Politica 6 Agosto 2019

Medicina Generale, il Ministro Grillo firma il decreto per lo scorrimento delle graduatorie

Il decreto permetterà di prorogare la validità delle graduatorie 2018-2021 del corso di formazione specifica in Medicina Generale

Immagine articolo

«Oggi ho firmato il decreto che permetterà di prorogare la validità delle graduatorie 2018-2021 del corso di formazione specifica in medicina generale e così di proseguire il loro scorrimento», lo annuncia attraverso la propria pagina Facebook il ministro della Salute Giulia Grillo.

«Non possiamo permettere che il grande sforzo per raddoppiare le borse sia vanificato lasciando centinaia di posti di formazione vuoti – aggiunge Grillo -. Questa proroga è necessaria per fronteggiare i danni generati da un sistema di formazione post laurea miope e antiquato, all’origine non solo dell’imbuto che ostacola il percorso di formazione e accesso alla professione, ma anche della frustrazione di molti medici entrati in specializzazioni alle quali in realtà non ambivano. Il Ministero della Salute sta continuando a lavorare con il MIUR per porre fine a tutto questo e rendere finalmente il processo formativo coerente, continuo e centrato sui contenuti più che sulla burocrazia».

LEGGI: CARENZA MEDICI DI FAMIGLIA, L’ASSESSORE GALLERA (LOMBARDIA): «STIAMO LAVORANDO A 350 NUOVE BORSE DI FORMAZIONE PER IL 2019»

LE REAZIONI

«In un contesto di tentativi di riduzione dell’imbuto formativo, di difficoltà di accesso alla professione e al contempo di paradossale possibilità di collasso del SSN per carenza di medici formati, l’importante provvedimento dello scorso anno voluto dal Governo per aumentare il numero di borse del CFSMG stava per diventare vano. Nonostante una proroga già stabilita dal Ministero sui termini di utilizzo delle graduatorie, la concomitanza del concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione Mediche aveva paventato il rischio che neanche questa proroga fosse sufficiente», ha dichiarato Delia Epifani, Responsabile Nazionale Area Formazione e Prospettive del Sindacato Medici Italiani, commentando il decreto ministeriale del mistero della Salute.

«Per questo, il 19 luglio scorso abbiamo ritenuto importante chiedere al Ministero di prorogare ulteriormente questi termini fino al 15 novembre. In questo modo, concluse le procedure di immatricolazione delle SSM, tutte le borse eventualmente disponibili dopo la rinuncia dei corsisti per l’accesso in specializzazione potranno essere riassegnate a chi si trova in posizione utile in graduatoria. Come Area Formazione, accogliamo con grande soddisfazione questo provvedimento che abbiamo voluto così tenacemente e ringraziamo il Ministro Grillo per aver accolto la nostra richiesta di proroga fino al termine da noi proposto. E’ doveroso, inoltre, ringraziare l’On. Rosa Menga per essersi fatta portavoce delle nostre istanze presso il Ministero».

«Il provvedimento non è ancora sufficiente per porre rimedio all’ imbuto formativo, ma testimonia la volontà di non sprecare più alcuna risorsa utile. Da parte nostra, continueremo a cercare nel Governo il fondamentale interlocutore per portare avanti le istanze dei colleghi e garantire un miglioramento dei percorsi formativi post laurea. Stare al fianco dei giovani medici, garantire loro un futuro professionale di qualità e azzerare l’imbuto formativo rimangono infatti i capisaldi della nostra attività di rappresentanza»,conclude Epifani.

 

Articoli correlati
Campania, al via la riorganizzazione della medicina generale. Ecco tutte le novità
Intervista al segretario provinciale FIMMG Napoli, Luigi Sparano: «Le Aggregazioni Funzionali Territoriali consentiranno una maggiore efficienza nella presa in carica e un abbattimento dei costi derivanti dalle ospedalizzazioni inappropriate»
Sanità, Paola Pedrini (FIMMG Lombardia) è il segretario più giovane d’Italia. «Micro team e telemedicina per rinnovare»
«Il primo passo è l’accordo regionale Lombardia 2020 dove verranno chiesti più incentivi per il personale di studio e il sostegno dei giovani medici nell’avvio della propria attività di medicina convenzionata. La cronicità rimane la sfida principale» così Paola Pedrini, alla guida di FIMMG Lombardia
di Federica Bosco
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
Congresso Fimmg, intervista a Scotti: «Medicina generale in ritardo, servono investimenti»
Dal Tanka Village di Villasimius, il segretario della FIMMG: “Nella bozza del nuovo Patto per la Salute si parla di sviluppo di servizi territoriali ma non di investimenti. Necessario cambiare il programma del corso di formazione di medicina generale. Il vaccino anti-influenzale può aiutare a combattere l’antibiotico-resistenza”
di Giulia Cavalcanti e Diana Romersi
Medicina generale, Speranza incontra la Fimmg. Scotti: «Disponibilità a risposte in legge Bilancio»
«I giovani MMG siano aiutati con agevolazioni sull'Iva per l'acquisto di apparecchiature. Il Reddito di Cittadinanza potrebbe favorire l'assunzione di collaboratori e infermieri». Così il segretario Fimmg dopo l'incontro con il Ministro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...