Professioni Sanitarie 9 Marzo 2021 10:18

Computer vision syndrome, a rischio anche bambini e adolescenti

L’ortottista: «Controllo ortottico e visita oculistica sono consigliati entro il primo anno di vita. Le attività di screening non possono sostituire gli esami completi della vista. In Italia, medico oculista e ortottista assistente in oftalmologia sono le uniche due figure sanitarie riconosciute a svolgere attività in campo oftalmologico»

di Isabella Faggiano

Si chiama computer vision syndrome e affligge chi rimane seduto davanti ad un monitor per tante ore al giorno, con possibili effetti a carico della vista, come la visione offuscata o doppia, il bruciore, il prurito, la secchezza e l’arrossamento. Tra le persone più a rischio, non solo i lavoratori che trascorrono gran parte della propria giornata davanti ad uno schermo, ma anche bambini e adolescenti che, dall’esplosione della pandemia, utilizzano il pc sia per la didattica a distanza, che come passatempo nelle ore pomeridiane.

Sindrome da pc, la diagnosi

«Queste alterazioni della visione, che possono riguardare il microclima, la scarsa illuminazione, l’abbagliamento, è opportuno che siano valutate attraverso un esame oculistico completo –  consiglia Marco Montes, ortottista,  presidente della Commissione d’Albo degli Ortottisti ed Assistenti di oftalmologia di Roma e provincia, nonché consigliere della CdA Nazionale della stessa professione -. In questo caso è compito dell’ortottista utilizzare tutte quelle tecniche diagnostiche che permettano al medico oculista di individuare e suggerire il trattamento più adeguato».

I segni oculari del Covid

Ma la computer vision syndrome non è l’unica possibile conseguenza della pandemia. Segni oculari, come l’arrossamento, il bruciore e la lacrimazione, devono essere valutati sempre con estrema attenzione  «L’ortottista – continua Montes – consapevole che il Covid-19 può manifestarsi anche con segni oculari, indirizzerà il paziente che presenta arrossamento, bruciore o lacrimazione dall’oculista e, su prescrizione medica, eseguirà gli esami necessari a stabilire se questi segni sono sintomo di infiammazione, affaticamento o a altre cause, cosicché il medico oculista possa fornire la cura più adeguata».

Lo screening non sostituisce l’esame completo della vista

A prescindere dalla comparsa di segni e sintomi, gli occhi dei bambini, anche quelli che appaiono perfettamente sani, vanno sempre esaminati.  «Controllo ortottico e visita oculistica sono consigliati entro il primo anno di vita – spiega Marco Montes -. Il secondo appuntamento va fissato tra il secondo ed il terzo compleanno. Il terzo, tra il quinto e il sesto anno di vita».

Attenzione a non confondere uno screening visivo con un esame completo della vista. «Far partecipare il proprio figlio ad una campagna di screening, non significa poter fare a meno dei controlli o delle visite oculistiche, fortemente consigliate nei primi anni di vita – sottolinea l’ortottista -. Lo screening è un’attività di prevenzione secondaria utile ad individuare precocemente un solo ed unico disturbo: non può e non deve da solo giungere ad una diagnosi. In altre parole, un bambino che parteciperà ad una campagna dedicata all’ambliopia (conosciuta come occhio pigro, ndr) potrà escludere solamente la presenza di questo specifico disturbo. Tutti gli altri difetti visivi dovranno, perciò, essere valutati attraverso un controllo ortottico ed una visita oculistica completi».

Disinformazione e false credenze

Le campagne di screening, pur non rappresentando un’attività di prevenzione primaria, possono essere uno strumento utile a sensibilizzare la popolazione sull’importanza di sottoporre i propri figli a controlli della vista fin dalla tenera età. «Solo l’11% dei genitori sa che un esame completo della vista va effettuato entro il terzo anno di vita – sottolinea Montes -. Il 25% pensa di doversi recare per la prima volta dall’oculista solo dopo che il bambino avrà imparato a leggere. Il 56% sa cos’è l’occhio pigro e 2 genitori su 10 sono convinti che l’occhio deviato, storto, si addrizzi da solo. Il 62% degli italiani crede che gli occhiali da vista siano prescrivibili solo dopo la prima elementare». Sono tutte informazioni scorrette che è necessario sradicare dall’immaginario collettivo, «così come è necessario che sia fatta chiarezza – dice l’ortottista – su chi ha la qualifica necessaria per occuparsi sia delle campagne di screening, che di visite e controlli. Le due uniche figure sanitarie riconosciute in Italia a svolgere attività in campo oftalmologico – conclude Montes – sono, per quello medico, il medico oculista e, nell’ambito delle professioni sanitarie, l’ortottista assistente in oftalmologia».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi