Salute 7 Aprile 2021 11:58

Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati

Approvata da Aifa e promossa da SIMIT, coinvolgerà 27 centri e migliaia di pazienti. Andreoni (Tor Vergata): «All’esame un trattamento con farmaci diversi per capire quali sono in grado di bloccare la tempesta di citochine nei pazienti ospedalizzati»

di Federica Bosco
Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati

Si chiama Ammuravid ed è il primo studio europeo di immunoterapia e antivirali utilizzati insieme in pazienti ospedalizzati per la valutazione comparativa di sette studi di diversi farmaci ad azione immunitaria per sperimentare nuove terapie contro il virus. Il trial, promosso dalla Società italiana malattie infettive e tropicali (SIMIT) approvato da Aifa e coordinato dalle Università di Milano e Verona, in Italia coinvolge 27 centri e sarà realizzato a breve con diversi farmaci immunomodulatori quali tocilizumab, sarilumab, siltuximab, canakinumab, baricitinib e metilprednisolone.

I pazienti assegnati casualmente ai diversi gruppi faranno il trattamento per sette giorni, dopodiché saranno seguiti fino alla dimissione dall’ospedale o in ogni caso fino al ventottesimo giorno per verificare il decorso clinico e l’assenza di eventi avversi.

«In tal modo si potrà capire quali sono i farmaci più efficaci nella cura del Covid nei pazienti ospedalizzati per prevenire il peggioramento della funzione respiratoria – spiega Massimo Andreoni, infettivologo del Policlinico Tor Vergata di Roma -. È uno studio italiano che mette a confronto l’uso o il non uso dell’anti-citochina. Lo studio è in partenza, coinvolge diverse migliaia di pazienti in Italia e potrebbe dare una risposta sulla reale efficacia dei farmaci in grado di bloccare l’interleuchina nella strategia terapeutica dei pazienti ospedalizzati. Siamo in una fase iniziale di sperimentazione con buone prospettive, ma non abbassiamo la guardia».

Allo studio i pazienti vaccinati e positivi al Covid

Il monito di Andreoni arriva al termine di una giornata, l’ennesima, di tensione per il numero di pazienti Covid da ospedalizzare. «Nel Lazio la situazione è ancora grave – spiega – non accenna a migliorare». Dalle parole del professore Andreoni si percepisce preoccupazione per un virus che nonostante i vaccini continua a fare vittime. «Abbiamo un paio di casi di persone vaccinate che hanno preso il virus, stiamo studiando i casi per capire se non hanno acquisito gli anticorpi nella vaccinazione o se sono stati infettati da una variante che è sfuggita al vaccino. Come vede non possiamo rallentare, anzi è il momento di accelerare con i vaccini, che rappresentano oggi la vera arma che abbiamo in mano per vincere il virus, e con gli studi in corso per trovare le cure più efficaci».

Terapia del plasma superata dagli anticorpi monoclonali

A proposito di percorso terapeutico, il professor Andreoni ripone grandi speranze negli anticorpi monoclonali. «Oggi sono la vera novità – sottolinea – hanno superato la terapia del plasma che ha dato riscontri altalenanti. Negli studi fatti in India non ci sono state evidenze di grande efficacia, ma a posteriori si è compreso che era stato inoculato plasma senza verificare le dosi di anticorpi presenti. Differente il risultato emerso negli Usa dove un grande studio fatto su migliaia di persone con plasma iperimmune ricco di anticorpi neutralizzanti ha evidenziato una efficacia non indifferente. Anche lo studio italiano, Tsunami, coordinato dall’Università di Pisa dal professor Menichetti ha dato esiti incoraggianti che non sono ancora stati pubblicati. Oggi però la terapia del plasma è stata superata dagli anticorpi monoclonali prodotti in vitro con una carica di anticorpi scelti elevata», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...