Politica 12 Settembre 2019

Sileri (M5S): «Ripartiremo dal personale sanitario». Sul tavolo della Commissione lo stop alle nomine politiche in Sanità

«Abbiamo incardinato provvedimenti che erano della minoranza e della maggioranza. Non credo cambierà il modo di lavorare», spiega il presidente della Commissione Igiene e Sanità, Pierpaolo Sileri. Il plauso del collega pentastellato, Gianluca Perilli: «Sileri sta facendo un lavoro molto importante e proficuo»

Immagine articolo

Il governo Conte bis è ormai realtà. La doppia fiducia incassata sia alla Camera sia al Senato ne ha decretato l’avvio definitivo e, in attesa della nomina dei sottosegretari, nei corridoi del Parlamento si fa il punto sul lavoro rimasto in sospeso dalla ‘crisi di Ferragosto’.

«Nella Commissione Sanità ciò che è stato fatto secondo me di bello nel primo governo è che abbiamo sempre lavorato molto bene, mettendo al centro dell’agenda ciò che era nell’interesse di tutti», rivela il presidente della Commissione Igiene e Sanita, esponente del Movimento 5 Stelle, Pierpaolo Sileri ai microfoni di Sanità Informazione, in occasione del voto di fiducia in Senato. «Abbiamo incardinato provvedimenti che erano della minoranza e della maggioranza. Non credo cambierà il modo di lavorare, perché al centro dell’agenda della Sanità c’è sempre ciò che è utile per la sanità pubblica. Credo non vi saranno grosse variazioni, perché avevamo all’interno provvedimenti sia del centrodestra sia della sinistra e del Movimento 5 Stelle. Andremo avanti con questi provvedimenti dove si troverà un accordo definito».

Nello specifico, «il Ddl contro la violenza al personale sanitario era stato già approvato – spiega ancora il senatore Sileri – e deve avere solo il passaggio in Aula per poi andare alla Camera e concludere il suo iter. Credo che massimo interesse lo daremo al personale sanitario e alle nomine della dirigenza sanitaria per far sì che la politica esca dalla sanità pubblica».

Fiducioso anche il senatore e collega Gianluca Perilli: «Abbiamo il presidente della Commissione, Pierpaolo Sileri che sta facendo un lavoro molto importante e proficuo per la sanità». Sulla futura agenda della Commissione Sanità, l’esponente del Movimento 5 Stelle ribadisce i temi da sempre cari per i pentastellati: «Noi l’abbiamo sempre detto, deve esserci un criterio meritocratico, una distinzione tra la politica e i ruoli dirigenziali, poi naturalmente i servizi dei quali usufruiscono i cittadini e che sono naturalmente tutti da rivedere».

Gianluca Perilli, attualmente senatore del M5S, è stato in passato consigliere in Regione Lazio durante la prima Giunta Zingaretti. Il pentastellato, proprio nel Lazio, ha potuto conoscere e fare opposizione all’attuale segretario del Partito Democratico, lo stesso con cui il Movimento 5 Stelle è sceso a patti per la formazione del nuovo governo. «Il fatto che ci sia questo accordo di programma adesso a livello nazionale, – ribadisce Perilli – non toglie (e lo è stato) che il Movimento 5 Stelle ha fatto una dura opposizione a Zingaretti sul tema della salute e della sanità, come anche per esempio su ambiente, rifiuti ecc. Continuerà a farlo laddove non ci siano delle convergenze, delle visioni programmatiche comuni. Questo non toglie vigore a quelli che sono i nostri temi e i nostri modi di vedere la sanità».

LEGGI: GOVERNO, TRIZZINO (M5S): «BENE CONTE. CURE PALLIATIVE E RIORGANIZZAZIONE MEDICINA TERRITORIALE TRA LE MIE PRIORITÀ»

Articoli correlati
Verso il Congresso ANTEL, il messaggio di Zingaretti: «Investire su innovazione e dare certezze a operatori sanitari»
Dal 25 al 28 ottobre a Roma il Congresso dell’associazione che raccoglie i tecnici di laboratorio biomedico. Il Presidente onorario del Congresso Capuano: «TSLB sta evolvendo verso una figura professionale specialista ed integrata con il clinico che necessita di dati sempre più precisi, predittivi e di esito»
Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità
Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall'endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Autonomie, Collina (PD): «Contrario al progetto, serve omogeneità». Primo nodo sarà il Bilancio
Ottimismo tra i senatori del Partito Democratico per la nomina di Roberto Speranza al Ministero della Salute. «Dobbiamo attendere l’individuazione dei sottosegretari», precisa il vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, Stefano Collina. Boldrini (PD): «Cosa c’è in agenda? Partiremo dalla Legge di Bilancio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali