Politica 30 gennaio 2017

Ciclone Trump: perché la sanità è così importante per il Presidente Usa? Lo spiega il medico italiano a Pittsburgh

Il primo atto ufficiale di Trump è stato sull’Obamacare. Claudio Loffreda-Mancinelli, medico anestesista italiano a Pittsburgh spiega: «Medici americani contrari alle volontà del nuovo Presidente. Un Sistema Sanitario che garantirà accesso a tutti? Fino ad ora ci sono state solo proposte vaghe»

Smantellare l’Obamacare. Questo uno dei primi passi fatti da Donald Trump dopo aver varcato ufficialmente la soglia della Casa Bianca. Il Presidente ha firmato l’ordine esecutivo volto a smembrare il Sistema Sanitario voluto da Obama e fondato sui programmi assistenziali pubblici Medicare e Medicaid. La firma del Presidente, messa nero su bianco nello studio ovale, per adesso ha un valore puramente rappresentativo visto che sarà il Congresso ad avere l’ultima parola, ma intanto il nuovo inquilino della Casa Bianca ha già manifestato chiaramente il percorso che ha intenzione d’intraprendere.

«Trump definisce l’Obamacare come un sistema orribile, dispendioso, inefficiente» spiega Claudio Loffreda-Mancinelli, medico anestesista italiano, presidente della Membership Committee dell’American College of Medical Quality, da oltre trent’anni impiegato a Pittsburgh. «Il nuovo presidente promette un sistema sanitario più universale, assicurazione sanitaria per tutti e inoltre vuole che le case farmaceutiche negozino direttamente con il Governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Va bene, ma come?»

«Il Presidente parla di un nuovo sistema qualitativamente migliore e dai costi misurati – prosegue -. Un sistema che garantirà accesso al Sistema Sanitario per tutti i cittadini americani. Ma qual è in effetti la nuova proposta di legge?  Fino ad ora ci sono state solo proposte vaghe, manca ancora un consenso su chi e come il partito voglia scegliere per rimodellare il programma. Non sarà semplice mettere sul tavolo proposte legislative capaci di mantener fede alle proposte elettorali».

È dato certo che la maggior parte dei medici americani si oppone all’abrogazione dell’Obamacare. Questo elemento emerge da uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine e compiuto contattando 426 medici scelti a campione tra più di 1,4 milioni di medici e studenti di medicina americani. L’indagine indica inoltre che il 74% dei medici intervistati è favorevole a modifiche alla legge, come la creazione di un’assicurazione pubblica sul modello del Medicare, che copre i pensionati, così da creare concorrenza con piani di copertura privati. La maggioranza degli operatori sanitari sono anche ostili alla possibilità per le compagnie di assicurazione di rifiutare la copertura a persone con malattie croniche.

«I medici sono estremamente scettici come il resto dei cittadini – spiega il medico di Pittsburgh – infatti attualmente restano molti gli interrogativi. I costi di gestione, i costi assicurativi, sono stati da sempre il tallone d’Achille per il Sistema Sanitario Americano.  La carenza di azioni mirate a migliorarne la funzionalità, e quindi la riduzione degli sprechi, hanno determinato un lento collasso del sistema e ora siamo in attesa di nuove indicazioni. È chiaro che una eventuale copertura assicurativa totale e nazionale, potrebbe portare pericolosamente ad una diminuzione dei servizi, non accettabile per le esigenze del Paese».

Bisognerà mettere in conto ulteriori costi per il Governo, con fondi che dovranno essere reperiti. Ma con che sistema? Si chiede il medico italiano negli Usa. «C’è il serio rischio che aumentino le tasse. L’obiettivo è aumentare la competizione tra le varie agenzie assicurative, introducendo il concetto di assicurazioni pubbliche? O diminuire i compensi medici basandoli non più sul volume dei pazienti ma sui risultati clinici? Alcune di queste idee, sono già state prese in considerazione in passato, con scarso successo».

«È ancora presto per capire se, quando e, soprattutto, come, Trump rivoluzionerà la sanità americana. – conclude – È certo che il Presidente e i Repubblicani saranno da soli in questa operazione estremamente complessa, con i Democratici alla finestra. Le elezioni amministrative del 2018 d’altronde non sono poi così lontane…».

Articoli correlati
Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno
Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano […]
USA, la sanità sarà decisiva per le elezioni di metà mandato di novembre
La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione. Una buona notizia per i Democratici, visto che la […]
L’Oregon propone diritto all’assistenza sanitaria in Costituzione. Primo stato USA
L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, […]
Trump vs Hunt: scontro sulla sanità a colpi di tweet
«I democratici vogliono un Sistema sanitario universale mentre migliaia di persone nel Regno Unito stanno marciando perché il loro sistema universale sta per andare in bancarotta e non funziona». «Anche se non condivido le ragioni della manifestazione, di certo nessuno dei manifestanti vorrebbe vivere con un sistema che esclude 28 milioni di persone dalle cure. […]
L’Aiop Giovani studia il sistema sanitario americano
L’Aiop Giovani quest’anno ha scelto come meta dei suoi Study tour New York, negli Stati Uniti d’America. Lo Study Tour di New York (USA) è durato cinque giorni ed è nato per cogliere appieno la visione del Sistema sanitario degli Stati Uniti di America che sta vivendo un periodo di cambiamento. E’ un sistema che si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...