Salute 3 Agosto 2018

Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»

Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»

Immagine articolo

«Il tema delle liste d’attesa è collegato a quello della carenza del personale. Il problema è ancora più acuto in quelle regioni non in piano di rientro che in questi anni hanno ridotto il costo del personale. Noi che abbiamo fatto grossi sforzi oggi siamo in una situazione inaccettabile». L’assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha ricordato nel primo incontro tra il Ministro Giulia Grillo e i rappresentanti regionali le principali problematiche che colpiscono anche regioni ‘virtuose’ come la Lombardia. In particolare sul tavolo c’è sempre il tema della carenza di medici che rischia di esplodere nei prossimi anni: «8569 è il fabbisogno di specializzandi delle regioni, ma solo 6200 i contratti – spiega Gallera a Sanità Informazione – Questo è un dramma che oggi sta mettendo in ginocchio le regioni del sud così come le regioni del nord».

Assessore, nel primo incontro del Ministro Grillo con le Regioni quali sono stati i temi sul tavolo?

«Nell’incontro il Ministro ci ha detto che rispetto al passato il Ministero della Salute non sarà subordinato al Ministero dell’Economia, noi ce lo auguriamo fortemente. Io sono il protagonista, per esempio negli ultimi due anni, di richieste attraverso emendamenti alla legge di Stabilità da alcuni deputati per far saltare nelle regioni virtuose i tetti dell’1,4% e tutte e due le volte il governo ha chiesto il ritiro degli emendamenti. Poi c’è il tema degli specializzandi: 8569 è il fabbisogno delle regioni, 6200 i contratti e questo è un dramma che oggi sta mettendo in ginocchio le regioni del sud così come le regioni del nord. Su questo ci vuole grande velocità, così come bisogna rivedere il tema degli anni in alcune scuole di specializzazione: la pediatria per esempio è stata portata da 3 a 5 anni e non si capisce perché. Noi abbiamo fatto una legge per coinvolgere gli specializzandi dentro gli ospedali, d’intesa con le università, con una progressiva autonomia, queste sarebbero energie fresche che noi mettiamo nel sistema come Regione Lombardia, ma la legge è stata impugnata dallo scorso Governo davanti alla Corte costituzionale: questo potrebbe essere un altro elemento molto veloce che questo governo potrebbe riprendere consentendo di avere subito persone specializzande ma che possono lavorare dentro i reparti, far le guardie, quindi aiutarci moltissimo. Questi andrebbero a integrare l’equipe da un lato e a svolgere un’attività nei Pronto soccorso, nei reparti, la notte, i turni. Sarebbe un’importante sollievo per i nostri ospedali che sono in assoluta sofferenza e di crescita per gli specializzandi».

LEGGI ANCHE: SANITA’, LE RICHIESTE DELLE REGIONI AL MINISTRO. SAITTA: «NUOVE ASSUNZIONI E 2600 BORSE DI STUDIO IN PIU’»

Poi c’è il tema della farmaceutica…

«Questo è un altro grandissimo tema. È il tema che abbiamo posto. Siamo lontanissimi da una qualunque soluzione che sia soddisfacente. Sono stati depositati 900 milioni di euro, il nostro conto è di un miliardo e 400 milioni. Aifa ha fatto un accordo a 300 milioni di euro. C’è un costo della farmaceutica che cresce e soldi che noi non riusciamo a introitare: è inaccettabile e mette in sofferenza i nostri bilanci».

Come se ne esce?

«Se ne esce con una presa di posizione molto forte del governo che ottiene delle transazioni a numeri molto diversi. Ricordiamo che questo oltre tutto è il passato: oggi con la fatturazione elettronica i flussi sono tutti monitorati, sul passato abbiamo bisogno che il governo chieda al mondo farmaceutico un’azione di responsabilità e di chiudere in una maniera che sia soddisfacente per un sistema pubblico che è quello che poi dà da mangiare alle società farmaceutiche nell’acquisto dei farmaci».

Il tema delle liste d’attesa è collegato al personale?

«Per noi assolutamente sì. Per carità. È ancora più acuto in quelle regioni non in piano di rientro che in questi anni hanno ridotto il costo del personale. Noi che abbiamo fatto grossi sforzi oggi siamo in una situazione inaccettabile. Margini di efficientamento per carità si possono sempre essere ma immaginare un sistema come quello lombardo in cui non c’è il personale medico e infermieristico e il privato accreditato che per noi svolge in maniera importante una funzione di erogazione del servizio pubblico, ha tetti, quindi budget che sono quelli del 2011 tagliati del 2% vuol dire che di fatto né le strutture statali e né le strutture private accreditate riescono ad erogare servizi in un mondo in cui la cronicità fa sì che soprattutto sui servizi ambulatoriali c’è una crescita di richieste di prestazioni. Quindi è fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare, nell’aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico. Un po’ di risorse in più o non riusciamo a intervenire in maniera drastica sul tema delle liste d’attesa».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone