Professioni Sanitarie 10 Giugno 2019 15:56

#UnGiornoCon | Ostetrica. Chantal è in attesa del piccolo Vittorio: ecco come la futura mamma si prepara al lieto evento

Marocchini (ostetrica): «Superato il travaglio e il parto, io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio per valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato e il benessere di mamma e bambino»

di Isabella Faggiano

Se chiedete a qualcuno di immaginare un’ostetrica sicuramente la vedrà in una sala parto, accanto ad una donna, ad assisterla durante il travaglio fino alla nascita del suo bambino. Ma questo è solo un luogo comune, l’idea più diffusa nell’immaginario collettivo. Nella vita lavorativa di questi professionisti sanitari c’è molto di più. E per scoprirlo abbiamo visitato uno studio libero professionale a gestione ostetrica, dove ci ha accolti Simona Marocchini, ostetrica e segretario dell’Ordine della professione Ostetrica di Roma.

È bastato fermarsi ad osservare la sala d’attesa per capire che alle ostetriche si rivolgono persone di tutte le età: non solo signore in dolce attesa, ma anche neomamme alle prese con l’allattamento, coppie che desiderano un figlio e donne in menopausa. «Ogni ostetrica – spiega Simona Marocchini – è specializzata in un particolare ambito, ma è di tutte noi il compito di accogliere la donna a 360 gradi, lavorando in uno studio o anche a domicilio».

«Alle donne che desiderano mettere al mondo un bambino – continua Marocchini – l’ostetrica può riservare un percorso di assistenza per la corretta assunzione di acido folico, può suggerire l’alimentazione più adeguata e guidarle nella modificazione degli stili di vita, indirizzandole verso le sane abitudini. Durante la gravidanza l’ostetrica può seguire tutto il periodo di gestazione in un’ottica di continuità assistenziale: si crea un legame molto intimo con la coppia che continuerà anche dopo il parto per aiutare la neomamma con l’allattamento e le prime cure del neonato. Ed anche durante la menopausa le donne possono trovare nell’ostetrica una figura professionale preparata per aiutarle ad affrontare un nuovo percorso che punti al miglioramento della qualità della vita, soprattutto in quest’epoca in cui la donna che si è affaccia alla menopausa – sottolinea l’ostetrica – è una donna giovane».

Al nostro arrivo è il turno di Chantal, signora al nono mese di gravidanza: la seguiamo all’interno dello studio ostetrico per assistere alla sua visita di controllo. «Chantal – spiega Simona Marocchini – è alla trentasettesima settimana di gestazione, in attesa che nasca il piccolo Vittorio. Ha affrontato tutto il suo percorso di assistenza alla gravidanza con un’ostetrica».

Nella sua visita odierna si sottoporrà alla misurazione di alcuni parametri per verificare il corretto andamento della gestazione. «Cominciamo dalla palpazione della pancia – dice  l’ostetrica – che ci permette di capire il posizionamento del bambino, di avvertire i suoi movimenti. Possiamo sentire se l’utero è contratto ed il volume del liquido amniotico. Successivamente si misura la lunghezza in centimetri della distanza dalla sinfisi fino al punto in cui finisce l’utero. Questa misurazione viene riportata all’interno di un grafico e ci permette di verificare il corretto andamento della crescita del piccolo».

Dopodiché si procederà all’ascolto del battito fetale: al momento della visita il cuoricino di Vittorio batte circa 131 volte al minuto. Per concludere, si misura la pressione arteriosa della futura mamma che nel caso di Chantal è perfettamente nella norma: 120-70.

La visita di Chantal è conclusa ma tornerà molto presto per un nuovo controllo: «Ci stiamo avvicinando alla nascita – spiega l’esperta – e quindi ci vedremo più frequentemente. Insieme, ci stiamo preparando ad affrontare un parto spontaneo. E, superato il momento del travaglio e della nascita, continueremo a vederci ancora per un po’. Io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio che permetterà di valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato, il benessere di mamma e bambino. Un sostegno ai neogenitori – conclude l’ostetrica – che da coppia diventano famiglia».

Articoli correlati
Le donne incinte possono essere vaccinate con il vaccino AstraZeneca?
La risposta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Vaccino anti-Covid negato a donne in gravidanza, Beux (FNO TSRM E PSTRP): «Nessuna incompatibilità con allattamento»
I professionisti sanitari sono chiamati ad effettuare la vaccinazione contro il Covid-19 ma alle donne in allattamento questa opportunità resta in alcuni casi negata. Il Presidente della Federazione: «I documenti emanati da EMA e AIFA attestano la compatibilità del vaccino Covid-19 mRNA con l’allattamento»
Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»
Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»
di Isabella Faggiano
Diabete in gravidanza, una donna su dieci va incontro a complicanze. Prevenzione e tecnologie per evitare rischi
Attivo il nuovo percorso formativo AMD “Giunone 4.0” per offrire ai diabetologi, ma anche a ginecologi, ostetrici e psicologi la formazione specialistica necessaria e certificata per la gestione della condizione diabetica in gravidanza
Fnopo: «Intollerabile campagna contro la RU486. La vita si difende tutelando diritti e salute delle donne»
«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano