Politica 12 Settembre 2019 09:30

Sileri (M5S): «Ripartiremo dal personale sanitario». Sul tavolo della Commissione lo stop alle nomine politiche in Sanità

«Abbiamo incardinato provvedimenti che erano della minoranza e della maggioranza. Non credo cambierà il modo di lavorare», spiega il presidente della Commissione Igiene e Sanità, Pierpaolo Sileri. Il plauso del collega pentastellato, Gianluca Perilli: «Sileri sta facendo un lavoro molto importante e proficuo»

Sileri (M5S): «Ripartiremo dal personale sanitario». Sul tavolo della Commissione lo stop alle nomine politiche in Sanità

Il governo Conte bis è ormai realtà. La doppia fiducia incassata sia alla Camera sia al Senato ne ha decretato l’avvio definitivo e, in attesa della nomina dei sottosegretari, nei corridoi del Parlamento si fa il punto sul lavoro rimasto in sospeso dalla ‘crisi di Ferragosto’.

«Nella Commissione Sanità ciò che è stato fatto secondo me di bello nel primo governo è che abbiamo sempre lavorato molto bene, mettendo al centro dell’agenda ciò che era nell’interesse di tutti», rivela il presidente della Commissione Igiene e Sanita, esponente del Movimento 5 Stelle, Pierpaolo Sileri ai microfoni di Sanità Informazione, in occasione del voto di fiducia in Senato. «Abbiamo incardinato provvedimenti che erano della minoranza e della maggioranza. Non credo cambierà il modo di lavorare, perché al centro dell’agenda della Sanità c’è sempre ciò che è utile per la sanità pubblica. Credo non vi saranno grosse variazioni, perché avevamo all’interno provvedimenti sia del centrodestra sia della sinistra e del Movimento 5 Stelle. Andremo avanti con questi provvedimenti dove si troverà un accordo definito».

Nello specifico, «il Ddl contro la violenza al personale sanitario era stato già approvato – spiega ancora il senatore Sileri – e deve avere solo il passaggio in Aula per poi andare alla Camera e concludere il suo iter. Credo che massimo interesse lo daremo al personale sanitario e alle nomine della dirigenza sanitaria per far sì che la politica esca dalla sanità pubblica».

Fiducioso anche il senatore e collega Gianluca Perilli: «Abbiamo il presidente della Commissione, Pierpaolo Sileri che sta facendo un lavoro molto importante e proficuo per la sanità». Sulla futura agenda della Commissione Sanità, l’esponente del Movimento 5 Stelle ribadisce i temi da sempre cari per i pentastellati: «Noi l’abbiamo sempre detto, deve esserci un criterio meritocratico, una distinzione tra la politica e i ruoli dirigenziali, poi naturalmente i servizi dei quali usufruiscono i cittadini e che sono naturalmente tutti da rivedere».

Gianluca Perilli, attualmente senatore del M5S, è stato in passato consigliere in Regione Lazio durante la prima Giunta Zingaretti. Il pentastellato, proprio nel Lazio, ha potuto conoscere e fare opposizione all’attuale segretario del Partito Democratico, lo stesso con cui il Movimento 5 Stelle è sceso a patti per la formazione del nuovo governo. «Il fatto che ci sia questo accordo di programma adesso a livello nazionale, – ribadisce Perilli – non toglie (e lo è stato) che il Movimento 5 Stelle ha fatto una dura opposizione a Zingaretti sul tema della salute e della sanità, come anche per esempio su ambiente, rifiuti ecc. Continuerà a farlo laddove non ci siano delle convergenze, delle visioni programmatiche comuni. Questo non toglie vigore a quelli che sono i nostri temi e i nostri modi di vedere la sanità».

LEGGI: GOVERNO, TRIZZINO (M5S): «BENE CONTE. CURE PALLIATIVE E RIORGANIZZAZIONE MEDICINA TERRITORIALE TRA LE MIE PRIORITÀ»

Articoli correlati
Covid-19, Sileri: «Adesso non serve lockdown nazionale. Ecco perché difendo il sistema dell’Italia a colori»
Il Viceministro uscente alla Salute spiega: «La situazione è sotto controllo, non è che ogni volta che c’è una variante nuova dobbiamo pensare che sia per forza peggiorativa». E sui vaccini dice: «Non ci sono medici di serie A e medici di serie B. L’unico problema di Astrazeneca sono le 12 settimane tra la prima e la seconda dose»
Sileri: «Dopo i vaccini per sanitari, anziani e fragili necessarie riaperture»
ll viceministro della Salute Pierpaolo Sileri assicura un ritorno progressivo alla normalità dopo la fase 1. La popolazione potrà recarsi in grandi centri vaccinali e prenotare tramite call center oppure online
Medicina, Sileri: «È il momento di rivedere modalità di accesso». Sul Covid: «Dovremo quadruplicare numero tamponi»
Il viceministro alla Salute dice ‘grazie’ a tutti gli aspiranti medici che il 3 settembre faranno il test: «Compiono una scelta d’amore». Sulla scuola, sottolinea: «Se studente viene scoperto positivo va messo in quarantena e bisogna fare il test a tutti i compagni»
“Su la maschera, giù i contagi”. La campagna di sensibilizzazione con gli attori di Skam Italia
Parte "MaskLazio", la campagna della Regione Lazio per sensibilizzare i giovanissimi all'utilizzo della mascherina. Zingaretti: «L’aiuto di tutti noi in questo momento è vitale»
Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione
Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 marzo, sono 114.759.938 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.549.457 i decessi. Ad oggi, oltre 249,26 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...