Salute 26 Luglio 2019

Abusi sui minori, maglia nera per il Sud Italia. Gasparini (Federico II): «Fondamentale ruolo dei pediatri, sì a formazione specifica»

In Campania la prevenzione ai maltrattamenti entra nei Livelli Essenziali di Assistenza. La presa in carico passerà dal Comune alla ASL

Immagine articolo

Una escalation di violenza consumata in ambiti familiari, dagli esiti talvolta tragici, che negli ultimi mesi ha scosso l’opinione pubblica. Storie di abusi rimbalzate sui media che fotografano i peggiori risvolti di una provincia omertosa e degradata. Vittime innocenti, ancora una volta, i bambini. La Campania – insieme al resto del Sud Italia – protagonista di un record negativo per quanto riguarda i maltrattamenti e gli abusi sui minori. Un fenomeno che, al di là di alcuni casi, resta ancora tristemente sommerso.

«Il problema coinvolge a livello mondiale quasi sei milioni di bambini. Il 70% di questi casi, inoltre, avviene in ambito familiare» – spiega ai nostri microfoni la pediatra Nicoletta Gasparini, membro del Comitato Etico dell’Università Federico II di Napoli. «Parliamo di famiglie ad alto rischio sociale, economicamente danneggiate, contesti su cui gravano situazioni di particolare disagio che possono sfociare in violenza. Cè una grande disparità tra Nord e Sud Italia. Il punto è che al Nord sono presenti molte infrastrutture di supporto alla genitorialità – tra cui banalmente gli asili nido – rispetto al Sud dove invece permangono molte carenze in tal senso».

LEGGI ANCHE: MINORI, LA PROPOSTA DI MICHELA ROSTAN (LEU): «FINANZIARE MISURE PER SOSTEGNO DI PROSSIMITA’ E VALUTARE INCOMPATIBILITA’»

Fondamentale il ruolo del pediatra nel riconoscere alcuni campanelli d’allarme. «Ogni operatore sanitario – continua la pediatra – deve essere allertato sulla possibilità di intercettare questo maltrattamento. Purtroppo questo non è sempre facile, perchè i segni di abuso spesso vengono confusi con altri traumi che il bambino subisce: non a caso è partita di recente una task force di formazione specifica per gli operatori sanitari allo scopo di intercettare precocemente situazioni a rischio. Il ruolo del pediatra, sia di famiglia sia del pronto soccorso, fondamentale. Non dimentichiamo infatti – precisa la dottoressa – che molti casi di maltrattamento vengono fatti passare come cadute da biciclette o traumi accidentali, e invece basta scavare nelle anamnesi di questi casi per scoprire che si tratta in realtà di ben altro. Ogni sospetto di maltrattamento e abuso deve essere denunciato ai servizi sociali del Comune di appartenenza».

Proprio in Campania la prevenzione del maltrattamento e abuso sui minori è da poco entrata nei Livelli Essenziali d’Assistenza. Ciò significa che le competenze in materia passeranno dal Comune alle Aziende Sanitarie Locali ma, considerando i fisiologici tempi dal passaggio di consegne all’effettiva entrata a regime, oltre al sovraccarico delle ordinarie funzioni delle ASL, è altamente probabile un periodo di vuoto istituzionale sulla presa in carico di queste situazioni. «Già in passato c’è stata una sorta di affiancamento – spiega la dottoressa Gasparini -. Negli ultimi vent’anni il Consultorio Familiare dell’Istituto Toniolo di Napoli ha svolto continuativamente, per conto del Comune, la funzione di consulenza agli operatori sanitari e di valutazione, sostegno e cura ai bambini vittime ed ai loro genitori, ma anche decidendo di eventuali allontanamenti».

E sono tante le realtà che sul territorio operano in un’ottica di sostegno e prevenzione. «La Cooperativa “L’Orsa Maggiore” ad esempio – aggiunge la pediatra – di cui faccio parte, è nata nel 1995 ed è attiva attraverso il Centro Educativo territoriale, i Poli per le famiglie, il progetto “Spazio Mamme” insieme a Save The Children, e con la pratica dell’home visiting (visite domiciliari) che è dal 2017 ritenuta dal CISMAI (Coordinamento Italiano Servizi Maltrattamento all’Infanzia) una delle migliori pratiche per la prevenzione dell’abuso. L’home visiting permette infatti – conclude – di poter intercettare precocemente delle situazioni di rischio e sostenerle con un tutor o assistente sociale fin dai primi giorni dalla nascita del bambino, offrendo anche un sostegno alla genitorialità difficile».

Articoli correlati
Caso Napoli, il Presidente di Commissione: «Tra gli studenti anche minorenni che si ‘allenano’ al test»
Proteste dei sindacati: «L’estrazione sociale degli studenti è diventata in Italia la prima determinante dell’esito dei test»
Alla Camera mozione per garantire risorse certe a Ssn. Lorefice: «Logiche di stabilità non possono prevalere»
La presidente della Commissione Affari Sociali ha presentato una mozione in cui si chiede al governo che sia adottata una soglia minima del rapporto spesa sanitaria/Pil e la fissazione di un incremento percentuale annuo, anche in funzione “anticiclica” in caso di contrazione del Pil
Lea, Vecchietti (RBM Salute): «Diventino Livelli effettivi di assistenza. Un cittadino su 3 non vi ha avuto accesso»
Il direttore generale e amministratore delegato di RBM Assicurazione Salute: «Più che puntare su un’estensione più ampia possibile della copertura del perimetro pubblico, si miri alla copertura di quelle patologie per le quali la specializzazione, le risorse e gli investimenti del SSN sono fondamentali»
Pediatri, appello del SiMPeF: «Adolescenti devono poter scegliere il proprio medico»
L’obiettivo perseguito da sindacato è di riuscire a far approvare norme che permettano ad ogni fanciullo di potersi avvalere del medico che ritenga essere il più adeguato ai propri bisogni
di Federica Bosco
Le vitamine fanno bene ai bambini, ma quasi 1 giovane su 2 mangia male
Se la dieta del bambino è particolarmente monotona e non garantisce l’apporto sufficiente di vitamine B è possibile ricorrere agli integratori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali