Politica 14 Gennaio 2019

Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»

L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»

di Federica Bosco

La Sanità lombarda al centro del dibattito che si è tenuto sabato 12 gennaio presso Regione Lombardia, in tema di cura della persona e attenzione al territorio, per far emergere lo stato dell’arte della riforma del 2015 in relazione a criticità e proposte. Promosso dal “Comitato M’impegno”, il convegno ha visto la partecipazione di relatori di primo piano tra cui l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera che ha sottolineato come i risultati conseguiti in Italia, oltre che in Lombardia, siano un vero e proprio miracolo: «Siamo ai primi posti al mondo in termini di capacità di curare e di dare salute ai nostri cittadini, ma siamo anche l’ultimo sistema universalistico – spiega Gallera -. Siamo il Paese che offre la copertura più ampia possibile investendo meno possibile e per i medici i rischi sono molto alti». Proprio il tema a lungo dibattuto negli ultimi giorni della gogna mediatica a cui sono stati sottoposti i camici bianchi nello spot realizzato da Obiettivo risarcimento – poi sospeso – ha introdotto i due temi focali: l’organizzazione delle strutture ospedaliere e la formazione dei medici.

Per Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi «si tratta di creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti, quindi due diversi reparti di degenza uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital. In questo modo si avrà una riduzione dei tempi di attesa, una razionalizzazione del tour over, ricoveri e dimissioni possibili in tutte le 24 ore anche nel week end». Un progetto ambizioso che richiederebbe la presenza di un numero di medici maggiore e, al riguardo, durante la giornata, sono state fatte proposte per un coinvolgimento attivo degli specializzandi. «La nostra proposta – ha spiegato Riccardo Castoldi geriatra dell’Istituto Radaelli di Milano – è quella di dare alla Regione la possibilità di formare geriatri, pediatri anestesisti, etc. in modo da farli crescere nei nostri ospedali e solo in un secondo tempo mandarli in giro, per non disperdere risorse del territorio».

LEGGI ANCHE: SANITA’, GALLERA (ASS. SANITA’ LOMBARDIA): «MINISTERO SALUTE NON SIA SUBORDINATO AL MEF. AUMENTARE AL PIU’ PRESTO CONTRATTI SPECIALIZZAZIONE»

Alla tavola rotonda hanno preso parte anche Dario Beretta, Presidente AIOP Lombardia, Roberto Carlo Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Francesco Laurelli, direttore Generale Gaetano Pini, Piero Gamacchio, Magistrato di Corte d’Appello di Milano, Stefano Capri, professore di Economia Industriale e Carlo Borghetti vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia.

 

Articoli correlati
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
Fabbisogno, condizioni di lavoro, gestione dei codici ‘minori’: il piano Anaao per riformare i Pronto Soccorso
La Commissione Nazionale Emergenza-Urgenza del sindacato ha elaborato un testo dettagliato per riformare un’area sanitaria in sofferenza: In Italia 844 PS Pronto e 12mila medici ma ogni anno solo 162 nuove specializzazioni. Tra le proposte l’aumento dei giorni di ferie e il coinvolgimento degli MMG nei ‘codici minori’
«Lavoro in Pronto soccorso ma non sono preparata», la storia del medico a gettone che scuote la sanità
L’Ansa ha raccolto la testimonianza di un camice bianco che lavora a chiamata in un Ps del Veneto. Anaao insorge e diffida Asl: «No ai neolaureati nei Ps. Va impedita perchè mette a rischio la vita dei pazienti e riduce la sicurezza delle cure» 
Carenza medici, estate difficile nei Pronto Soccorso. Cisl Medici Lombardia: «Incentivi fino a 80 euro l’ora per turni aggiuntivi in Ps»
«Pochi vogliono lavorare in una situazione di emergenza per i rischi di contenzioso medico-legale e di aggressioni da parte di pazienti o familiari per i lunghi tempi d’attesa», denuncia Giuseppe Monaco, delegato Cisl Medici Lombardia per le trattative della dirigenza medica. Oltre all’incentivo degli ottanta euro, la proposta prevede una tantum di 1.500 euro annui per tutto il personale medico di Pronto Soccorso
di Federica Bosco
A Napoli il primo Pronto Soccorso Etico in Italia. De Luca: «Lavoro straordinario»
Il bilancio del primo anno di attività del nuovo pronto soccorso del CTO di Napoli. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: «C’è stato un momento molto difficile per la rete dell’emergenza urgenza sul territorio ed è stato allora che abbiamo deciso di agire in tempi brevissimi»
di Chiara Stella Scarano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...