Politica 20 Novembre 2019 11:26

Profilattici, M5S propone riduzione IVA. Marinello: «Necessaria migliore informazione su malattie sessualmente trasmesse»

Il senatore e medico Cinque Stelle è primo firmatario di un ddl sul tema. E racconta: «Quella volta in Tanzania che giocai con una bambina sieropositiva…»

Ridurre l’IVA su profilattici maschili e femminili dal 22% al 10% per combattere le malattie sessualmente trasmesse. Il senatore del Movimento Cinque Stelle Gaspare Antonio Marinello, medico di Sciacca, rilancia il disegno di legge che lo vede primo firmatario per abbattere il costo di uno strumento fondamentale per contrastare virus come HIV o papillomavirus. Il Ddl, che costerebbe secondo le previsioni 50 milioni all’anno, torna d’attualità, essendo il contenuto di uno degli emendamenti apportati alla legge di Bilancio proprio dal Movimento Cinque Stelle in Senato. «L’obiettivo è di ridurre quello che è il costo del preservativo ma fare anche una adeguata formazione e informazione per i ragazzi» sottolinea il senatore ai microfoni di Sanità Informazione. Abbiamo incontrato il Senatore ad una conferenza sull’HIV: per la prima volta diminuiscono le nuove diagnosi in Italia rispetto agli anni precedenti con una riduzione di circa il 20% rispetto al 2017 ma aumentano le persone che scoprono di essere sieropositive molti anni dopo essersi infettate, ricevendo una diagnosi quando il loro sistema immunitario è già compromesso. Se in Italia e nel mondo occidentale il fenomeno sembra essere contenuto, diverso è il caso dell’Africa, dove la malattia continua a diffondersi. Lo sa bene Marinello che da medico ha potuto vedere con i suoi occhi la situazione di alcune realtà del continente africano. «Una volta in un viaggio fatto con dei missionari c’era una bambina. Chiesi perché fosse con noi, la missionaria mi disse: la mamma l’ha lasciata davanti all’istituto. Io pensavo in un primo momento che fosse una mamma non buona. Ma non era così. La mamma l’aveva lasciata lì perché era l’unico modo per farla curare».

LEGGI ANCHE: HIV, TORNA LA SPERANZA DI UN VACCINO. SILERI (VICEMINISTRO SALUTE): «SAREBBE RIVOLUZIONE DEL SECOLO. DIAGNOSI PRECOCE FONDAMENTALE»

Lei è autore di un Ddl che prevede la riduzione dell’Iva sui preservativi che è fondamentale per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Quali sono le prospettive di questo Ddl?

«Il Ddl è stato firmato all’unanimità perché in maniera trasversale riusciamo a condividere delle problematiche di interesse comune. L’obiettivo è di ridurre quello che è il costo del preservativo ma fare anche una adeguata formazione e informazione per i ragazzi. Abbiamo potuto constatare, dalle indagini che sono state fatte, che la maggior parte dei ragazzi pensa che il preservativo vada utilizzato solo ed esclusivamente per evitare gravidanze ma non è così. Il costo è elevato. Allora cerchiamo di dare una adeguata informazione perché utilizzando il preservativo possiamo prevenire le malattie sessualmente trasmesse. Bisogna informare i ragazzi perché solo in questa maniera possiamo evitare le malattie. Dal lato istituzionale noi saremo delle sentinelle per cercare di portare avanti queste problematiche, di invitare a stare attenti. Dobbiamo anche incentivare la ricerca dal punto di vista terapeutico anche se certamente il vaccino sarebbe l’ideale».

Lei è un medico e ha raccontato la sua esperienza in Africa dove l’HIV è una realtà più presente rispetto al mondo occidentale. Cosa ha visto con i suoi occhi?

«Quello che ho visto è un problema che ho potuto constatare de visu in Tanzania dove ci sono delle famiglie con il pater familias che ha più di una moglie e spesso questo, non soddisfatto delle necessità in famiglia, va nelle città dove si unisce con altre donne e contrae l’AIDS. Torna a casa e lo trasmette alla moglie che, inconsapevole, contrae la malattia. Non essendoci dei controlli proprio capillari viene trasmessa ai bambini. In Tanzania e precisamente a Usolanga c’è un istituto che si chiama Numbayeto: è una struttura dove vengono accolti i bambini per fare i dovuti accertamenti ma la cosa fondamentale è che i bambini vengono portati con le missionarie e i missionari ad Iringa dove ci sono i Padri della Consolata e così può essere somministrata loro la terapia. Le racconto un episodio: una volta mentre eravamo in missione eravamo tutti adulti e c’era una sola bambina. Chiedo alla missionaria come mai c’è questa bambina tra di noi, la missionaria mi disse: la mamma l’ha lasciata davanti all’istituto. Io pensavo in un primo momento che fosse una mamma non buona. Ma non era così. La mamma l’aveva lasciata lì perché era l’unico modo per farla curare. Quindi siamo stati a giocare con questa bambina, sapevamo che era affetta dalla malattia ma anche che era sotto cura. Ora le cose sono migliorate, non è più come una volta. Le persone possono essere curate, dobbiamo cercare di informare la gente non solo con stampa e tv ma anche con i social per dare informazioni adeguate perché non se ne parla più come se la malattia non esistesse. Ma è una realtà».

Articoli correlati
1981-2021, quarant’anni di HIV. Simedet: «Vietato abbassare la guardia, diagnosi precoce fondamentale»
In un messaggio inviato ai propri soci, il presidente e il vicepresidente della Simedet (Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica), Fernando Capuano e Manuel Monti, hanno voluto lanciare un messaggio in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS Ci attraverso il quale si uniscono idealmente “a tutte le persone affette dal virus dell’HIV per far […]
Non solo Covid, ecco le infezioni dimenticate e riemergenti su cui dobbiamo alzare la guardia
Virus oncogeni e infezioni dovute ad antibioticoresistenza. Tra prevenzione e presa in carico, lo stato dell’arte in Italia secondo gli esperti
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano
Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»
di Federica Bosco
Fast Track Cities, le città italiane si attrezzano per eliminare HIV e Epatite C entro il 2030
Decisori politici e amministratori locali insieme a Società Scientifiche e Associazioni Pazienti per illustrare e rafforzare le "Fast Track Cities - Città a misura di Paziente HIV-HCV". Il progetto ha già prodotto risultati significativi nella percezione e nei servizi per la lotta all’HIV. Adesso si estende anche all’HCV, con "Checkpoint", ambulatori, percorsi facilitati per screening e controlli per malattie infettive oggi divenute curabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano