Politica 30 Maggio 2018 16:02

«Assunzioni e riorganizzazione degli ospedali. Così farò ripartire la sanità del Molise». L’intervista al neo-Presidente Toma

«Vorremmo portare i DEA di II livello a Campobasso e di I livello nei poli ospedalieri Venafro-Isernia e Larino-Termoli. Necessario, poi, migliorare la struttura di Agnone». Il programma sanitario del Governatore della Regione Molise Donato Toma

«Il diritto alla salute da troppo tempo non trova tutele adeguate per i cittadini molisani». Esordiva così la voce “sanità” del programma per le elezioni regionali del Molise di Domato Toma, della coalizione di centro-destra. Un programma in cui la sanità figurava al secondo punto, e che lo ha portato a vincere e ad essere eletto Presidente della Regione. Adesso, Toma punta ancora sulla sanità del Molise, tanto da decidere di mantenerne la competenza e di curarle in prima persona.

«Dobbiamo far ripartire la sanità del Molise – ha dichiarato ai nostri microfoni – specialmente nelle aree interne e nelle zone disagiate. In particolare, abbiamo una situazione di riduzione degli ospedali cui dobbiamo porre rimedio: abbiamo un DEA (Dipartimento d’Emergenza e Accettazione) di primo livello a Campobasso; Venafro-Isernia e Larino-Termoli sono ridotti a centri di intervento di area; la struttura di Agnone, infine, deve essere migliorata per far sì che possa accogliere i pazienti di quell’area».

LEGGI ANCHE: LAZIO, ZINGARETTI: «COSTRUIAMO IL NUOVO MODELLO SANITARIO INSIEME ALLE OPPOSIZIONI»

C’è molto su cui lavorare per la sanità del Molise, quindi, ma il programma di Toma è chiaro, anche se «non dobbiamo nasconderci dietro facili promesse», si legge nel programma. L’obiettivo è conservare gli attuali quattro poli ospedalieri, istituire un polo clinico universitario a Campobasso e richiedere un ospedale DEA di II livello per Regione. Se il DEA di I livello garantisce, infatti, le funzioni di osservazione, breve degenza e di rianimazione e assicura interventi diagnostico-terapeutici di medicina generale, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia e cardiologia, l’ospedale sede di DEA di II livello assicura anche le funzioni di più alta qualificazione legate all’emergenza, tra cui la cardiochirurgia, la neurochirurgia, la terapia intensiva neonatale, la chirurgia vascolare e la chirurgia toracica.

«È necessario che in ogni Regione – dichiara Toma – ci sia un DEA di II livello, a prescindere dal numero di abitanti. Vorremmo quindi portarne uno a Campobasso e introdurre il DEA di I livello nei poli ospedalieri Venafro-Isernia e Larino-Termoli. Non so se ci riusciremo – specifica – ma sicuramente ci proveremo in tutti i modi».

Altro nodo importante è quello del personale sanitario: «Stiamo valutando la stabilizzazione del personale sanitario ed è stato emanato un concorso, nei confronti del quale ci sono stati dei ricorsi di cui attendiamo gli esiti. Ma continueremo su questa scia». Inoltre, rientrano nel programma lo snellimento delle procedure di accesso ai servizi, la riduzione dei tempi di attesa, il potenziamento del personale di Pronto soccorso e la riapertura dei reparti che sono stati chiusi, in modo da «far sentire i cittadini sicuri, in qualsiasi zona del Molise si trovino».

Il Presidente Toma ci tiene a sottolineare, infine, uno dei fiori all’occhiello della sanità del Molise, che accoglie pazienti provenienti anche dalle Regioni limitrofe: l’hospice Madre Teresa di Calcutta di Larino, che nel 2011 ha vinto il premio “Gerbera d’oro”. Un riconoscimento che, in occasione della “Giornata nazionale del sollievo”, premia una struttura sanitaria distintasi nell’affrancamento dal dolore inutile, alleviando la sofferenza con terapie e sostegno psicologico e attraverso un processo di umanizzazione delle cure. «L’hospice di Larino è un’eccellenza per noi e vorremmo, attraverso la collaborazione del Direttore Flocco, migliorare la rete domiciliare su tutta la Regione», conclude Toma.

Articoli correlati
Risk Management in sanità, ecco le priorità nel post pandemia
Nel webinar organizzato da Big Data in Health Society emerge l’esigenza di promuovere consapevolezza sull’importanza dei dati nella gestione del rischio
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco