Voci della Sanità 17 Luglio 2019

Minori, la proposta di Michela Rostan (LeU): «Finanziare misure per sostegno di prossimità e valutare incompatibilità»

La vicepresidente della Commissione Affari Sociali, dopo il caso di Bibbiano, sottolinea come «occorra fare luce sulle tante incompatibilità tra controllati e controllori che si rilevano nella gestione degli affidamenti dei minori in Italia». Alla conferenza stampa anche la criminologa Roberta Bruzzone: «Incompatibilità tra chi decide su affido e chi gestisce strutture accoglienza»

«Il caso di Bibbiano molto probabilmente non resterà isolato. Occorre fare luce sulle tante incompatibilità tra controllati e controllori che si rilevano nella gestione degli affidamenti dei minori in Italia. Per tutelare i diritti dei bambini ho chiesto che vengano finanziate subito misure per la promozione del ‘sostegno di vicinanza’. Un’esperienza che già in molti territori sta dando ottimi risultati. I minori allontanati dalla famiglia d’origine per mancanza di adeguati mezzi di sostentamento vengano affidati a nuclei familiari appartenenti alla stessa comunità locale. Le famiglie affidatarie intervengono così a sostegno della famiglia d’origine fin quando non riesca a superare le difficoltà economiche. Nel frattempo il minore non è costretto a subire il doloroso distacco che rischia di condizionarne per sempre la vita». È la proposta della vicepresidente della Commissione Affari sociali, Michela Rostan, presentata presso la sala stampa della Camera insieme alla criminologa Roberta Bruzzone, alla deputata di Liberi e Uguali, Giuseppina Occhionero, ad Anna Benedetta Torre, presidente della Fondazione Patrizia Nidoli Onlus e Anna Malinconico, sociologa esperta di inclusione.

Il tema della necessità di separare bene i ruoli è stato ripreso dalla criminologa Roberta Bruzzone che ha affermato come «in questo sistema ci sono problematiche diverse che devono essere affrontate in modo drastico, a partire dal rendere incompatibile che gestisce il sistema di valutazione sociale delle famiglie, decidendo l’allontanamento dei minori, rispetto a chi gestisce il collocamento dei minori stessi. Figure che devono essere ben distinte altrimenti si crea un corto circuito dove i più spregiudicati lucrano sulla pelle dei bambini».

 

Articoli correlati
Covid-19, Rostan (Iv): «Emergenza  non metta a rischio altre patologie»
«Ancora tante le strutture ospedaliere sprovviste di percorsi in sicurezza Covid con pazienti che occupano i triage dei Pronto soccorso o le corsie di reparti» segnala la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Nobel Medicina, Rostan (IV): «Supportare prevenzione e screening epatite C»
«Ora dobbiamo sfruttare i fondi già stanziati per gli screening negli anni 2020-21, scovare il sommerso della patologia e avviare celermente i pazienti individuati al trattamento» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Vaccini, Rostan (IV): «Farmacisti e medici di famiglia determinanti, se governo chiede proroga emergenza dica sì al Mes»
«Farmacisti e medici di famiglia siano sostenuti da Governo e regioni in modo da assicurare loro le migliori condizioni possibili per svolgere questa delicatissima campagna» afferma la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Psicologia di Comunità. Torricelli (ENPAP): «Rapporti sociali condizionano benessere: comunità accogliente rende più sani»
La pandemia da Covid-19 ha allargato il divario sociale e i bambini che vivono nelle famiglie più fragili sono sovraesposti al rischio di stress e disagi psicologi
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare