Salute 2 agosto 2018

Gravidanza e allattamento, Faraoni (tossicologa): «Mamme si possono curare, ma meglio evitare nuovi farmaci»

«Un farmaco prescritto durante la gestazione potrebbe non essere adatto in allattamento. No ai pareri reperiti sui blog ed ai passaparola». I consigli dell’esperta

di Isabella Faggiano

«Antibiotici, antistaminici, medicinali per la pressione. Ogni classe di farmaci contiene quelli adatti alle mamme che, sia in gravidanza che allattamento, possono curarsi senza il timore di danneggiare il proprio piccolo. Basta saper scegliere il farmaco giusto». Parola di Lorella Faraoni, tossicologa del Centro Antiveleni di Bergamo. «Attualmente – ha spiegato – abbiamo a disposizione tantissima letteratura sull’uso di farmaci in questi particolari periodi della vita, studi scientifici che dimostrano come la mamma possa curarsi in estrema sicurezza».

LEGGI ANCHE: ESTATE E FARMACI, I CONSIGLI PER UTILIZZARLI IN SICUREZZA NELLA STAGIONE CALDA

Ma quali sono gli accorgimenti necessari? «Innanzitutto non confondere la gravidanza con l’allattamento. Sono due fasi molto diverse tra loro, per cui è bene ricordare che un farmaco prescritto durante la gestazione non è detto che possa essere utilizzato anche nel periodo dell’allattamento. Un altro importante consiglio è quello di evitare il farmaco appena immesso sul mercato perché, di solito, non garantisce dati di sicurezza sui possibili effetti collaterali in gravidanza e allattamento».

Informarsi, dunque, è d’obbligo. Ma attenzione alla fonte. «È sempre più diffusa l’abitudine di interrogare il web, piuttosto che il proprio medico. Internet – ha sottolineato Faraoni – non è da demonizzare, piuttosto bisogna verificare da dove viene l’informazione che stiamo leggendo. Un sito sostenuto da una Società Scientifica riporterà senz’altro informazioni corrette; i blog di mamme o i passaparola sui social network, invece, possono indurci in errore. Soprattutto – ha sottolineato la tossicologa – attenzione alle generalizzazioni: non è detto che un farmaco che ha funzionato su una determinata paziente, che si trovava in una certa settimana di gestazione, affetta da una determinata patologia, possa essere trasferibile su un’altra situazione, potenzialmente diversa».

Il miglior modo per dissipare ogni dubbio resta il dialogo diretto: «Consiglio sempre di fare riferimento al proprio medico curante, ricordando a tutte le mamme che esistono diversi centri di informazione, in tutto il territorio nazionale, sull’uso di farmaci in gravidanza e allattamento. Ed almeno per questo possiamo affidarci al web – ha concluso Faraoni – per trovare il numero di telefono o l’indirizzo del centro più vicino a noi».

LEGGI ANCHE: ESTATE E GRAVIDANZA: I CONSIGLI UTILI PER LA SALUTE DELLA MAMMA E DEL BAMBINO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Allattamento seno, Carla Scarsi (Leche League): «Le donne, insieme, riescono spesso a trovare le strategie vincenti»
Carla Scarsi (Leche League): «Le nostre consulenti hanno fatto tirocini quindi sanno molte cose sull'allattamento. Una di queste, è far capire alle mamme quali sono le priorità». L'intervista a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Diabete, colpito 1 milione di italiani in età lavorativa. La prima cura? Un corretto stile di vita
«Molte diagnosi arrivano tardi e spesso ci si arriva tramite altre patologie. Il 2% della popolazione ha il diabete e non lo sa. L'Italia è fanalino di coda nell’utilizzo dei più moderni farmaci per il diabete a causa delle difficoltà nel prescriverli» ha dichiarato il professor Andrea Giaccari, diabetologo
Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno
“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare […]
Vicenza, ritorna la “giornata di raccolta del farmaco” in circa 50 farmacie
Sabato 9 febbraio ritorna l’appuntamento con la Giornata di Raccolta del Farmaco, giunta ormai alla XIX edizione. La manifestazione, che ha carattere nazionale, viene promossa a livello provinciale da Federfarma Vicenza e ad oggi sono circa 50 le farmacie vicentine che hanno già annunciato la propria adesione. Secondo una formula ormai collaudata, i clienti potranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...