Politica 8 Gennaio 2019

SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»

L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»

«Non ci devono essere barriere alle migliori cure possibili soprattutto per le malattie più importanti». Francesco De Lorenzo, ex ministro della Sanità e presidente della FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) e della European Cancer Patient Coalition, cui afferiscono oltre 400 associazioni di malati di cancro in tutta Europa, ha le idee chiare su quello che andrebbe modificato nella sanità italiana. A partire dalle diseguaglianze che, inevitabilmente, si sono create con la regionalizzazione del Sistema sanitario italiano, un problema a cui si può ovviare permettendo allo Stato di poter intervenire con poteri sostitutivi «garantendo i Lea. Non è possibile – spiega De Lorenzo a Sanità Informazione – che alcune regioni hanno i finanziamenti per l’assistenza domiciliare e non la fanno e il malato di cancro muore nei reparti per acuti perché non ha l’assistenza domiciliare, dovrebbe intervenire lo Stato».

LEGGI ANCHE: SANITA’, L’EX MINISTRO DE LORENZO: «REGIONALISMO HA CREATO DISEGUAGLIANZE. OCCORRE INTERVENIRE CON POTERI SOSTITUTIVI»

Presidente, da poco sono stati celebrati i 40 anni del Sistema sanitario nazionale: quali sono secondo lei i due problemi più gravi che affronta il nostro SSN?

«Oggi il diritto alla salute e quindi all’accesso ai trattamenti terapeutici è un diritto condizionato dalla sostenibilità economica. È inutile che giriamo attorno al problema senza riconoscere questo. Certo tutti vorremmo dare tutto a tutti. Questo è un problema che si è dimostrato nel tempo impossibile. Bisogna lavorare per evitare sprechi, per finalizzare meglio i trattamenti, però bisogna fare i conti con questa realtà. Io personalmente ritengo che bisognerebbe anche cominciare a pensare di garantire in primis a tutti la cura e i migliori trattamenti per le grandi malattie. Le grandi malattie toccano un po’ tutti: la cardiochirurgia, l’ictus cerebrale, tutte le grandi malattie dove c’è bisogno di alta specializzazione e di assistenza ospedaliera adeguata. Per queste patologie non ci devono essere barriere alle migliori cure possibili soprattutto oggi che con i prodotti innovativi si possono fare i miracoli. Penso che forse quelli che hanno più mezzi dovrebbero pagare per evitare che ci sia una dispersione di risorse per patologie transitorie come l’influenza, un piccolo catarro, un dolore reumatico, ecc. Per questo forse bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola».

LEGGI ANCHE: TROMBOSI, SECONDA CAUSA DI MORTE IN PAZIENTI ONCOLOGICI. DE LORENZO (ECPC): «CORRELAZIONE TRASCURATA, INFORMARE PAZIENTI»

Lei è un critico della regionalizzazione del sistema sanitario…

«A quel tempo noi avevamo previsto anche il potere sostitutivo, tanto più che ci troviamo di fronte ad una regionalizzazione spinta. Oggi dovremmo avere un governo centrale che sia in grado di intervenire se viene meno il rispetto dei Livelli essenziali di assistenza. Non è possibile che alcune regioni hanno i finanziamenti per l’assistenza domiciliare e non la fanno e il malato di cancro muore nei reparti per acuti perché non ha l’assistenza domiciliare, dovrebbe intervenire lo Stato. Di fronte a queste carenze io credo che bisognerebbe garantire il diritto all’accesso ai trattamenti al malato ovunque esso risieda, e per far questo io credo che, lasciando l’autonomia alle regioni, uno Stato centrale che interviene per garantire i Lea ci vuole».

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone