Politica 7 Dicembre 2018

Legge di Bilancio. Al lavoro fino al nono mese di gravidanza? Il sì dei ginecologi extra ospedalieri

La presidente Ageo: «Nulla in contrario se la donna è in buona salute, ma due condizioni sono importanti: gravidanza fisiologica e professione adatta al suo stato»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Nella Manovra finanziaria 2019 spunta una novità per le neomamme: chi vorrà potrà lavorare fino alla fine della gravidanza, nono mese compreso, dedicandosi per i cinque mesi previsti dal congedo di maternità ad accudire il nuovo nato. Una possibilità che Riccarda Triolo, presidente Ageo, l’Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri, ha accolto “molto favorevolmente”.  «Parlo da ginecologa e anche da donna – ha commentato la presidente – . Avere la possibilità di trascorrere più tempo con il proprio bambino appena nato è un dono preziosissimo».

Due le condizioni necessarie affinché una donna possa posticipare il congedo di maternità: «Innanzitutto –  ha spiegato la ginecologa – la gravidanza in corso deve essere fisiologica. Poi, il tipo di professione della futura mamma deve essere adeguato al suo stato». Un’alternativa, dunque, che pone nelle condizioni di una libera scelta soprattutto quelle donne che svolgono lavori che non richiedono un eccessivo impegno o affaticamento fisico e la cui gravidanza non ha presentato complicanze.

E chi accerterà lo stato di buona salute della donna consentendole di lavorare fino alla fine della gestazione? «La certificazione dello specialista è un atto doveroso e giusto – ha spiegato Riccarda Triolo -, ma sono convinta che anche la paziente abbia la sua parte di responsabilità. La signora deve essere ben informata sui rischi e sui benefici. Il ginecologo deve certamente certificare il suo stato di salute, ma la scelta finale deve essere condivisa».

LEGGI ANCHE: IMMUNIZZAZIONE E MATERNITÀ: TUTTE LE RACCOMANDAZIONI DA SEGUIRE IN GRAVIDANZA

E se il ginecologo avrà il compito di accertare le condizioni della puerpera, la donna che sceglierà di posticipare il suo congedo di maternità, durante il nono mese di gravidanza dovrà dividersi tra gli impegni lavorativi e i controlli medici previsti nell’ultima fase della gestazione, dalle analisi, alle ecografie, fino ai monitoraggi. Ma sulle potenzialità femminili la presidente Ageo non ha nessun dubbio: «La donna – ha detto – è esercita ad armonizzare tante di quelle cose nella sua quotidianità, che non credo avrà difficoltà a conciliare gli accertamenti previsti per una gravidanza regolare. Perché – ha sottolineato ancora Riccarda Triolo – ciò di cui stiamo parlando sono esclusivamente le gravidanze fisiologiche. Se, invece, la gestazione è patologica – ha aggiunto la specialista – la donna dovrà stare a riposo e non potrà lavorare. La vera sfida per una neo-manna, comunque, arriverà dopo,  al quarto o al quinto mese di vita del bambino. Sarà in quel momento  – ha concluso la ginecologa – che dovrà realmente impegnarsi per conciliare al meglio le esigenze del neonato con quelle lavorative».

Articoli correlati
Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»
La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
#UnGiornoCon | Ostetrica. Chantal è in attesa del piccolo Vittorio: ecco come la futura mamma si prepara al lieto evento
Marocchini (ostetrica): «Superato il travaglio e il parto, io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio per valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato e il benessere di mamma e bambino»
di Isabella Faggiano
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali