Politica 11 Novembre 2020

Ue concede più poteri a Ecdc e Ema, obbiettivo: rafforzare la sanità

Un nuovo pacchetto di leggi che permetterà all’Unione di dichiarare lo stato di emergenza sanitaria transfrontaliero, nel rispetto dei trattati con gli stati

Ue concede più poteri a Ecdc e Ema, obbiettivo: rafforzare la sanità

La Commissione Europea lancia un pacchetto di proposte legislative che mirano a rafforzare il ruolo dell’Ue nelle emergenze sanitarie transfrontaliere. Il tutto, rimanendo entro i limiti fissati dai trattati, che in materia sanitaria prevedono una chiara prevalenza della competenza degli Stati nazionali. Dall’Ue, innanzitutto, più poteri anche a Ecdc e Ema.

ECDC E EMA POTENZIATE

In particolare, verranno rafforzate le due agenzie Ue che operano in campo sanitario. L’Ecdc (European Centre for Disease Control), con sede a Stoccolma, che oggi non può neppure dare raccomandazioni agli Stati membri, e l’Ema (European Medicines Agency), con sede ad Amsterdam. Le raccomandazioni che l’Ecdc potrà emettere saranno comunque non vincolanti per gli Stati membri; l’agenzia potrà creare una rete europea di laboratori di riferimento. L’Ema, dal canto suo, dovrà anche monitorare e mitigare il rischio di carenze di farmaci e attrezzature mediche nell’Ue.

Inoltre, un nuovo regolamento sulle minacce transfrontaliere alla salute pubblica consentirà, tra l’altro, alle autorità Ue di dichiarare lo stato di emergenza a livello europeo. La dichiarazione dello stato d’emergenza comporterà un aumento del coordinamento tra gli Stati e permetterà lo sviluppo, la costituzione di scorte e l’acquisto dei prodotti utili ad affrontare l’emergenza.

DAGLI STATI MEMBRI MAGGIORE CHIAREZZA

Gli Stati membri dovranno anche migliorare la trasmissione dei dati relativi ai servizi sanitari, come, ad esempio, la disponibilità di posti letto, la capacità delle terapie intensive, il numero di medici e infermieri.

Le proposte legislative andranno negoziate da Parlamento Europeo e Consiglio e dovranno rispettare i limiti fissati dall’articolo 114 e dal 168 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Quest’ultimo stabilisce che in campo sanitario l’azione dell’Ue «completa le politiche nazionali» e si indirizza al «miglioramento della sanità pubblica, alla prevenzione delle malattie e affezioni e all’eliminazione delle fonti di pericolo per la salute fisica e mentale».

L’azione dell’Ue, prevede ancora il trattato, «comprende la lotta contro i grandi flagelli, favorendo la ricerca sulle loro cause, la loro propagazione e la loro prevenzione. Nonché l’informazione e l’educazione in materia sanitaria, nonché la sorveglianza, l’allarme e la lotta contro gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Codici: «Chiediamo trasparenza sul costo dei vaccini contro il Covid-19»
L’associazione dei consumatori Codici, con una lettera inviata al Ministero della Salute, lancia un’operazione verità per fare chiarezza sui contratti di acquisto dei vaccini contro il Covid19
Campagna vaccinazione anti-Covid, cosa prevede nel dettaglio il piano strategico
Dalle categorie che dovranno sottoporsi subito alla vaccinazione all’organizzazione dei punti vaccinali e delle figure coinvolte, dall’implementazione dei sistemi informatici e della comunicazione al monitoraggio di eventuali reazioni avverse
Con le USCAR i fisioterapisti a casa dei pazienti Covid positivi: in Toscana la prima sperimentazione in Italia
Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale Riabilitativa attivate nella USL Toscana Centro andranno dai pazienti per accoglierli nel percorso riabilitativo. «In questo modo gli ospedali dimetteranno con più facilità» spiega il fisioterapista Fabio Bracciantini
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli