Salute 30 Gennaio 2019 17:46

Aderenza terapeutica, solo il 50% di over 65 segue le cure. Pierpaolo Sileri (M5S): «Anziano risorsa per il futuro, istituire Giornata Nazionale»

Consolidare continuità delle cure per garantire maggiore salute e ammorbidire l’impatto su SSN. «Per questo ho depositato ddl che mette in campo strumenti di formazione, informazione e sensibilizzazione», l’intervista a Pierpaolo Sileri, presidente della commissione Sanità al Senato

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Aderenza terapeutica, solo il 50% di over 65 segue le cure. Pierpaolo Sileri (M5S): «Anziano risorsa per il futuro, istituire Giornata Nazionale»

«Gli anziani sono una risorsa per il Paese, a minare le basi della loro salute è la scarsa aderenza terapeutica ai farmaci». La denuncia è di Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Sanità del Senato, in occasione della conferenza stampa ‘Io aderisco, tu che fai?’ dedicata al tema della continuità delle cure per gli over 65, organizzata dal Comitato Italiano per l’Aderenza alla Terapia (CIAT) che riunisce società scientifiche, istituzioni e associazioni di pazienti per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione.

«L’uso corretto dei farmaci è fondamentale per il controllo di tante patologie, soprattutto quelle croniche, ma ancora troppe persone, in particolare over 65, li assumono in modo discontinuo o abbandonano la cura dopo un breve periodo», aggiunge Sileri. Infatti secondo un recente report dell’OMS, solo il 50% dei pazienti dei paesi sviluppati che soffrono di patologie croniche rispetta con attenzione le cure prescritte. L’impatto della non aderenza nei paesi non sviluppati invece è ancora più elevato visto anche la diseguaglianza nell’accesso alle cure.

L’aderenza terapeutica è un fattore decisivo per salvare vite umane ma anche per ridurre costi e sprechi: alcuni studi americani riportano che il 30-50% degli adulti non segue adeguatamente le prescrizioni di farmaci a lunga durata, con sprechi per circa 100 miliardi di dollari all’anno negli USA. Il rapporto PGEU 2012 riporta invece i dati di mortalità in Europa per mancata aderenza terapeutica o per errori di dosaggio o assunzione di farmaci: 194500 decessi e 125 miliardi di euro l’anno per i costi dei ricoveri.

«Dobbiamo mettere l’anziano al centro della nostra attività, si tratta di una risorsa importante per il sistema e con il passare del tempo il numero degli over 65 aumenterà», prosegue il presidente. «Ogni dieci anni – sottolinea -, guadagniamo uno o più anni di vita, quindi tra una quarantina di anni l’età media sarà 90 anni per le donne e 85 per gli uomini».

LEGGI ANCHE: FARMACI, SILVIO GARATTINI: «SONO DIVENTATI DEI BENI DI CONSUMO, RITORNINO AD ESSERE DEGLI STRUMENTI DI SALUTE»

Maggior aderenza infatti significa minor rischio di ospedalizzazione, minori complicanze associate alla malattia, maggiore sicurezza ed efficacia dei trattamenti e riduzione dei costi per le terapie. «Abbiamo bisogno di anziani che stiano bene e attivi il più lungo possibile – continua Sileri -. L’aderenza alla terapia spesso manca ed è un problema sottovalutato per varie ragioni; è necessario correggere i fattori che determinano la scarsità di aderenza alla terapia affinché gli anziani stiano meglio».

Su questo tema il presidente della Commissione Igiene e Sanità ha depositato un disegno di legge che prevede l’istituzione di una Giornata Nazionale per l’Aderenza alla Terapia, da celebrare il 12 aprile, per «accendere i fari su questa criticità», dichiara Sileri secondo cui le conseguenze della scarsa aderenza abbiano «un impatto negativo sulla qualità di vita dei pazienti e sugli equilibri del Servizio Sanitario Nazionale».

LEGGI ANCHE: SOSTENIBILITÀ SSN. COSSOLO (FEDERFARMA): «I NUOVI IMPEGNI DEI FARMACISTI: CONTRIBUIRE ALLA GESTIONE DI PATOLOGIE CRONICHE E ALL’AUMENTO DELL’ADERENZA TERAPEUTICA»

«La politica può intervenire in vari modi, istituire una giornata è già un inizio – conclude il presidente -, è poi fondamentale far capire che gli anziani sono e saranno sempre di più risorse da mettere al centro del sistema. Soprattutto dobbiamo attivare percorsi che prevedano l’aumento del Servizio sanitario nazionale sul territorio laddove l’anziano ha più bisogno di cure».

Articoli correlati
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
Badacare, arriva la piattaforma che permette di trovare la badante ideale
Una Startup torinese ha messo a punto un portale con oltre 7000 bandati qualificate per non commettere errori nella scelta delle figure professionali cui affidare la gestione dei propri parenti anziani
Un italiano over-60 su 5 è fragile e oltre 1 milione di anziani sono affetti da fragilità severa
L’indagine di Italia Longeva: più colpiti gli anziani con basso reddito e chi vive al Sud, ma non mancano le eccezioni. Servizi di ADI e RSA non proporzionati al numero di fragili in 3 Regioni su 4
Trauma cranico, test sul sangue per diagnosi veloci e precise
Le situazioni in cui si può verificare un trauma cranico sono molteplici. Ma la priorità è sempre la stessa: riconoscerlo tempestivamente, prima che possa creare danni irreversibili
di Valentina Arcovio
Federanziani: «Incentivare la profilassi, rafforziamo la protezione dei pazienti fragili e anziani»
Il Presidente Roberto Messina: «Oltre 150mila persone possono beneficiare della terapia soprattutto adesso che i contagi, causati dal virus, sono in aumento e che alcune dosi di farmaco stanno scadendo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale