Professioni Sanitarie 15 Febbraio 2021 14:57

Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»

Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»

vaccini anti Covid-19«È inaudito che operatori che sono a stretto contatto con il paziente non vengano vaccinati oppure vengano vaccinati per ultimi. C’è una situazione di confusione». È polemico il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia che a Sanità Informazione denuncia i ritardi nelle vaccinazioni per i biologi che pure stanno svolgendo un ruolo essenziale nella lotta al Covid-19 nel Servizio pubblico ma anche nei laboratori privati.

«C’è molta confusione – spiega Miraglia – perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva. Quindi hanno fatto la scaletta di tutti quelli che hanno la priorità e i libero professionisti li hanno messi dopo i farmacisti. Ma si sono dimenticati i biologi laboratoristi che, soprattutto dal Lazio in giù, sono in prima linea».

Vaccinazione a ‘macchia di leopardo’

L’Ordine dei Biologi si è attivato anche a livello ministeriale per segnalare l’incongruenza della decisione ma nei fatti le regioni hanno seguito quelle Linee guida. Miraglia contesta anche l’estrema varietà delle determinazioni regionali in tema di vaccinazione Covid: in alcune regioni si sono registrate persino differenze tra province. «Ci sono zone dove le aziende hanno vaccinato, ci sono zone dove non ci hanno nemmeno chiamati – spiega Miraglia -. Soprattutto al sud: in Sicilia alcune province hanno vaccinato tutti i libero professionisti e tutti quelli che sono in prima fila. In altre non hanno fatto niente e c’è caos. Noi siamo stati introdotti dalla legge Lorenzin dentro il Sistema sanitario e, nonostante questo, purtroppo ancora molti colleghi non sono vaccinati. Sono 56mila i biologi in Italia: abbiamo avuto anche dei colleghi che sono morti, molti si sono contagiati, abbiamo fatto milioni di tamponi. Se ci sono tutti questi tamponi antigenici è anche grazie a noi. Eppure, nonostante questo, siamo dimenticati».

Secondo Miraglia si sarebbe dovuto pensare a una norma più semplice: «Bisognava stabilire che tutti i professionisti della sanità andavano vaccinati con priorità. In molte zone hanno vaccinato anche i medici in pensione dimenticando altre categorie al ‘fronte’. Se un medico in pensione torna in prima fila merita una medaglia d’oro perché rischia. Ma quelli che stanno a casa perché devono essere vaccinati? Quando ci sarà la vaccinazione vera e propria di tutta la popolazione, dagli over 80 ai 20enni, ci sarà il caos generale perché non c’è organizzazione».

Miraglia è tra i fortunati già vaccinati, fresco di richiamo. Ed è tra i fautori della vaccinazione: «Qua siamo di fronte a una pandemia che non si sa dove ci porterà, ancora non si è capito a fondo cos’è il coronavirus. Molti non hanno avuto gli anticorpi, molti possono anche infettarsi di nuovo, alcuni sono asintomatici, ancora non sappiamo la durata degli anticorpi dei vaccinati. In una situazione così grave chi non si vaccina rischia e mette in pericolo gli altri. Non vaccinarsi è sbagliato: solo il vaccino può salvarci».

Il contributo dei biologi alla campagna vaccinale

Infine, il tema del contributo che i biologi e gli altri operatori della sanità possono apportare alla campagna vaccinale: i biologi garantiscono la loro disponibilità a far parte della macchina organizzativa. «Abbiamo chiesto, come tutte le categorie sanitarie, di partecipare alla vaccinazione – conclude Miraglia -. Il paradosso è che già facciamo i prelievi di sangue: il biologo che ha superato il corso può fare il prelievo del sangue. I prelievi li possiamo fare ma non possiamo inoculare il vaccino. Non ha senso. È molto più difficile fare il prelievo che non una punturina. La legge ce lo impedisce. Noi siamo pronti a collaborare, a tutti i livelli e in tutta Italia. Mettiamo a disposizione le nostre strutture. Vogliamo collaborare con la politica, le istituzioni e tutto il mondo sanitario per poter arrivare al traguardo. Se entro 4-5 mesi non c’è una vaccinazione che copre almeno 40 milioni di persone non abbiamo fatto niente, anche perché non sappiamo quanto la copertura anticorpale può durare. Ci sarà un continuo allarme, una continua mobilitazione per vaccinare. Serve però una norma per permetterci di vaccinare in sicurezza, sempre in presenza del medico».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...