Politica 14 aprile 2015

Rc professionale verso il testo unico puntando sulla conciliazione

La proposta del comitato della Commissione Affari Sociali della Camera si basa su 11 articoli

Immagine articolo

Depenalizzare la colpa medica e potenziare le iniziative di conciliazione. Sono questi alcuni dei punti che quasi certamente entreranno a far parte della stesura finale del testo unico sulla responsabilità professionale dei medici.

Le proposte sono il frutto del lavoro portato avanti dal comitato della Commissione Affari Sociali di Montecitorio, il cui incarico è quello di fare ordine tra le tantissime proposte di legge presentate negli ultimi anni sul tema. Proposte che, ad un’attenta analisi, presentano non pochi punti in comune. Da qui la necessità di mettervi ordine una volta per tutte. E questa settimana potrebbe essere quella decisiva per dare lo sprint finale ad un lavoro che va avanti da circa un anno e che dovrebbe prevedere, nella sua stesura finale, una proposta formata da 11 articoli.

Oltre quelle già citate, infatti, il documento finale dovrebbe prevedere novità come: l’istituzione di un’Agenzia nazionale e un Osservatorio regionale e nazionale completamente dedicati alla supervisione dell’ambito in questione; la definizione di “atto sanitario” come atto “complesso e sottoposto a molte variabili”; i nuovi compiti dell’Age.Na.S. sui sistemi di punteggio per la classificazione delle strutture sanitarie.

Altre modifiche importanti riguarderanno la gestione del rischio clinico e l’introduzione, anche nel nostro Paese, del sistema “No Fault”: si tratta di un meccanismo che prevede l’indennizzo dei pazienti danneggiati da un episodio di malpractice senza che venga accertata la colpa e senza che entrambe le parti vadano ad impelagarsi in azioni giudiziarie. Se nulla dovesse cambiare nei prossimi incontri, la responsabilità professionale del medico sarà extra contrattuale e quella della struttura contrattuale. L’assicurazione resterà obbligatoria per il camice bianco libero professionista – e che quindi non opera in una struttura – mentre sarà facoltativa per i dipendenti, rimanendo comunque fondamentale la copertura nei casi di colpa grave. Nella bozza è previsto anche che, per quanto concerne la responsabilità dei professionisti che vi lavorano, la struttura sanitaria privata non avrà alcuna differenza con il suo corrispettivo pubblico. Previste infine la regolamentazione dei consulenti di parte e la nascita dell’albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio (CTU).

Articoli correlati
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...