% degli italiani possiede una capacità limitata di pianificare e gestire le scelte alimentari (57,2% dei casi) e scegliere correttamente il cibo (66,8% dei casi). Inoltre, il 71,4% del campione dichiara una ridotta capacità di preparare e consumare gli alimenti e difficoltà nella comprensione degli effetti delle proprie scelte. La situazione più critica riguarda gli anziani con più di 68 anni, le persone con un più basso livello di istruzione, i disoccupati e, in generale, i soggetti meno abbienti, dati che sottolineano quanto la conoscenza del cibo problematica sia particolarmente comune tra le persone che soffrono di disuguaglianze sociali.  Ad influire sono anche il genere e lo stato genitoriale: le donne mostrano di possedere, rispetto agli uomini, una maggiore attenzione alla scelta dei cibi e alla loro preparazione, capacità che aumenta ulteriormente nel loro ruolo di mamme.

«I dati emersi dallo studio – prosegue Tonelli – evidenziano la necessità che l’alimentazione torni ad essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute della popolazione, con ricadute positive anche sulla riduzione dei costi sociosanitari».

LEGGI ANCHE: SALUTE TIROIDEA, ECCO I 4 SEGRETI SVELATI DALL’ENDOCRINOLOGA

Le istituzioni hanno un ruolo fondamentale «nel monitoraggio del rispetto dei ruoli – conclude il Presidente ANDID -. Diversamente si rischia di generare confusione, in uno scenario comunicativo già di per sé complesso e ipertrofico nei discorsi sul cibo, e di trasmettere una visione semplicistica della nutrizione e della dietetica, con ripercussioni negative sulla salute collettiva»

Articoli correlati
Cancro del seno, la flora batterica del tessuto mammario potrebbe predisporre alla malattia. Lo studio del Gemelli
Grazie a uno studio condotto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’Università della Tuscia di Viterbo, si è scoperto che anche la composizione della flora batterica che si annida nel tessuto delle mammelle potrebbe avere un ruolo nel predisporre certe donne al cancro del seno. In futuro […]
Festività, stravizi alimentari e fake news: ecco le 5 diete più cliccate a dicembre
Dalla dieta chetogenica alla Dukan, passando per quella del ghiaccio: nel mese delle “abbuffate” gli italiani non rinunciano al Dottor Google. Lo rivela l’analisi di Consulcesi Club in collaborazione con Sanità Informazione. La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, svela i segreti detox per godersi il Natale e spiega: «Per contrastare la ‘concorrenza sleale’ di Google i medici devono essere formati»
Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»
La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»
«Con il menu funzionale, la pizza più volte a settimana non è più un tabù». Parola di Franco Pepe, il miglior pizzaiolo d’Italia
Grazie alla collaborazione di agronomi e nutrizionisti, la proposta di Pepe in Grani offre il giusto equilibrio tra proteine, carboidrati e lipidi, segue i criteri della dieta mediterranea e «non riempie solo la pancia, ma fa anche star bene»
Asl Napoli 2 Nord: arriva la dieta gratis e senza prenotazione
Prevenire e contrastare l’obesità infantile, gli stili di vita scorretti e promuovere una sana alimentazione. Sono questi gli obiettivi del progetto dell’Asl Napoli 2 Nord, un territorio che presenta una percentuale di bambini in sovrappeso superiore alla media europea. In cosa consiste il progetto? Dodici biologi nutrizionisti avranno il compito di  formulare specifiche diete per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano