Professioni Sanitarie 19 Settembre 2022 11:29

Un italiano su tre è analfabeta funzionale. L’allarme dei logopedisti

Rossetto (FLI): «Necessario un intervento logopedico preventivo tra le persone che vivono in una condizione di svantaggio socio-economico: la maggior parte dei minori che commettono reato sono analfabeti funzionali»

Quasi tre italiani su 10 sono analfabeti funzionali, ovvero non sono in grado di usare in modo efficace le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana. L’analfabetismo funzionale è un’incapacità che, nella pratica, si traduce in insufficienti comprensione, valutazione e riutilizzazione delle informazioni in cui ci si imbatte durante la vita sociale e individuale di tutti i giorni.

Un italiano su tre è analfabeta funzionale

«È analfabeta funzionale ben il 28% degli italiani – dice Tiziana Rossetto, presidente FLI, la Federazione Logopedisti Italiani -. Ovvero, questa percentuale di popolazione non è in possesso delle abilità necessarie a comprendere del tutto e usare le informazioni quotidiane che ha a disposizione. E come se non bastasse – aggiunge la presidente Rossetto – il dato del Belpaese è uno dei peggiori d’Europa». I logopedisti italiani hanno lanciato l’allarme pochi giorni fa, in occasione della Giornata dell’alfabetizzazione 2022: «Non basta acquisire le abilità strumentali del leggere, scrivere e far di conto, ma è necessario che sia concesso a tutti gli individui di accedere anche quelle conoscenze e competenze minime che gli consentano di partecipare in modo attivo e consapevole alla vita – aggiunge la logopedista -. E per far questo è necessario un intervento socio-sanitario mirato e multidisciplinare che coinvolga le fasce più fragili e disagiate della società».

Criminalità minorile e analfabetismo funzionale, lo studio

L’analfabetismo funzionale non è una novità. «Già nel 1984 l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva lanciato l’allarme. Poi, due decenni dopo, i dati Ocse hanno confermato la drammaticità della situazione. Più di recente una ricerca condotta dalla Federazione dei Logopedisti Italiani, in collaborazione con alcuni colleghi inglesi, ha evidenziato che il problema è tutt’altro che risolto. In particolare, il nostro studio si è soffermato sull’analisi della relazione tra analfabetismo funzionale e criminalità minorile. I risultati italiani, sovrapponibili a quelli inglesi, hanno dimostrato che la maggior parte dei minori che commettono un reato hanno abbandonato la scuola e sono privi di quelle capacità che gli permettono di comprendere e valutare appieno la realtà. Sono, in altre parole, analfabeti funzionali. Per questo, affinché sia garantita una piena ed efficace reintegrazione di questi individui nella società, è necessario un intervento socio-sanitario mirato che, tra gli altri, preveda anche l’intervento del logopedista».

L’alfabetizzazione emotiva

«La nostra categoria professionale, dunque, non dovrebbero essere chiamata in causa solo in presenza di disturbi specifici, come possono esserlo quelli dell’apprendimento (i DSA comprendono dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia), ma anche, preventivamente, tra le persone che vivono in una condizione di svantaggio socio-economico», sottolinea Rossetto. Ma non è tutto. Affinché chiunque possa essere parte attiva, integrante e integrata della società è necessario che aggiorni di continuo le sue conoscenze e competenze, in primis quelle digitali che sono soggette a continua evoluzione. «Da non tralasciare – conclude Rossetto – nemmeno l’alfabetizzazione emotiva, indispensabile per nutrire valori, sentimenti, rispetto e tolleranza per le diversità e le differenze e per contrastare la violenza verso i più fragili».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Disturbi dell’apprendimento, ne soffrono 300 mila studenti
Il fenomeno migratorio e il conseguente bilinguismo sono al centro delle nuove Linee Guida sulla gestione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento alla cui stesura ha contribuito la Federazione dei Logopedisti
Presentato il primo Libro Bianco della Logopedia: «In pandemia +30% di richieste, ma mancano 10 mila professionisti»
Rossetto (FLI): «I logopedisti hanno risposto all’emergenza con la pubblicazione di linee guida e l’implemento della tele-riabilitazione. La nostra professione è ai primi posti nella scelta delle giovani matricole tra le 22 professioni sanitarie. Ma i neolaureati non bastano a colmare il divario con gli altri Paesi»
di Isabella Faggiano
La Federazione Logopedisti Italiani compie 32 anni e diventa Associazione Tecnico Scientifica
Rossetto (FLI): «La nostra priorità è dialogare con le Istituzioni per adeguare il numero di logopedisti impiegati nel SSN ai bisogni di salute dei cittadini»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola