Salute 2 Agosto 2018 11:23

Gravidanza e allattamento, Faraoni (tossicologa): «Mamme si possono curare, ma meglio evitare nuovi farmaci»

«Un farmaco prescritto durante la gestazione potrebbe non essere adatto in allattamento. No ai pareri reperiti sui blog ed ai passaparola». I consigli dell’esperta

di Isabella Faggiano

«Antibiotici, antistaminici, medicinali per la pressione. Ogni classe di farmaci contiene quelli adatti alle mamme che, sia in gravidanza che allattamento, possono curarsi senza il timore di danneggiare il proprio piccolo. Basta saper scegliere il farmaco giusto». Parola di Lorella Faraoni, tossicologa del Centro Antiveleni di Bergamo. «Attualmente – ha spiegato – abbiamo a disposizione tantissima letteratura sull’uso di farmaci in questi particolari periodi della vita, studi scientifici che dimostrano come la mamma possa curarsi in estrema sicurezza».

LEGGI ANCHE: ESTATE E FARMACI, I CONSIGLI PER UTILIZZARLI IN SICUREZZA NELLA STAGIONE CALDA

Ma quali sono gli accorgimenti necessari? «Innanzitutto non confondere la gravidanza con l’allattamento. Sono due fasi molto diverse tra loro, per cui è bene ricordare che un farmaco prescritto durante la gestazione non è detto che possa essere utilizzato anche nel periodo dell’allattamento. Un altro importante consiglio è quello di evitare il farmaco appena immesso sul mercato perché, di solito, non garantisce dati di sicurezza sui possibili effetti collaterali in gravidanza e allattamento».

Informarsi, dunque, è d’obbligo. Ma attenzione alla fonte. «È sempre più diffusa l’abitudine di interrogare il web, piuttosto che il proprio medico. Internet – ha sottolineato Faraoni – non è da demonizzare, piuttosto bisogna verificare da dove viene l’informazione che stiamo leggendo. Un sito sostenuto da una Società Scientifica riporterà senz’altro informazioni corrette; i blog di mamme o i passaparola sui social network, invece, possono indurci in errore. Soprattutto – ha sottolineato la tossicologa – attenzione alle generalizzazioni: non è detto che un farmaco che ha funzionato su una determinata paziente, che si trovava in una certa settimana di gestazione, affetta da una determinata patologia, possa essere trasferibile su un’altra situazione, potenzialmente diversa».

Il miglior modo per dissipare ogni dubbio resta il dialogo diretto: «Consiglio sempre di fare riferimento al proprio medico curante, ricordando a tutte le mamme che esistono diversi centri di informazione, in tutto il territorio nazionale, sull’uso di farmaci in gravidanza e allattamento. Ed almeno per questo possiamo affidarci al web – ha concluso Faraoni – per trovare il numero di telefono o l’indirizzo del centro più vicino a noi».

LEGGI ANCHE: ESTATE E GRAVIDANZA: I CONSIGLI UTILI PER LA SALUTE DELLA MAMMA E DEL BAMBINO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino
Uno studio condotto a Taiwan ha dimostrato che l'esposizione allo smog in gravidanza può causare ritardi nello sviluppo motorio e psicosociale del bambino durante la sua crescita
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
Gravidanze indesiderate, è record in Campania. Il progetto per promuovere empowerment femminile e contraccezione
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo insieme a Organon, ha come obiettivo la formazione e l’informazione di ragazzi, famiglie, e operatori in materia di sessualità consapevole
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa