Professioni Sanitarie 2 Novembre 2021 09:45

«Nelle Case e negli Ospedali di Comunità manca il sociale». La denuncia del presidente CNOAS Gianmario Gazzi

Nei due pilastri della riforma della sanità territoriale prevista dal PNRR, secondo il presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, l’assistente sociale è solo “fortemente raccomandato” e comunque è in carico ai servizi comunali. Sul Reddito di Cittadinanza spiega: «Va rivisto ma tenuto, tutti i paesi europei hanno una misura di contrasto alla povertà»

di Francesco Torre
«Nelle Case e negli Ospedali di Comunità manca il sociale». La denuncia del presidente CNOAS Gianmario Gazzi

“Non c’è salute senza sociale” è uno slogan molto in voga di questi tempi, ripetuto spesso anche dal Ministro Roberto Speranza. Parole, però, che non sembrano trovare attuazione nel concreto, come spiega a Sanità Informazione Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali: al momento, infatti, nelle Case e negli Ospedali di Comunità che saranno il perno della riforma della sanità territoriale prevista dal PNRR non è prevista una dotazione di assistenti sociali in carico al Servizio Sanitario Nazionale.

«Sui documenti che abbiamo visionato sinora questo sociale all’interno del sistema salute non si vede» commenta Gazzi, che aggiunge: «Nelle case di comunità i servizi sociali che sono ‘fortemente raccomandati’ sono quelli in carico ai comuni, non ci sono assunzioni in sanità». Gazzi poi difende il Reddito di Cittadinanza, che «va rivisto ma va mantenuto perché tutti i paesi europei hanno una misura di contrasto alla povertà». E poi si dice deluso dalla riforma delle lauree abilitanti che per ora esclude gli assistenti sociali.

Presidente, cosa si aspetta dalla prossima legge di Bilancio?

«Siamo in attesa di un testo definitivo. Abbiamo visto come positivo quanto scritto nella Nadef dove viene dichiarato che si supererà quel blocco che impedisce a molti comuni di raggiungere il famoso tetto di 1 assistente sociale ogni 6500 abitanti che dà accesso a ulteriori finanziamenti. Andrebbero usati i fondi di solidarietà comunale per raggiungere quella quota, ma aspettiamo il testo per comprenderne la portata. In tutti i casi chiediamo un investimento sin generale sul welfare. Gli Ordini non sono un sindacato. Noi facciamo una battaglia perché vengano garantite alle persone le opportunità previste nella Carta costituzionale. Il principio è che senza servizi quei diritti non li garantisci. Ora negli ultimi 20-30 anni di austerity abbiamo visto considerare tutto il welfare territoriale sia sociale che sanitario come una spesa improduttiva. In realtà così non è. Noi abbiamo chiesto il potenziamento del servizio degli enti locali e anche della sanità e misure specifiche per la domiciliarità».

Gli assistenti sociali saranno coinvolti nella riforma della sanità territoriale?

«Anche la sanità dovrebbe assumere assistenti sociali. Ma abbiamo visto delle bozze di documenti prodotti in Agenas su cui abbiamo molte perplessità come per le Case di comunità e gli Ospedali di comunità l’assistente sociale è ‘fortemente raccomandato’. Ma cosa vuol dire? Il ministro Speranza ha detto più volte che non c’è salute senza sociale. Però sui documenti questo sociale all’interno del sistema salute non si vede. Lo vedo sempre esternalizzato ai comuni che sono già in difficoltà con i servizi normali. Nell’Ospedale di comunità, per come è stato delineato nei documenti presentati sino a questo momento, la componente sociale non c’è. Eppure molte persone che vengono ospedalizzate, soprattutto anziane e non autosufficienti, se non hanno una cura domiciliare che comprenda tutta la gamma di servizi che possono essere costruiti, tendenzialmente tornerà in ospedale.

E nelle Case di comunità?

«Qui i servizi sociali sono fortemente raccomandati ma ci si riferisce a quelli dei comuni. Continuo a non capire perché dobbiamo sempre scaricare sul Comune e sull’ente locale anche funzioni della sanità. In molti territori non c’è più il servizio sociale all’interno degli ospedali. In Italia c’è un problema culturale. Purtroppo in italiano per esprimere il concetto di ‘cura’ esiste solo una parola mentre in inglese c’è differenza tra ‘cure’ e ‘care’, tra cura e assistenza. Il punto è che se continuiamo a pensare che il problema salute sia solo un problema di terapia, di somministrazione di farmaci, di terapie si continuerà a non vedere il resto. Sappiamo che un approccio meramente terapeutico sanitario in senso stretto e non olistico aumenta il rischio di ulteriori spese sanitarie».

Parliamo ora del Reddito di cittadinanza. Molte forze politiche pensano che sia uno strumento da archiviare…

«Invece non sono soldi buttati. Noi abbiamo appoggiato le proposte sia di Alleanza contro la povertà che di Caritas. Sosteniamo che va rivisto in alcune parti, soprattutto quelle che collegano povertà e politiche attive del lavoro. Vanno fatti quegli interventi che tutti avevano sollecitato. Ma tutti i paesi europei hanno una misura di contrasto alla povertà. Il punto che è che molte delle persone che ricevono il Reddito di Cittadinanza oggi non sono occupabili. Non è vero che vogliono stare sul divano. Non è una misura meramente economica ma richiede specificamente la presenza di équipe multidisciplinari perché molte delle persone possono avere una disabilità, un problema psicologico, problemi di salute mentale. Sono persone che vanno accompagnate. Chiunque dica che sono persone che vogliono stare sul divano mente sapendo di mentire».

Infine le lauree abilitanti. Gli assistenti sociali sono rimasti sostanzialmente fuori dalla riforma…

«Non siamo soddisfatti. Rimane il problema di ragionare sui percorsi formativi dei professionisti. Ad oggi non siamo ricompresi nel novero delle lauree abilitanti. Quello che avevamo chiesto era di rivedere il percorso formativo di tutti gli assistenti sociali aumentando tutte quelle che sono le cosiddette materie di indirizzo, specifiche del servizio sociale, prevedendo un investimento maggiore. Una cosa che chiediamo da anni. Il testo di legge avrebbe potuto contenerlo ma da parte del Governo ci è stato risposto che c’era fretta in vista del PNRR e andava approvato così. Il risultato è che noi siamo fuori da questa riforma. Stando alle dichiarazioni della ministra Messa, si farà un tavolo per le altre professioni ma non c’è ancora nessuna notizia in merito».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
Il Terzo Settore boccia le Case di Comunità: «Integrazione socio-sanitaria sparita»
Il coordinatore della Consulta Welfare del Forum Terzo Settore Roberto Speziale: «Decreto stravolto dopo passaggio in Conferenza Unificata». Poi la richiesta al governo: «Approvare subito legge delega sulla non autosufficienza per colmare vuoto»
di Francesco Torre
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi