Politica 12 Gennaio 2017

Il relatore Federico Gelli: «Vicini ad una riforma storica per superare definitivamente medicina difensiva»

Per la trasformazione in legge serve solo l’ok della Camera. Il Responsabile Sanità del Pd e primo firmatario del testo: «Aumenteranno le tutele per i professionisti che potranno tornare a svolgere con serenità il proprio lavoro nell’esclusivo interesse dei pazienti, senza dover ricorrere alla medicina difensiva»

Con 168 voti favorevoli, 8 contrari e 35 astenuti, l’Aula del Senato ha approvato il Ddl sulla responsabilità professionale del personale sanitario. Il provvedimento, che ha subito delle modifiche rispetto alla prima approvazione della Camera, torna all’esame di Montecitorio.

«L’approvazione in seconda lettura del Disegno di legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario da parte dell’Aula del Senato – ha commentato il responsabile sanità del Pd, Federico Gelli, promotore del Ddl – è un ulteriore importante passo in avanti che ci avvicina ad una riforma storica per l’intero sistema sanitario. Ora resta solo l’ultimo passaggio alla Camera per l’approvazione definitiva che avverrà entro la fine di febbraio. Grazie a questa legge vengono implementati tutti quei meccanismi a garanzia del diritto al risarcimento ed alla trasparenza per i cittadini danneggiati da un errore sanitario e, al contempo, aumenteranno le tutele per i professionisti che potranno così tornare a svolgere con serenità il proprio lavoro, nell’esclusivo interesse dei pazienti, e senza dover ricorrere alla cosiddetta medicina difensiva per tutelarsi. In questo modo – continua Gelli – si potranno risparmiare anche ingenti cifre per il Sistema sanitario nazionale».

Per la sanità, dunque, «cambia moltissimo. Dopo 15 anni di attesa abbiamo una legge quadro che va, da un lato, a normare e disciplinare la responsabilità degli esercenti la professione sanitaria, e dall’altra parte interviene per dare più opportunità ai cittadini per avere un risarcimento in tempi più rapidi e certi. Si tratta dunque di una semplificazione del sistema. Certamente gli operatori sanitari saranno più tranquilli, più sereni nello svolgere la loro attività professionale, non avendo la spada di Damocle sulla testa di un’eventuale richiesta di risarcimento o, peggio ancora, di una azione penale nei loro confronti. Questo non vuol dire, ovviamente, che i professionisti non debbano essere a disposizione di un’eventuale procedimento o che non debbano corrispondere il risarcimento se sbagliano. Semplicemente, questa legge va a disciplinare il giusto equilibrio tra la tutela dell’operatore e le garanzie dei cittadini che hanno subito un danno».

Modifiche importanti anche nel campo delle assicurazioni, che con questo testo «si trovano davanti alla certezza del dato. Oggi quantificare un danno per il decesso di una persona durante un errore sanitario è praticamente impossibile o non quantificabile. Questa situazione è migliorata dalle tabelle risarcitorie. È chiaro che, di conseguenza, diminuirà il numero di contenziosi, come avveniva prima che venisse introdotta nella giurisprudenza la natura contrattuale della responsabilità della struttura sanitaria nei confronti del paziente. Questo tipo di principio ha alimentato il contenzioso di tanto: ci sono degli studi legali che fanno quasi esclusivamente attività professionale in questo settore, e questa attività, questa responsabilità di natura contrattuale ha permesso alle richieste risarcitorie di agire contestualmente sia nei confronti della struttura sanitaria sia nei confronti dei professionisti».

Passi avanti anche per quanto riguarda il tema della formazione del personale sanitario. «In questo testo di legge c’è un articolo importante anche per quanto riguarda la prevenzione. Nell’ambito del profilo normativo del personale sanitario, l’articolo 2, che è quello che introduce in maniera obbligatoria in ogni struttura pubblica e privata la figura del Risk Management, cioè di quel ruolo trasversale multidisciplinare che permetterà ai professionisti di elaborare il rischio, l’evento sentinella e in qualche modo impedire che quell’errore, quel rischio, possa effettivamente diventare un danno a carico del cittadino. Per questo è molto importante che la legge preveda l’obbligatorietà della presenza di questa struttura ad ogni livello nel territorio nazionale».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Sanità, Walter Ricciardi nominato presidente del comitato scientifico della Fondazione Italia in Salute
Il presidente Gelli “Oggi serve il contributo di tutti per risolvere problemi Sistema Sanitario. Il 12 aprile la Fondazione farà il bilancio a due anni dalla Legge sulla responsabilità professionale
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...