Politica 12 Gennaio 2017

Il relatore Federico Gelli: «Vicini ad una riforma storica per superare definitivamente medicina difensiva»

Per la trasformazione in legge serve solo l’ok della Camera. Il Responsabile Sanità del Pd e primo firmatario del testo: «Aumenteranno le tutele per i professionisti che potranno tornare a svolgere con serenità il proprio lavoro nell’esclusivo interesse dei pazienti, senza dover ricorrere alla medicina difensiva»

Con 168 voti favorevoli, 8 contrari e 35 astenuti, l’Aula del Senato ha approvato il Ddl sulla responsabilità professionale del personale sanitario. Il provvedimento, che ha subito delle modifiche rispetto alla prima approvazione della Camera, torna all’esame di Montecitorio.

«L’approvazione in seconda lettura del Disegno di legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario da parte dell’Aula del Senato – ha commentato il responsabile sanità del Pd, Federico Gelli, promotore del Ddl – è un ulteriore importante passo in avanti che ci avvicina ad una riforma storica per l’intero sistema sanitario. Ora resta solo l’ultimo passaggio alla Camera per l’approvazione definitiva che avverrà entro la fine di febbraio. Grazie a questa legge vengono implementati tutti quei meccanismi a garanzia del diritto al risarcimento ed alla trasparenza per i cittadini danneggiati da un errore sanitario e, al contempo, aumenteranno le tutele per i professionisti che potranno così tornare a svolgere con serenità il proprio lavoro, nell’esclusivo interesse dei pazienti, e senza dover ricorrere alla cosiddetta medicina difensiva per tutelarsi. In questo modo – continua Gelli – si potranno risparmiare anche ingenti cifre per il Sistema sanitario nazionale».

Per la sanità, dunque, «cambia moltissimo. Dopo 15 anni di attesa abbiamo una legge quadro che va, da un lato, a normare e disciplinare la responsabilità degli esercenti la professione sanitaria, e dall’altra parte interviene per dare più opportunità ai cittadini per avere un risarcimento in tempi più rapidi e certi. Si tratta dunque di una semplificazione del sistema. Certamente gli operatori sanitari saranno più tranquilli, più sereni nello svolgere la loro attività professionale, non avendo la spada di Damocle sulla testa di un’eventuale richiesta di risarcimento o, peggio ancora, di una azione penale nei loro confronti. Questo non vuol dire, ovviamente, che i professionisti non debbano essere a disposizione di un’eventuale procedimento o che non debbano corrispondere il risarcimento se sbagliano. Semplicemente, questa legge va a disciplinare il giusto equilibrio tra la tutela dell’operatore e le garanzie dei cittadini che hanno subito un danno».

Modifiche importanti anche nel campo delle assicurazioni, che con questo testo «si trovano davanti alla certezza del dato. Oggi quantificare un danno per il decesso di una persona durante un errore sanitario è praticamente impossibile o non quantificabile. Questa situazione è migliorata dalle tabelle risarcitorie. È chiaro che, di conseguenza, diminuirà il numero di contenziosi, come avveniva prima che venisse introdotta nella giurisprudenza la natura contrattuale della responsabilità della struttura sanitaria nei confronti del paziente. Questo tipo di principio ha alimentato il contenzioso di tanto: ci sono degli studi legali che fanno quasi esclusivamente attività professionale in questo settore, e questa attività, questa responsabilità di natura contrattuale ha permesso alle richieste risarcitorie di agire contestualmente sia nei confronti della struttura sanitaria sia nei confronti dei professionisti».

Passi avanti anche per quanto riguarda il tema della formazione del personale sanitario. «In questo testo di legge c’è un articolo importante anche per quanto riguarda la prevenzione. Nell’ambito del profilo normativo del personale sanitario, l’articolo 2, che è quello che introduce in maniera obbligatoria in ogni struttura pubblica e privata la figura del Risk Management, cioè di quel ruolo trasversale multidisciplinare che permetterà ai professionisti di elaborare il rischio, l’evento sentinella e in qualche modo impedire che quell’errore, quel rischio, possa effettivamente diventare un danno a carico del cittadino. Per questo è molto importante che la legge preveda l’obbligatorietà della presenza di questa struttura ad ogni livello nel territorio nazionale».

Articoli correlati
Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»
A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»
Responsabilità sanitaria, Cassazione deposita 10 decisioni. Gelli: «Presa una posizione chiara per risolvere alcuni contrasti»
I temi trattati riguardano aspetti come l’onere probatorio nella responsabilità contrattuale sanitaria, la rivalsa della struttura verso il medico, la lesione del diritto all'autodeterminazione terapeutica
Dalla “rifioritura” al ruolo degli Ordini: le novità in materia di fragilità alla prima Conferenza Nazionale
Al Forum Risk Managament l’evento che ha coinvolto giuristi, membri delle istituzioni, professionisti sanitari. Perciballi (Ordine TSRM e PSTRP): «Obiettivo un codice etico comune tra tutte le federazioni delle professioni sanitarie»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»
Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata anche se mancano alcuni decreti attuativi, l’obbligo ad esempio della copertura assicurativa è chiaro. E sull’obbligo ECM…»
Fondazione Italia in Salute, pubblicato il primo Quaderno. Il Presidente Gelli: «Spero ultimi decreti attuativi legge 24 entro fine 2019»
La pubblicazione, online sul sito della Fondazione, ripercorre il convegno sui due anni della Legge sulla responsabilità professionale. «Dal testo emerge la solita immagine a macchia di leopardo dove a seconda della qualità e dell’efficienza del sistema sanitario la legge dà le migliori risposte in termini di sicurezza delle cure e di deflazione del contenzioso» sottolinea Federico Gelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...