Salute 28 Ottobre 2014

Age.Na.S., al via il PNE 2014. “Strumento applicativo del Patto per la Salute”

Il dg Francesco Bevere: “La nostra carta vincente è la collaborazione con Regioni e professionisti”

Immagine articolo

Il Programma Nazionale Esiti giunge all’edizione 2014, presentato nei giorni scorsi in conferenza stampa da Francesco Bevere, direttore generale dell’Age.Na.S. (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali).

Questa volta, rispetto agli anni scorsi, il PNE assumerà un ruolo determinante: non più soltanto un attendibile fotografo del “come” viene erogata l’assistenza sanitaria in Italia, ma un vero e proprio strumento applicativo del Patto per la Salute 2014 – 2016, che all’articolo 12 prescrive ad Age.Na.S., insieme alle Regioni, di effettuare il monitoraggio, l’analisi e il controllo dei servizi sanitari regionali.  “Questi metodi – spiega Bevere – consentiranno al sistema di giocare d’anticipo e di intervenire tempestivamente su difetti assistenziali e gestionali per evitare la cronicizzazione delle criticità riscontrate”.

Grazie agli audit regionali avviati sulla base dei dati del PNE, nel 2013 la situazione appare sensibilmente migliorata – rispetto ai tre anni precedenti – per quelle Regioni che in precedenza registravano gravi carenze nei servizi per alcuni gruppi di patologie: segno che la strada indicata dal Patto per la Salute va nella giusta direzione. L’Agenzia individuerà con le Regioni percorsi e procedure di intervento omogenei su tutto il territorio nazionale, per raggiungere le strutture che documentino difetti assistenziali. “L’asso nella manica – rivela il dg Age.Na.S. – sarà la partnership con le Regioni e con i professionisti, sia sulla composizione dei dati utilizzati dalla direzione scientifica del PNE, che relativamente all’intervento sulle singole realtà locali, che avverrà – continua Bevere – coinvolgendo direttamente i clinici, il personale sanitario e le società scientifiche.

Un dato interessante da sottolineare è che parte dei rilevanti difetti assistenziali sono stati registrati proprio nelle strutture e nei reparti dove il volume dei casi trattati è al di sotto delle soglie minime indicate dal regolamento sugli standard ospedalieri. Allo stesso modo, buona parte dei difetti organizzativi ed assistenziali emergono nelle strutture di piccole dimensioni, non adatte ad affrontare particolari livelli di complessità assistenziale. “In questi casi – conclude il dg Bevere –  il regolamento sugli standard ospedalieri prevede interventi di chiusura o riconversione delle strutture con meno di 60 posti letto per acuti, a meno che non si tratti di strutture monospecialistiche”.

Articoli correlati
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Fondo sanitario, ministro Grillo: «Presto nuovo Patto Salute. Conte, Salvini e Di Maio mi hanno garantito finanziamenti, altrimenti farò da scudo umano»
A margine dell’incontro “Le malattie rare e la disabilità” la titolare della Salute spiega che i fondi al Sistema sanitario sono confermati ma non esclude «una situazione strutturale internazionale pericolosa». «In quel caso – spiega - qualcuno potrebbe venire a chiederci il conto»
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano