Politica 19 Aprile 2019 09:40

Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»

Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»

di Isabella Faggiano
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»

«Vaccini obbligatori per mantenere alto il livello di attenzione. Anagrafe vaccinale per monitorare i tetti di copertura. Campagne di sensibilizzazione per la diffusione di informazione scientificamente corrette. Sono questi i principali presupposti da cui si partirà per la stesura del nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale». Ai microfoni di Sanità Informazione il deputato M5S della commissione Affari Sociali, Giorgio Trizzino, direttore sanitario dell’ospedale pediatrico G. Di Cristina di Palermo, ribadisce la sua posizione pro-vaccini.

Da uomo, da medico e da politico Trizzino ha sempre sostenuto la campagna a favore delle vaccinazioni, una posizione che preferisce definire «una linea a tutela della scienza», piuttosto che una campagna contro i no vax. «È stato dimostrato – spiega il deputato M5S – che il vaccino salva la vita dei bambini. Ho visto personalmente le complicazioni che si possono verificare in persone adulte e piccoli non vaccinati. La mia – sottolinea Trizzino – non è una lotta contro qualcuno, ma è una battaglia a favore della vita e, dunque, all’uso obbligatorio del vaccino».

LEGGI ANCHE: EPIDEMIA MORBILLO A NEW YORK, PARLA IL DIRETTORE DELL’ISTITUTO USA MALATTIE INFETTIVE: «NON AD ESENZIONE VACCINI PER RAGIONI ‘FILOSOFICHE’»

Se nel 2019, in una città come New York, si verifica un’epidemia di morbillo, allora secondo l’onorevole Trizzino «è necessario che il livello di copertura vaccinale sia altissimo. Anche gli Stati Uniti, nonostante l’utilizzo di metodiche molto avanzate, vivono dei momenti di riduzione della copertura vaccinale, così come accaduto anche in Italia con i focolai esplosi in diverse zone del Paese, tra cui la Sicilia, regione in cui vivo». E per il direttore sanitario dell’ospedale pediatrico G. Di Cristina di Palermo non c’è che una soluzione: «Solo le vaccinazioni obbligatorie commenta – sono in grado di mantenere elevatissimo il livello di attenzione».

Sulla possibilità che il nuovo piano vaccinale sia diverso o piuttosto simile a quello approvato dal precedente Governo l’onorevole Trizzino non si sbilancia: «Siamo già a lavoro con il ministro e in tempi abbastanza brevi – spiega – avremo sicuramente i primi risultati». Ma su un punto il deputato M5S ha le idee molto chiare: «Sensibilizzare la popolazione sull’importanza dei vaccini per la salute pubblica è fondamentale. Per questo, la diffusione di informazioni corrette, insieme alla costituzione dell’anagrafe vaccinale – conclude -, sarà uno degli obiettivi prioritari del nostro Governo».

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola