Salute 6 Maggio 2019

Aggressioni ai medici, l’allarme di Anaao Campania: «Siamo vittima di un corto circuito culturale che è necessario fermare»

Il segretario regionale Vincenzo Bencivenga: «Le aggressioni sono infortunio su lavoro, con Inail stiamo lavorando per istituire un osservatorio ad hoc». Maurizio Cappiello (Direttivo Nazionale): «Al vaglio due proposte di legge, auspichiamo certezza della pena per questi reati»

Immagine articolo

Insulti, minacce, aggressioni. Non c’è pace per il personale sanitario italiano, capro espiatorio di un sistema le cui lacune assistenziali si ripercuotono, paradossalmente, su chi quell’assistenza si impegna quotidianamente a fornirla. In Campania il problema delle aggressioni al personale sanitario raggiunge dimensioni preoccupanti. Un corto circuito culturale che è necessario spezzare: non si tratta più solo di garantire agli addetti ai lavori tranquillità professionale. Sempre più spesso ad essere a rischio è la mera incolumità fisica. Sanità Informazione ha indagato le cause di questo fenomeno e le possibili soluzioni, a livello sociale ed istituzionale, insieme ai dottori Vincenzo Bencivenga, segretario regionale Anaao Assomed Campania e Maurizio Cappiello, Direttivo Nazionale Anaao Assomed, entrambi impegnati in prima linea nel combattere questo problema agendo su due fronti: sensibilizzare l’opinione pubblica ed esortando il legislatore ad adottare misure concrete.

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, CONTINUANO LE AUDIZIONI IN SENATO. SUMAI: «ASL DENUNCINO D’UFFICIO». SIVeMP: «VETERINARI OPERINO IN EQUIPE»

Il problema delle aggressioni ai medici e al personale sanitario è radicato soprattutto nel Sud Italia. Perchè?

Cappiello: «Il problema è trasversale, interessa tutto il Paese ma in particolare la Campania e la città di Napoli. C’è purtroppo un vero e proprio cortocircuito culturale, ossia una serie di condizioni che rendono l’opinione pubblica avversa e ostile verso chi rappresenta le istituzioni. Ci sono delle spiegazioni che, lungi dal rappresentare delle giustificazioni possono aiutare a comprendere il fenomeno. Fenomeni che avvengono nella maggior parte dei casi in strutture adibite alle emergenze, quindi i Pronto soccorso, e nei reparti psichiatrici. Una delle spiegazioni è sicuramente il sovraffollamento dei PS che dilata inevitabilmente i tempi di attesa dei codici a bassa priorità (bianchi e verdi). Questo tempo si trasforma in rabbia e la rabbia si trasforma in aggressione».

Quali potrebbero essere le soluzioni da apportare sul lungo e sul breve periodo per contrastare questo fenomeno?

Bencivenga: «La nostra idea è innanzitutto quella di sensibilizzare l’utenza. Chi va in un luogo per essere aiutato non dovrebbe aggredire chi quell’aiuto cerca di offrirlo. A brevissimo termine potenziare l’attività delle guardie giurate presenti nelle strutture, così come poter utilizzare telecamere a circuito chiuso. È obbligo del datore di lavoro proteggere i propri dipendenti e quindi far scattare da subito, senza necessità di querela di parte, la denuncia per questo tipo di reati. Da qui la proposta di Anaao Campania, portata avanti da Anaao Nazionale con un disegno di legge depositato in Senato ed ora al vaglio delle istituzioni: la possibilità che il personale sanitario, nell’esercizio delle proprie funzioni, venga dichiarato pubblico ufficiale, cosicchè la denuncia in caso di aggressione possa scattare in automatico. A proposito del monitoraggio di questo fenomeno, è importante precisare che l’aggressione subìta è un vero e proprio infortunio sul lavoro, e come tale preso in carico dall’Inail. Proprio l’Inail, a livello regionale e nazionale, evidenzia le mancate denunce all’ente da parte delle persone aggredite. Noi ci siamo fatti promotori, insieme ai rappresentanti dell’Inail, di una proposta di legge regionale per istituire un Osservatorio regionale sulle aggressioni in sanità».

Come ci si sta muovendo a livello istituzionale per contrastare questo fenomeno?

Cappiello: «Oltre alla già citata proposta di legge fatta nel luglio 2018 da parte dell’on. Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari Sociali alla Camera – sull’approvazione della qualifica di pubblico ufficiale per il personale sanitario nell’esercizio delle sue funzioni,  attualmente è in fase istruttoria un ulteriore disegno di legge incardinato nell’attività della Commissione Igiene e Sanità, il quale però non ci soddisfa in toto perchè punta sull’inasprimento delle pene per coloro che si macchiano del reato di aggressione al personale sanitario. Quello a cui noi puntiamo, invece, non è l’inasprimento delle pene, ma una maggiore certezza della pena, in cui ravvisiamo un deterrente più forte verso questo tipo di reati».

 

 

Articoli correlati
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
Bonus ai sanitari per il “disagio” Covid. Palermo (Anaao): «Su mille euro, un medico ne intasca 350»
Le risorse provengono dal “Cura Italia” (250 milioni) e dal “Decreto Rilancio” (190). Le Regioni possono integrare. Indennità infettivologica e straordinari altri punti problematici
Emergenza Coronavirus, le richieste dei sindacati: «Scudo giudiziario, fondo per gli indennizzi e revisione della responsabilità professionale»
Palermo (Anaao): «Passare da impianto basato sulla colpa ad uno basato sull’errore». Vergallo (AAROI-EMAC): «La pandemia ha esacerbato il sovraccarico di responsabilità degli operatori sanitari». Quici (Cimo-Fesmed): «Gravi responsabilità da parte di ISS, Protezione Civile e Direttori Generali». Filippi (Fp Cgil Medici): «Medici e pazienti che si infettano a causa di carenze nell’organizzazione devono poter ricorrere contro l’ente»
Coronavirus, Palermo (Anaao): «Richiamare medici pensionati? In pochi accetterebbero. Meglio contratti ai giovani»
Il Segretario del sindacato commenta le proposte messe in campo dal Governo per contrastare la diffusione del Covid-19: «I camici bianchi vedono la pensione come un fine pena, chi esce oggi dal Servizio sanitario nazionale lo fa perché non ne può più. Perché mai dovrebbe tornare a lavorare, ora che la situazione è ancora più difficile e anche rischiosa? E per i giovani le risorse ci sarebbero»
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»