Politica 14 Gennaio 2019

Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»

L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»

di Federica Bosco

La Sanità lombarda al centro del dibattito che si è tenuto sabato 12 gennaio presso Regione Lombardia, in tema di cura della persona e attenzione al territorio, per far emergere lo stato dell’arte della riforma del 2015 in relazione a criticità e proposte. Promosso dal “Comitato M’impegno”, il convegno ha visto la partecipazione di relatori di primo piano tra cui l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera che ha sottolineato come i risultati conseguiti in Italia, oltre che in Lombardia, siano un vero e proprio miracolo: «Siamo ai primi posti al mondo in termini di capacità di curare e di dare salute ai nostri cittadini, ma siamo anche l’ultimo sistema universalistico – spiega Gallera -. Siamo il Paese che offre la copertura più ampia possibile investendo meno possibile e per i medici i rischi sono molto alti». Proprio il tema a lungo dibattuto negli ultimi giorni della gogna mediatica a cui sono stati sottoposti i camici bianchi nello spot realizzato da Obiettivo risarcimento – poi sospeso – ha introdotto i due temi focali: l’organizzazione delle strutture ospedaliere e la formazione dei medici.

Per Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi «si tratta di creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti, quindi due diversi reparti di degenza uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital. In questo modo si avrà una riduzione dei tempi di attesa, una razionalizzazione del tour over, ricoveri e dimissioni possibili in tutte le 24 ore anche nel week end». Un progetto ambizioso che richiederebbe la presenza di un numero di medici maggiore e, al riguardo, durante la giornata, sono state fatte proposte per un coinvolgimento attivo degli specializzandi. «La nostra proposta – ha spiegato Riccardo Castoldi geriatra dell’Istituto Radaelli di Milano – è quella di dare alla Regione la possibilità di formare geriatri, pediatri anestesisti, etc. in modo da farli crescere nei nostri ospedali e solo in un secondo tempo mandarli in giro, per non disperdere risorse del territorio».

LEGGI ANCHE: SANITA’, GALLERA (ASS. SANITA’ LOMBARDIA): «MINISTERO SALUTE NON SIA SUBORDINATO AL MEF. AUMENTARE AL PIU’ PRESTO CONTRATTI SPECIALIZZAZIONE»

Alla tavola rotonda hanno preso parte anche Dario Beretta, Presidente AIOP Lombardia, Roberto Carlo Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Francesco Laurelli, direttore Generale Gaetano Pini, Piero Gamacchio, Magistrato di Corte d’Appello di Milano, Stefano Capri, professore di Economia Industriale e Carlo Borghetti vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia.

 

Articoli correlati
Lombardia, da novembre oltre 1500 specializzandi in corsia. Gallera (Ass. Welfare): «Non faranno da tappabuchi ma saranno autonomi»
«Non sostituiranno i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor», sottolinea l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
di Federica Bosco
Lombardia: accordo Prefettura, Regione e ASST Santi Paolo e Carlo di Milano per combattere la droga
Insieme per capire e prevenire la diffusione di droghe tra i minori. Prefettura di Milano e ASST Santi Paolo e Carlo con il supporto di Regione Lombardia uniscono le forze siglando un protocollo di intesa sperimentale, finalizzato alla realizzazione di interventi specifici rivolti a minori segnalati per possesso di sostanze stupefacenti e ai loro genitori. […]
di Federica Bosco
Triage ospedaliero, D’Amato (Lazio): «Dal 2020 si passa dai 4 codici a colore a 5 codici numerici»
«La Regione Lazio è tra le prime Regioni in Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono […]
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista
L'assessore al Welfare Gallera: «Fornite agli specialisti le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure». Mazzacane (Goal): «Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...