Salute 6 Maggio 2019

Aggressioni ai medici, l’allarme di Anaao Campania: «Siamo vittima di un corto circuito culturale che è necessario fermare»

Il segretario regionale Vincenzo Bencivenga: «Le aggressioni sono infortunio su lavoro, con Inail stiamo lavorando per istituire un osservatorio ad hoc». Maurizio Cappiello (Direttivo Nazionale): «Al vaglio due proposte di legge, auspichiamo certezza della pena per questi reati»

Immagine articolo

Insulti, minacce, aggressioni. Non c’è pace per il personale sanitario italiano, capro espiatorio di un sistema le cui lacune assistenziali si ripercuotono, paradossalmente, su chi quell’assistenza si impegna quotidianamente a fornirla. In Campania il problema delle aggressioni al personale sanitario raggiunge dimensioni preoccupanti. Un corto circuito culturale che è necessario spezzare: non si tratta più solo di garantire agli addetti ai lavori tranquillità professionale. Sempre più spesso ad essere a rischio è la mera incolumità fisica. Sanità Informazione ha indagato le cause di questo fenomeno e le possibili soluzioni, a livello sociale ed istituzionale, insieme ai dottori Vincenzo Bencivenga, segretario regionale Anaao Assomed Campania e Maurizio Cappiello, Direttivo Nazionale Anaao Assomed, entrambi impegnati in prima linea nel combattere questo problema agendo su due fronti: sensibilizzare l’opinione pubblica ed esortando il legislatore ad adottare misure concrete.

LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, CONTINUANO LE AUDIZIONI IN SENATO. SUMAI: «ASL DENUNCINO D’UFFICIO». SIVeMP: «VETERINARI OPERINO IN EQUIPE»

Il problema delle aggressioni ai medici e al personale sanitario è radicato soprattutto nel Sud Italia. Perchè?

Cappiello: «Il problema è trasversale, interessa tutto il Paese ma in particolare la Campania e la città di Napoli. C’è purtroppo un vero e proprio cortocircuito culturale, ossia una serie di condizioni che rendono l’opinione pubblica avversa e ostile verso chi rappresenta le istituzioni. Ci sono delle spiegazioni che, lungi dal rappresentare delle giustificazioni possono aiutare a comprendere il fenomeno. Fenomeni che avvengono nella maggior parte dei casi in strutture adibite alle emergenze, quindi i Pronto soccorso, e nei reparti psichiatrici. Una delle spiegazioni è sicuramente il sovraffollamento dei PS che dilata inevitabilmente i tempi di attesa dei codici a bassa priorità (bianchi e verdi). Questo tempo si trasforma in rabbia e la rabbia si trasforma in aggressione».

Quali potrebbero essere le soluzioni da apportare sul lungo e sul breve periodo per contrastare questo fenomeno?

Bencivenga: «La nostra idea è innanzitutto quella di sensibilizzare l’utenza. Chi va in un luogo per essere aiutato non dovrebbe aggredire chi quell’aiuto cerca di offrirlo. A brevissimo termine potenziare l’attività delle guardie giurate presenti nelle strutture, così come poter utilizzare telecamere a circuito chiuso. È obbligo del datore di lavoro proteggere i propri dipendenti e quindi far scattare da subito, senza necessità di querela di parte, la denuncia per questo tipo di reati. Da qui la proposta di Anaao Campania, portata avanti da Anaao Nazionale con un disegno di legge depositato in Senato ed ora al vaglio delle istituzioni: la possibilità che il personale sanitario, nell’esercizio delle proprie funzioni, venga dichiarato pubblico ufficiale, cosicchè la denuncia in caso di aggressione possa scattare in automatico. A proposito del monitoraggio di questo fenomeno, è importante precisare che l’aggressione subìta è un vero e proprio infortunio sul lavoro, e come tale preso in carico dall’Inail. Proprio l’Inail, a livello regionale e nazionale, evidenzia le mancate denunce all’ente da parte delle persone aggredite. Noi ci siamo fatti promotori, insieme ai rappresentanti dell’Inail, di una proposta di legge regionale per istituire un Osservatorio regionale sulle aggressioni in sanità».

Come ci si sta muovendo a livello istituzionale per contrastare questo fenomeno?

Cappiello: «Oltre alla già citata proposta di legge fatta nel luglio 2018 da parte dell’on. Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari Sociali alla Camera – sull’approvazione della qualifica di pubblico ufficiale per il personale sanitario nell’esercizio delle sue funzioni,  attualmente è in fase istruttoria un ulteriore disegno di legge incardinato nell’attività della Commissione Igiene e Sanità, il quale però non ci soddisfa in toto perchè punta sull’inasprimento delle pene per coloro che si macchiano del reato di aggressione al personale sanitario. Quello a cui noi puntiamo, invece, non è l’inasprimento delle pene, ma una maggiore certezza della pena, in cui ravvisiamo un deterrente più forte verso questo tipo di reati».

 

 

Articoli correlati
Terra dei Fuochi, i numeri di una strage annunciata. Maxi class action per violazione Convenzione Europea dei Diritti Umani
Maurizio Cappiello (Osservatorio Salute e Sanità – Città di Napoli): «Fondamentale procedere con azioni di bonifica, intanto Governo regionale abolisca il ticket per i cittadini delle aree contaminate»
Aggressioni, Rostan (LeU): «In Campania oltre 90 aggressioni, serve qualifica pubblico ufficiale per operatori sanitari»
«L’aggressione e le minacce rivolte da un utente al primario del Pronto Soccorso dell’ospedale Loreto Mare, Alfredo Pietrolongo, al quale va la mia piena solidarietà, sono un fatto gravissimo per il quale chiedo che sia adottata la massima severità nel punire l’autore. Sono oltre novanta dall’inizio dell’anno le aggressioni rilevate negli ospedali campani ai danni […]
Napoli, al Santobono padre rompe un dito a infermiere. L’ex ministro Grillo: «Approvare legge, non aspettiamo il morto»
L’aggressore è il genitore di una bambina giunta al Pronto soccorso con un attacco di asma, un codice verde. La direttrice del nosocomio: «Chiederò un tavolo in Prefettura al fine di contenere questo fenomeno»
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Violenze agli operatori, le richieste alla politica di medici e infermieri in occasione della Giornata nazionale
A Bari conferenza stampa FNOMCeO – FNOPI per ricordare tutti gli operatori sanitari che hanno subito aggressioni. Anelli e Mangiacavalli: «Fare al più presto qualcosa». Tra le richieste i requisiti minimi di sicurezza delle sedi e la rapida approvazione del ddl che inasprisce le pene
di Giulia Cavalcanti inviata a Bari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...