Politica 8 Novembre 2019 10:37

Patto per la Salute, Bonaccini chiede confronto con il Governo: «Approvarlo il prima possibile»

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini: «I 2 miliardi di euro di incremento sul Fondo sanitario nazionale, in aggiunta agli altri 2 miliardi di euro per la parte investimenti e in aggiunta al fatto che dal prossimo anno in autunno partirà l’eliminazione progressiva dei superticket, sono punti importantissimi»

Patto per la Salute, Bonaccini chiede confronto con il Governo: «Approvarlo il prima possibile»

«Sul patto per la Salute stiamo discutendo e abbiamo inviato una lettera al ministro della Sanità, Roberto Speranza, per accelerare e per provare a sciogliere tutti i nodi presenti. Siamo in attesa dal Governo precedente di poterlo approvare». Così il presidente, Stefano Bonaccini, al termine della riunione della Conferenza delle Regioni.

Un Patto fortemente ridimensionato dal Mef, come si evince dalla bozza emersa in settimana. Il Tesoro ha posto il suo veto sulla proposta di stop ad ogni forma di incompatibilità tra il ruolo di presidente di Regione e quello di Commissario ad acta del Servizio sanitario regionale. Eliminati anche il paragrafo sull’implementazione del nuovo Piano Nazionale per il governo delle liste d’attesa 2019 – 2021, la flessibilità del tetto di spesa per il personale sanitario e le risorse aggiuntive per le indennità.

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, STOP DEL MEF A FLESSIBILITÀ SUI TETTI DI SPESA PER IL PERSONALE E IMPLEMENTAZIONE LISTE D’ATTESA

«Quando il ministro venne in Conferenza delle Regioni – ricorda – indicò la necessità di approvarlo il prima possibile, quindi noi confidiamo che presto il Patto per la Salute possa essere sottoscritto. Anche perché sarebbe il completamento di un accordo importantissimo che abbiamo già raggiunto con il Governo sulla sanità in legge di stabilità, perché i 2 miliardi di euro di incremento sul Fondo sanitario nazionale, in aggiunta agli altri 2 miliardi di euro per la parte investimenti e in aggiunta al fatto che dal prossimo anno in autunno partirà l’eliminazione progressiva dei superticket, sono punti importantissimi. Ora, il Patto per la Salute – conclude Bonaccini – sarebbe la ciliegina sulla torta, per addivenire a un complessivo accordo sulle politiche per la sanità».

Articoli correlati
Giuseppe Conte al Colle per le dimissioni. Ora Conte Ter, unità nazionale o elezioni
Il Presidente del Consiglio ha convocato un CdM prima di recarsi da Sergio Mattarella a rimettere il mandato. Potrebbe ottenere un reincarico per verificare se esiste la possibilità di allargare la maggioranza. Forza Italia pronta per un esecutivo di unità nazionale. Il Ministro della Salute Speranza si schiera al fianco del premier
Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»
Il titolare della Salute, alla Camera, ha rivolto un appello all’unità: «Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani». Sarà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18 e il divieto di spostamento tra regioni. Sui vaccini: «Con 800mila dosi somministrate siamo i primi in Europa»
Spostamenti tra comuni concessi a Natale? Speranza dice no
Da giorni si discute di un possibile dietrofront del governo sul divieto categorico di spostamenti tra comuni il 25 e 26 dicembre e 1 gennaio. Il ministro Speranza è contrario
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»
Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L'ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»