Salute 7 Giugno 2018

Alimentazione, il 70% degli italiani non sa mangiare. Tonelli (ANDID): «Donne più attente, anziani più in difficoltà»

«Le abitudini alimentari sane devono essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute», lo dichiara il Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti

Immagine articolo

Carne, pesce, pasta, pizza e dolci in scena. Che sia cibo spazzatura al fast food o una cena gourmet al ristorante stellato oramai il cibo è diventato il protagonista del web. Scrollando la home di Facebook e di Instagram immagini di cibo e tutorial di cucina dominano online, tanto da originare la creazione di un neologismo ad hoc che rende bene l’idea del fenomeno: Foodporn.

«Ci troviamo oggi più che mai in un periodo in cui ovunque si parla di alimentazione, nutrizione e dietetica» spiega Marco Tonelli, Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti nel corso di un evento che si è svolto a Roma, alla presenza di esponenti di istituzioni sanitarie e società scientifiche, per sottolineare l’urgenza di riportare al centro del dibattito pubblico il tema della cultura alimentare. «Eppure – prosegue – sono 7 su 10 gli italiani con una scarsa alfabetizzazione alimentare». Questi i numeri ricavati da un’indagine realizzata da ANDID con l’Università di Messina, che ha analizzato il racconto del cibo sul web.  Gli italiani, padri della dieta mediterranea, appaiono sempre più confusi e disorientati.

«Molto spesso infatti sul web ci si imbatte in informazioni non validate scientificamente – spiega il Presidente -. Può succedere che varie opinioni in materia vengano date da pseudo-professionisti o sedicenti tali che non hanno nessuna competenza e formazione per trattare temi di nutrizione e alimentazione. In questo senso il web è abbastanza dannoso, genera disordine e soprattutto disinformazione».

LEGGI ANCHE: OBESITÀ, DIABETE E MALATTIE METABOLICHE: ARRIVA LA MACCHINA CHE MAPPA I GRASSI ED È MADE IN ITALY

Dallo studio ANDID emerge che il 70% degli italiani possiede una capacità limitata di pianificare e gestire le scelte alimentari (57,2% dei casi) e scegliere correttamente il cibo (66,8% dei casi). Inoltre, il 71,4% del campione dichiara una ridotta capacità di preparare e consumare gli alimenti e difficoltà nella comprensione degli effetti delle proprie scelte. La situazione più critica riguarda gli anziani con più di 68 anni, le persone con un più basso livello di istruzione, i disoccupati e, in generale, i soggetti meno abbienti, dati che sottolineano quanto la conoscenza del cibo problematica sia particolarmente comune tra le persone che soffrono di disuguaglianze sociali.  Ad influire sono anche il genere e lo stato genitoriale: le donne mostrano di possedere, rispetto agli uomini, una maggiore attenzione alla scelta dei cibi e alla loro preparazione, capacità che aumenta ulteriormente nel loro ruolo di mamme.

«I dati emersi dallo studio – prosegue Tonelli – evidenziano la necessità che l’alimentazione torni ad essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute della popolazione, con ricadute positive anche sulla riduzione dei costi sociosanitari».

LEGGI ANCHE: SALUTE TIROIDEA, ECCO I 4 SEGRETI SVELATI DALL’ENDOCRINOLOGA

Le istituzioni hanno un ruolo fondamentale «nel monitoraggio del rispetto dei ruoli – conclude il Presidente ANDID -. Diversamente si rischia di generare confusione, in uno scenario comunicativo già di per sé complesso e ipertrofico nei discorsi sul cibo, e di trasmettere una visione semplicistica della nutrizione e della dietetica, con ripercussioni negative sulla salute collettiva»

Articoli correlati
Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola
L’APIAFCO presenta la collana di libri sulla corretta alimentazione per chi soffre di malattie infiammatorie della pelle: otto volumi e oltre 900 pagine di consigli e articoli scientifici con ricette dei migliori chef
Dalla cottura dei cibi a come affrontare i disturbi del sonno, il vademecum FIMMG per i corretti stili di vita
Marrocco (FIMMG): «I comportamenti quotidiani 'arma' importante per superare problematiche»
Test medicina, i 5 consigli della psicoterapeuta per affrontare la prova d’ammissione
Dallo studio al riposo, passando per l’alimentazione fino ad arrivare alla gestione dell’ansia durante il Test. Ecco le indicazioni utili e i suggerimenti dell’esperta per prepararsi al meglio alla prova d’ammissione per Medicina
Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»
Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi
Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»
Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell'Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare