Politica 6 Marzo 2019 13:59

Rete registro tumori, legge verso approvazione. Il relatore Baroni (M5S): «Con i macrodati scopriremo nesso di causalità tra malattia e ambiente»

Dopo l’approvazione in Senato, il provvedimento al vaglio della Commissione Affari Sociali alla Camera. Il deputato Cinque Stelle annuncia: «Per la prima volta in Italia siamo all’avanguardia nel mettere nero su bianco una legge che prevede che lo Stato vuole il referto epidemiologico, un macrodato aggregato che potrebbe essere sovrapponibile con l’utilità, l’importanza e la potenza del fascicolo sanitario elettronico»

Rete registro tumori, legge verso approvazione. Il relatore Baroni (M5S): «Con i macrodati scopriremo nesso di causalità tra malattia e ambiente»

L’istituzione della Rete nazionale dei registri dei tumori non è mai stata così vicina. Dopo l’approvazione all’unanimità da parte del Senato (relatrice la senatrice M5S Maria Domenica Castellone), il provvedimento è ora al vaglio della Commissione Affari Sociali della Camera ma, salvo clamorosi stop, dovrebbe avere l’approvazione di Montecitorio nelle prossime settimane. Alla Camera il relatore è il deputato M5S Massimo Enrico Baroni che sottolinea a Sanità Informazione l’importanza di questa legge: «Mettiamo a sistema un modo di fare sanità che riguarda la prevenzione primaria: evitare che le persone si ammalino – sottolinea Baroni – Fino ad adesso c’è la copertura di circa il 70% del territorio nazionale per quanto riguarda il registro dei tumori in Italia. L’obiettivo è, attraverso questa legge, di dare nuovo impulso».

Molteplici gli obiettivi della legge: oltre la prevenzione, la messa in atto di misure di controllo epidemiologico delle malattie oncologiche e delle malattie infettive tumore-correlate, lo studio e monitoraggio dei fattori di rischio e fattori di protezione delle malattie sorvegliate, la promozione della ricerca scientifica in ambito oncologico, anche nel campo dei tumori rari. Tra i punti qualificanti anche l’istituzione del referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione che, come recita la norma, «con particolare attenzione alle aree più critiche del territorio nazionale, al fine di individuare i soggetti preposti alla raccolta e all’elaborazione dei dati che confluiscono nel referto epidemiologico e di disciplinare il trattamento, l’elaborazione, il monitoraggio continuo e l’aggiornamento periodico dei medesimi dati, nonché la pubblicazione, con cadenza annuale, del referto epidemiologico, in particolare per quanto riguarda i dati relativi all’incidenza e alla prevalenza delle patologie che costituiscono più frequentemente causa di morte, nei siti internet, delle regioni».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, IL SENATO APPROVA ALL’UNANIMITA’. LA RELATRICE CASTELLONE: «SERVE CONOSCERE NEMICO PER SCONFIGGERLO»

Onorevole, questa proposta di legge è già stata approvata dall’aula del Senato e ora è in Commissione Affari Sociali alla Camera. Perché è importante che sia approvata il più presto possibile?

«Questa proposta di legge, che viene già dalla scorsa legislatura quando eravamo all’opposizione, ebbe già il voto unanime della Camera dei deputati. Poi per qualche strana ragione non riuscì a finire l’iter al Senato. Quindi l’abbiamo riproposta con grande forza e entusiasmo al Senato. Molto probabilmente a marzo diventerà legge dello Stato. Parliamo di una legge che metterà insieme oltre 30 sistemi di sorveglianza e 15 registri di patologia nazionale oltre ad altri tipi di registri, di patologie tumorali specifiche, pensiamo all’asbesto correlato, pensiamo ai linfomi, alle patologie relative a tumori rari. Ma soprattutto mettiamo a sistema un modo di fare sanità che riguarda la prevenzione primaria: evitare che le persone si ammalino. Fino ad adesso c’è la copertura di circa il 70% del territorio nazionale per quanto riguarda il registro dei tumori in Italia. L’obiettivo è, attraverso questa legge, di dare nuovo impulso, perché verrà pubblicato sul sito del Ministero della Salute l’elenco (in modalità e forme che saranno poi decise anche attraverso il garante della privacy e la conferenza Stato–regioni) di tutti i dati relativi al mondo dei tumori. Parliamo di oltre mille casi al giorno di nuovi malati di tumori, oltre 485 morti al giorno per patologie tumorali, quindi stiamo parlando di oltre 4milioni di ammalati di tumore. Questa legge arriva in ritardo, nel senso che sarebbe dovuta arrivare prima ma è tra le priorità del M5S. In Italia tutti hanno avuto una persona che amano che si è ammalata di tumore. Sarà fondamentale per monitorare la qualità delle cure, per permettere di fare studi di epidemiologia soprattutto correlati con gli aspetti ambientali. Non basta la correlazione ma noi andiamo verso la possibilità di creare dei nessi causali attraverso questa mole di dati enorme che verrà messa a disposizione, a sistema in una vetrina unificata attraverso tutte le garanzie della privacy, dei dati aggregati».

Un dato di fatto è che in Italia ci sono delle zone dove l’incidenza di tumori, anche infantili, sono molto più alte della media. Il registro potrebbe far emergere delle correlazioni di cui spesso Si parla ma non c’è una evidenza certa…

«Dobbiamo distinguere tra correlazione, un dato assodato, con il nesso causale. La patologia tumorale è sempre multifattoriale. Quindi non esiste una causa unica che crea la patologia tumorale ma sempre un insieme di fattori. Questo insieme di fattori si specchia in maniera potentissima con l’ambiente in cui viviamo, in cui noi compriamo casa. In alcuni casi lo Stato deve garantire bonifiche immediate nel momento in cui c’è un dato certo, scientifico, causalmente dimostrato che quel tipo di ambiente è insalubre e soprattutto cancerogeno per la popolazione che ci vive».

C’è il caso di Taranto, emblematico, ma quanti territori aspettano questo tipo di provvedimento….

«Penso che ormai ogni mese venga fuori un sito che debba essere bonificato. Non è solo il caso dell’Ilva, della Terra dei Fuochi, pensiamo a Brescia, pensiamo ad alcune zone in cui vengono scoperte falde acquifere, inquinate da elementi considerati ad altissima correlazione con patologie oncologiche. Come il cromo esavalente e tanti altri inquinanti in questo caso nelle falde acquifere. In altre situazioni abbiamo le patologie asbesto-correlato ovvero quelle malattie che derivano dal quel tipo di materiale, asbesto, su cui non sono state fatte tutte le bonifiche in Italia e su cui noi vogliamo dare grande impulso anche grazie alla legge nazionale sul registro tumori. Questa legge riguarda anche il referto epidemiologico: per la prima volta in Italia siamo all’avanguardia nel mettere nero su bianco una legge che prevede che lo Stato vuole il referto epidemiologico, un macrodato aggregato che potrebbe essere sovrapponibile con l’utilità, l’importanza e la potenza del fascicolo sanitario elettronico. Per cui ci arriviamo in un modo diverso, non attraverso il contenitore tecnologico caratteristico del fascicolo sanitario elettronico ma abbiamo messo per legge che i cittadini italiani hanno diritto al referto epidemiologico in modo che tutte le patologie esistenti possano essere censite».

 

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...