Politica 3 Agosto 2018

Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»

Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»

Immagine articolo

«Il tema delle liste d’attesa è collegato a quello della carenza del personale. Il problema è ancora più acuto in quelle regioni non in piano di rientro che in questi anni hanno ridotto il costo del personale. Noi che abbiamo fatto grossi sforzi oggi siamo in una situazione inaccettabile». L’assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha ricordato nel primo incontro tra il Ministro Giulia Grillo e i rappresentanti regionali le principali problematiche che colpiscono anche regioni ‘virtuose’ come la Lombardia. In particolare sul tavolo c’è sempre il tema della carenza di medici che rischia di esplodere nei prossimi anni: «8569 è il fabbisogno di specializzandi delle regioni, ma solo 6200 i contratti – spiega Gallera a Sanità Informazione – Questo è un dramma che oggi sta mettendo in ginocchio le regioni del sud così come le regioni del nord».

Assessore, nel primo incontro del Ministro Grillo con le Regioni quali sono stati i temi sul tavolo?

«Nell’incontro il Ministro ci ha detto che rispetto al passato il Ministero della Salute non sarà subordinato al Ministero dell’Economia, noi ce lo auguriamo fortemente. Io sono il protagonista, per esempio negli ultimi due anni, di richieste attraverso emendamenti alla legge di Stabilità da alcuni deputati per far saltare nelle regioni virtuose i tetti dell’1,4% e tutte e due le volte il governo ha chiesto il ritiro degli emendamenti. Poi c’è il tema degli specializzandi: 8569 è il fabbisogno delle regioni, 6200 i contratti e questo è un dramma che oggi sta mettendo in ginocchio le regioni del sud così come le regioni del nord. Su questo ci vuole grande velocità, così come bisogna rivedere il tema degli anni in alcune scuole di specializzazione: la pediatria per esempio è stata portata da 3 a 5 anni e non si capisce perché. Noi abbiamo fatto una legge per coinvolgere gli specializzandi dentro gli ospedali, d’intesa con le università, con una progressiva autonomia, queste sarebbero energie fresche che noi mettiamo nel sistema come Regione Lombardia, ma la legge è stata impugnata dallo scorso Governo davanti alla Corte costituzionale: questo potrebbe essere un altro elemento molto veloce che questo governo potrebbe riprendere consentendo di avere subito persone specializzande ma che possono lavorare dentro i reparti, far le guardie, quindi aiutarci moltissimo. Questi andrebbero a integrare l’equipe da un lato e a svolgere un’attività nei Pronto soccorso, nei reparti, la notte, i turni. Sarebbe un’importante sollievo per i nostri ospedali che sono in assoluta sofferenza e di crescita per gli specializzandi».

LEGGI ANCHE: SANITA’, LE RICHIESTE DELLE REGIONI AL MINISTRO. SAITTA: «NUOVE ASSUNZIONI E 2600 BORSE DI STUDIO IN PIU’»

Poi c’è il tema della farmaceutica…

«Questo è un altro grandissimo tema. È il tema che abbiamo posto. Siamo lontanissimi da una qualunque soluzione che sia soddisfacente. Sono stati depositati 900 milioni di euro, il nostro conto è di un miliardo e 400 milioni. Aifa ha fatto un accordo a 300 milioni di euro. C’è un costo della farmaceutica che cresce e soldi che noi non riusciamo a introitare: è inaccettabile e mette in sofferenza i nostri bilanci».

Come se ne esce?

«Se ne esce con una presa di posizione molto forte del governo che ottiene delle transazioni a numeri molto diversi. Ricordiamo che questo oltre tutto è il passato: oggi con la fatturazione elettronica i flussi sono tutti monitorati, sul passato abbiamo bisogno che il governo chieda al mondo farmaceutico un’azione di responsabilità e di chiudere in una maniera che sia soddisfacente per un sistema pubblico che è quello che poi dà da mangiare alle società farmaceutiche nell’acquisto dei farmaci».

Il tema delle liste d’attesa è collegato al personale?

«Per noi assolutamente sì. Per carità. È ancora più acuto in quelle regioni non in piano di rientro che in questi anni hanno ridotto il costo del personale. Noi che abbiamo fatto grossi sforzi oggi siamo in una situazione inaccettabile. Margini di efficientamento per carità si possono sempre essere ma immaginare un sistema come quello lombardo in cui non c’è il personale medico e infermieristico e il privato accreditato che per noi svolge in maniera importante una funzione di erogazione del servizio pubblico, ha tetti, quindi budget che sono quelli del 2011 tagliati del 2% vuol dire che di fatto né le strutture statali e né le strutture private accreditate riescono ad erogare servizi in un mondo in cui la cronicità fa sì che soprattutto sui servizi ambulatoriali c’è una crescita di richieste di prestazioni. Quindi è fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare, nell’aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico. Un po’ di risorse in più o non riusciamo a intervenire in maniera drastica sul tema delle liste d’attesa».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
L’estate degli specializzandi senza bonus Covid
Riconoscimenti a macchia di leopardo e nessuna linea comune, molti medici in formazione che hanno lavorato nei reparti Covid non potranno usufruire delle facilitazioni previste. La parola alle associazioni
di Tommaso Caldarelli
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...