Politica 22 Novembre 2018

Tumori e sostenibilità farmaci innovativi. Gori (AIOM): «Soluzione non è solo in aumento risorse, ecco altre strade…»

Una popolazione che invecchia e malattie oncologiche che aumentano. Ma l’Italia vanta anche il primo posto per guarigioni. La Presidente dell’Associazione Italiana Oncologia Medica: «La scienza va foraggiata ma non trascuriamo prevenzione»

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Salvare la vita non ha prezzo. Purtroppo non è sempre vero. L’Italia, che vanta il primo posto in Europa per la diminuzione di morti da cancro, rischia di perdere la medaglia d’oro a causa della carenza dei fondi stanziati per la ricerca e per i farmaci. Farmaci innovativi e terapie sperimentali per combattere i tumori hanno un prezzo, eccome se lo hanno. Questo è l’allarme che hanno lanciato gli oncologi in occasione del XX Congresso dell’Associazione Italiana dell’Oncologia Medica in cui si è tracciato il bilancio dei risultati della ricerca in campo oncologico degli ultimi anni e si sono poste le basi per il futuro.  «Bisogna aumentare i fondi ma è necessario anche cambiare alcuni paradigmi di vita», ha spiegato ai nostri microfoni Stefania Gori, Presidente nazionale dell’Associazione.

«Il bisogno di trattare pazienti oncologici crescerà negli ultimi anni – osserva la presidente -. Questo perché la popolazione invecchia e il Paese avrà più necessità di cure. Dunque sì allo stanziamento di più risorse, soprattutto per i farmaci innovativi, ma bisogna essere operativi anche su altri fronti».

Infatti gli investimenti nella ricerca sono vitali, ma non è l’unica strada da seguire sottolinea la Gori: «Bisogna ridurre il carico di malattie tumorali nella popolazione». Come? «La risposta è nella prevenzione – spiega la presidente -. AIOM si sta occupando da vicino di questo aspetto e lo sta facendo anche con il lancio di alcune iniziative di sensibilizzazione. Prima fra tutte il Festival della prevenzione che stiamo portando avanti già da due anni».

«Da due mesi invece abbiamo lanciato un progetto per gli over 65, sappiamo infatti che i tumori si sviluppano nel 50% dei casi negli ultra settantenni, sappiamo anche che questa fascia di popolazione tuttavia ha un’aspettativa di vita media di circa 20 anni e quindi è necessario modificare gli stili di vita di queste persone che devono inoltre sottoporsi costantemente a screening e diagnosi precoce».

«La ricerca è fondamentale ma la prevenzione lo è altrettanto – conclude la Gori -, anche queste sono soluzioni utili a ridurre i costi dell’assistenza oncologica per il SSN».

Articoli correlati
Reti oncologiche, Beretta (Aiom): «Al sud meno incidenza ma sopravvivenza più bassa: colpa di difficoltà organizzative importanti»
Il presidente eletto dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica promuove la legge che ha istituito la rete del registro tumori: «Fondamentale per poter gestire anche l’organizzazione delle realtà ospedaliere e delle reti sulla base dei numeri»
Oncologia, Stefania Gori (Aiom): «Bene supporto psicologico, puntare su prevenzione: può abbattere del 40% diagnosi di tumore»
La presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha presentato in Senato il rapporto. Promossa l’assistenza psiconcologica: «È garantita in molte strutture oncologiche ma nella maggior parte dei casi è sostenuta dal volontariato o dalle associazioni dei pazienti in quanto non ci sono psiconcologi strutturati in tutte le oncologie italiane». E chiede alla politica di occuparsi dei bisogni assistenziali dei 3 milioni 400mila italiani che hanno avuto un tumore
Bilancio 2019, Ufficio Parlamentare di Bilancio: «Rischio tagli sanità per sostituire clausole salvaguardia»
L’organo che ha il compito di valutare il rispetto delle regole di bilancio nazionali ed europee sottolinea: «Pensionamenti anticipati potrebbero far emergere ancora più drammaticamente l’insufficienza di risorse umane per il SSN». Spesa SSN in calo su PIL
Tumori, in Italia -17,6% decessi in 15 anni. Beretta (AIOM): «Nuovi trattamenti e prevenzione consentono di ottenere grandi risultati»
In Italia le morti per cancro diminuiscono in misura maggiore rispetto al resto d’Europa. Il nostro Paese si trova al primo posto in questa classifica: in 15 anni (2001-2016) il calo dei decessi è stato pari al 17,6%, in Francia e Spagna al 16%, nel Regno Unito al 13% e in Germania al 12,3%. Un […]
Cancro, oltre 400 le bufale online. AIOM lancia portale “Tumore? Ma è vero che…”
Nel sito risposte a molti quesiti come il ruolo della dieta, dell’esposizione al sole, del fumo di sigaretta, del consumo di alcol, della sedentarietà. La presidente Stefania Gori: «369mila nuovi casi di tumore e il 60% dei pazienti è vivo a 5 anni dalla diagnosi. Inaccettabile morire per cure prive di basi scientifiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...