Salute 2 Maggio 2019 12:01

Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia

La “Sindrome di Alice” è un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva: il proprio corpo si ingrandisce o si rimpicciolisce, le distanze vengono percepite in modo errato, il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal)

Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia

L’autore di Alice nel Paese delle Meraviglie, Lewis Carroll, soffriva di gravi emicranie che gli causavano allucinazioni visive. È proprio dalla sua esperienza personale che pare abbia preso ispirazione per descrivere le vicende della protagonista del suo capolavoro: la percezione distorta dello spazio e del tempo sono infatti caratteristiche di quella che è stata poi definita proprio “Sindrome di Alice”. Si tratta di un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva. Ed ecco, allora, che si percepisce il proprio corpo che si ingrandisce o si rimpicciolisce; le distanze vengono percepite in modo errato; il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia.

Sono tanti, infatti, i casi in cui una sintomatologia oculistica non è legata a disturbi della vista, ma a patologie neurologiche. La dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal), ci ha parlato dei più comuni legati all’emicrania: «La cefalea oftalmica con aura è ad esempio un’emicrania con una sintomatologia neurologica o vegetativa che può includere anche sintomi visivi che precedono la cefalea. Oppure la cefalea retinica può essere accompagnata da uno scotoma negativo, per cui il soggetto improvvisamente non vede più e si terrorizza, perché pensa di aver perso la vista. È invece un sintomo premonitore del mal di testa e, quando scoppia, si torna a vedere».

«È un po’ come quando chi soffre di attacchi epilettici dice di sentire un rumore o un odore particolare poco prima dell’attacco – spiega la dottoressa Morreale Bubella -. Sono segnali che il corpo ci lancia per avvertirci che l’attacco di epilessia o di cefalea sta per arrivare. E appena inizia, i sintomi oculistici spariscono. Ovviamente la preoccupazione del paziente lo porta comunque dall’oculista, perché è convinto di avere una patologia oculare, ma in realtà ha una depressione della trasmissione neurologica a livello cefalico che è transitoria. Può stare tranquillo: la vista tornerà da sola».

LEGGI ANCHE: CEFALEA CRONICA MALATTIA SOCIALE, CAMERA APPROVA DDL. LAZZARINI (LEGA): «AI PRIMI POSTI COME MALATTIA INVALIDANTE, IN UE COSTA 111 MILIARDI»

Articoli correlati
Medicina personalizzata ed etica: le linee guida di Goal
«Occorre programmare la sanità nel breve e nel medio termine per fronteggiare sia l’emergenza Covid, che la cura delle patologie croniche, che rischiano di arrecare ancora più danno della disgraziata pandemia. Una programmazione a lungo termine ed un buon utilizzo dei fondi europei potranno permetterci di gestire con saggezza l’apporto delle sanità pubblica e privata, al fine […]
Glaucoma, gli oculisti Goal sempre a fianco dei pazienti
«In occasione della settimana mondiale del Glaucoma è fondamentale fornire alla popolazione valide indicazioni per fronteggiare le conseguenze della malattia, che può comportare la cecità, influenzando negativamente sia la sfera personale, che quella sociale»
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Goal –Esaso premiano i giovani che si sono distinti nella lotta al Covid-19
«La nostra Società Scientifica Goal-Gruppo OcuIisti Ambulatoriali Liberi – ha tra i suoi obiettivi valorizzare i giovani. Per questo, ogni anno assegniamo delle borse di studio per gli under 35 in oftalmologia». Così la Presidente Flavia Ronconi e Danilo Mazzacane, segretario generale GOAL. «Quest’anno – spiegano – c’è una novità: i giovani che abbiamo selezionato […]
La telemedicina in oftalmologia in era Covid-19
Un’utile risorsa per una efficace sinergia ospedale-territorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...