Salute 19 Novembre 2019

Aldo, Giovanni e Giacomo con Codice Viola per la ricerca sul tumore al pancreas. Giovanni Storti: «Per guarire servono fortuna e follia»

«Lavoriamo per togliere quel pessimismo cosmico che c’è intorno al tumore del pancreas» sottolinea Pietro Rivizzigno, Presidente dell’Associazione Codice Viola. Un video del trio comico lancia una campagna di raccolta fondi per la ricerca indipendente

di Federica Bosco

In occasione della giornata mondiale del tumore al pancreas, in programma il 21 novembre, Codice Viola, associazione impegnata a migliorare la qualità della vita dei malati, ha presentato il video realizzato dal trio Aldo Giovanni e Giacomo per sostenere una campagna di raccolta fondi per la ricerca indipendente. Obiettivo trovare nuovi percorsi di cura per questo tumore destinato a diventare, nei prossimi dieci anni, la seconda causa di morte per cancro.

«La guarigione è un insieme di situazioni – ammette Giovanni Storti del Trio Aldo Giovanni e Giacomo – tenacia, le persone che ti stanno al fianco, la fortuna nelle cure, la fortuna in senso lato e un po’ di follia. Il sorriso stimola la guarigione, Patch Adams diceva: la migliore cura è l’amore, riferiamoci a lui».

«Non vogliamo parlare di questa malattia in termini melanconici, ma leggeri e positivi – rimarca Pietro Rivizzigno, Presidente dell’Associazione Codice Viola – L’aspetto psicologico è uno dei più importanti. C’è uno studio secondo cui il bisogno meno soddisfatto oggi è proprio quello psicologico e noi cerchiamo di essere di aiuto. Il nostro è un supporto a livello di comunità, corroborato da informazioni scientifiche che cercano di trasmettere tranquillità per togliere quel pessimismo cosmico che c’è intorno al tumore del pancreas».

LEGGI ANCHE: TUMORI, AIOM: NEL 2019 DUEMILA CASI IN MENO. AUMENTA SOPRAVVIVENZA: A 5 ANNI 63% DONNE E 54% UOMINI

Qual è il messaggio che possiamo dare?

«Si sta andando avanti nella cura del tumore del pancreas, più lentamente di quanto si vorrebbe, ma l’aspettativa è che prima o poi ci sia qualche elemento di novità sulla base di tutti gli studi in corso affinché per il tumore del pancreas si possa avere quel miglioramento significativo nella sopravvivenza generale della malattia».

La speranza oggi arriva da una nuova combinazione di quattro farmaci chiamata PAXG, approvata da AIFA che permette un miglioramento significativo della sopravvivenza (62% ad un anno e 24% a 2 anni).

«A livello italiano dovremmo essere più consapevoli della qualità della nostra ricerca clinica, delle cure oncologiche e delle cure chirurgiche. Abbiamo medici di qualità internazionale – lancia un appello il presidente di Codice Viola – se semplicemente riuscissimo a fare sistema, i pazienti avrebbero tantissimi benefici».

Articoli correlati
Tumore al pancreas, farmaci e chemioterapia raddoppiano sopravvivenza. Reni (San Raffaele): «Spesso confuso con gastrite, serve formazione»
«È compito delle istituzioni migliorare le strutture, noi stiamo facendo dei percorsi scientifici per dare le giuste indicazioni, ma non sempre il messaggio viene recepito» sottolinea Giampaolo Balzano, Direttore del Programma Strategico di Coordinamento Clinico Pancreas Center dell’Ospedale San Raffaele di Milano
di Federica Bosco
Cancro della prostata, una web sitcom per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione del tumore maschile più diffuso
Assieme a testicolo e rene, il caricoma della prostata è uno dei più diffusi in Campania tra gli uomini, queste neoplasie fanno contare nel loro complesso 6.000 nuovi casi l’anno e più di 80.000 uomini che secondo stime al ribasso in regione ne sono colpiti. Ora, grazie ad una magistrale interpretazione di Francesco Paolantoni, poliedrico […]
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
Big Data, ambiente e salute. Chiusano (Biologia molecolare): «Il benessere dell’uomo passa per la tutela della biodiversità»
«La potenza delle informazioni nascoste nei Big Data può portare benefici sui pazienti e vantaggi nella diagnostica. In futuro, si spera di poter trattate tanti tipi di malattie, da quelle genetiche al cancro» così Mario Nicodemi, Docente di Fisica teorica alla Federico II di Napoli
“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»
La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...