Professioni Sanitarie 23 Dicembre 2019

Veterinari, parla il presidente FNOVI Penocchio: «Il futuro è la sanità di prevenzione. Bene riforma ECM»

Il Presidente della Federazione nazionale Ordini veterinari italiani parla anche della nascente Consulta delle professioni sanitarie: «Si occuperà di programmazione, organizzazione, dei contributi alla qualità e all’integrazione dei profili e dei servizi, senza invasioni tra professioni» sottolinea il presidente FNOVI

Il 2020 è stato un anno importante per la medicina veterinaria. In primis per l’introduzione della ricetta veterinaria elettronica, un meccanismo che punta in prospettiva a ridurre l’antimicrobico-resistenza attraverso la tracciabilità del medicinale. Ma anche per l’avvio di un percorso comune con le altre professioni sanitarie iniziato a febbraio al Teatro Argentina di Roma con un ‘manifesto comune’ e destinato a proseguire nei prossimi mesi con l’istituzione della Consulta delle professioni sanitarie, un organismo di consultazione permanente che sta per essere istituito dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Un percorso che nasce dall’esigenza di una collaborazione tra professionisti nell’interesse del paziente e dei suoi bisogni, valorizzando le competenze senza alzare steccati e lasciandosi alle spalle le conflittualità. Ne abbiamo parlato con il presidente della FNOVI – Federazione nazionale Ordini veterinari italiani Gaetano Penocchio, che ha anche commentato la recente decisione della Commissione ECM di procedere nel 2020 a una riforma della Formazione Continua: «La riforma dell’Ecm annunciata dalla Commissione Nazionale è una grande opportunità per il sistema salute italiano – ha commentato Penocchio – ora sarà importante orientare questo processo per proporre un aggiornamento rispondente alle reali necessità dei professionisti».

LEGGI ANCHE: MEDICI VETERINARI, LA SVOLTA DELLA REV NELLA LOTTA ALLE ANTIBIOTICO-RESISTENZE

Si sta per concludere il 2019. Che anno è stato per i veterinari? 

«L’anno che sta per finire è stato un anno di grandi cambiamenti, una vera rivoluzione nel settore della sanità animale.  Le parlo di ricetta elettronica, di Classyfarm, di veterinario aziendale, di lotta alla antimicrobicoresistenza. Anzitutto l’introduzione della ricetta veterinaria elettronica finalizzata alla tracciabilità del medicinale veterinario. L’obbiettivo non è quello di dematerializzare la ricetta, ma di informatizzarla ovvero far convergere i dati di tutte le prescrizioni destinate ad animali da reddito e agli animali da compagnia in un sistema in grado di registrarli, identificarli, quantificarli, elaborarli, aggregarli, restituendoli come informazioni epidemiologiche, indicatori di analisi e di intervento. L’obiettivo di fondo è quello di contrastare il fenomeno dell’antimicrobico-resistenza.  Proprio su questo fronte la categoria si è molto impegnata in un percorso di miglioramento e riduzione dell’utilizzo di antimicrobici con risultati significativi. Ma la riduzione dell’utilizzo di antimicrobici passa dal miglioramento delle condizioni di allevamento, di biosicurezza, di benessere animale.  A questo scopo il Ministero della salute ha reso disponibile il sistema informativo di categorizzazione degli allevamenti ClassyFarm che integra informazioni epidemiologico-sanitarie di più banche dati (Anagrafe zootecnica, Sistema Informativo Sanità animale) con quelle prodotte dall’Autorità competente nel corso dei controlli ufficiali e quelle prodotte in autocontrollo dal veterinario aziendale, di nuova istituzione, le cui informazioni contribuiranno a completare il sistema di sorveglianza epidemiologica e categorizzare il rischio nelle aziende zootecniche».

Che obiettivi vi proponete per il 2020?

«Nel 2020 ci aspettiamo la messa a regime delle innovazioni introdotte con le ricadute attese in termini di salute. Servirà adottare un approccio integrato, coinvolgere tutti i soggetti interessati, integrando competenze sanitarie e ambientali, individuare tutti gli aspetti che impattano sulla salute e la sostenibilità dell’allevamento zootecnico definendo uno standard da perseguire su cui far convergere le varie politiche. La sanità pubblica veterinaria deve interessarsi di ambiente, animali e uomini. Questi sono i tre pilastri fondamentali, che fanno la differenza. Il binomio ambiente-salute, la dinamica dei controlli che partono dall’ambiente per garantire il cibo, la tracciabilità, la sicurezza alimentare. Il veterinario del 2020 dovrà essere sempre più un medico che guarda al futuro e riesce a mettersi al centro di una sanità di prevenzione per servire meglio la comunità per la quale vive».

Il ministro Speranza ha annunciato la nomina di una Consulta nazionale delle professioni sanitarie. Che compiti avrà questo organismo?

«La Consulta, proposta dal Ministro della Salute da forma e ruolo ad un coordinamento permanente delle Professioni sanitarie, che nei fatti esiste già. Tutti ricordiamo come lo scorso febbraio i presidenti degli Ordini e delle Federazioni nazionali hanno sottoscritto e presentato a Roma in un primo Consiglio nazionale delle Professioni sanitarie un manifesto sui temi caldi della sanità, dalla spesa al regionalismo differenziato, dalla mobilità ai rischi per la salute alla carenza di personale e servizi, per costruire, per la prima volta tutti insieme, un rapporto continuativo di confronto e di proposte condivise. Va riconosciuto al Ministro di aver colto l’opportunità di dotarsi stabilmente di questo organismo portandolo al Ministero della Salute. I compiti non potranno che riguardare la programmazione, l’organizzazione, i contributi alla qualità e all’integrazione dei profili e dei servizi, senza invasioni tra professioni, per garantire la salute dei cittadini in maniera uniforme e omogenea in tutto il Paese».

Articoli correlati
Medici veterinari, la svolta della REV nella lotta alle antibiotico-resistenze
All’indomani della presentazione del rapporto Censis che ha evidenziato luci e ombre di una professione in cerca della propria identità, l’entrata in vigore della Ricetta Veterinaria Elettronica rende l’Italia «un modello virtuoso in Europa». L’intervista ad Antonio Limone, tesoriere FNOVI
La ricetta veterinaria elettronica è realtà, Grillo: «Siamo i primi in Europa. Avanti con la tracciabilità e la trasparenza nell’uso dei farmaci sugli animali»
Dal 16 aprile in Italia sarà obbligatoria la ricetta veterinaria elettronica. Ad annunciarlo il ministro della Salute, Giulia Grillo. «Siamo i primi in Europa ad adottare questo sistema innovativo nel campo della sanità animale che rappresenta un passo fondamentale nella strategia di lotta all’antibiotico-resistenza, oltre a rappresentare uno strumento di trasparenza nella filiera dei farmaci […]
Quando il nostro angelo custode è… il veterinario. Intervista a Gaetano Penocchio FNOVI
Questa figura professionale non si occupa solo della salute dei nostri animali da compagnia, ma analizza e autorizza la distribuzione di tutti gli alimenti di origine animale. L’intervista a Gaetano Penocchio, Presidente Fnovi - Federazione nazionale ordini veterinari italiani
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano