Politica 16 Settembre 2021 16:02

Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»

Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna

di Isabella Faggiano
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»

Altri tre punti e la sanità della Regione Veneto sarebbe stata promossa a pieni voti. Ma con il suo punteggio di 222/225 la sanità veneta ha comunque conquistato la vetta della classifica relativa alla Griglia Lea 2019, pubblicata in questi giorni dal Ministero della Salute.

«Organizzazione, efficienza delle reti ospedaliere e territoriali, macchinari innovativi, eccellenze sparse sul territorio e non solo concentrate sui grandi Hub, personale sanitario di grande livello professionale e umano sono gli ingredienti della nostra ricetta vincente», spiega Manuela Lanzarin, assessore a Sanità, Servizi Sociali e Programmazione Socio Sanitaria della Regione Veneto. A pari merito con il Veneto c’è la Toscana, seguita, con 221 punti, dall’Emilia-Romagna.

Il Veneto punta ai pieni voti

Per non interrompere la scalata, il Veneto punta a raggiungere quota 225. «Non solo vogliamo migliorare anno dopo anno, ma miriamo al punteggio massimo. E per ottenerlo – sottolinea l’assessore Lanzarin – dobbiamo lavorare soprattutto su due fronti: il numero dei parti cesari e quello dei vaccini antinfluenzali. Il primo deve essere ridotto, il secondo aumentato». La Griglia Lea, infatti, è composta da vari indicatori a cui viene assegnato un punteggio. Dalla somma di tutti i singoli risultati si ottiene il punteggio finale.

Tra progetti futuri e criticità

Stando alle previsioni sull’andamento degli indicatori del Veneto che quest’anno hanno ottenuto la votazione più bassa, il massimo dei voti potrebbe essere un obiettivo più che raggiungibile. «Durante la pandemia da Covid-19 le richieste di vaccinazioni contro l’influenza stagionale hanno subito una netta crescita. Tanto che quest’anno abbiamo già acquistato più vaccini del 2020, proprio per far fronte alle numerose richieste già pervenuteci», racconta l’assessore.

Per diminuire la percentuale di parti cesarei, invece, sono necessarie azioni programmate che coinvolgano sia i cittadini, che medici e professionisti sanitari. «Amplificheremo le campagne di informazione tra la popolazione e investiremo di più sulla formazione del nostro personale sanitario – assicura Lanzarin -. Formare e informare sono i due cardini della prevenzione, altro ingrediente fondamentale a garantire l’efficacia e l’efficienza del sistema sanitario regionale».

Uno sguardo alla classifica generale

Grazie al suo modello organizzativo, il Veneto ha mantenuto il primato per due anni consecutivi, sfilando la corona al Piemonte nel 2017, retrocesso dai 221 punti di tre anni fa ai 188 attuali. Altre sei Regioni hanno ottenuto un punteggio compreso tra 200 e 160 (soglia della sufficienza): Puglia, Provincia Autonoma di Trento, Sicilia, Basilicata, Campania e Valle d’Aosta.

Lombardia, Marche, Umbria, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Lazio, invece, hanno superato tutte quota 200. La Provincia Autonoma di Bolzano, le regioni Molise, Calabria e Sardegna non hanno raggiunto nemmeno la soglia della sufficienza, (per le Regioni a statuto speciale e Province autonome, tuttavia, i dati non sempre sono completi, ndr).

«Mantenere alta la capacità di una Regione di erogare i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) è un dovere per le Istituzioni e un diritto per i cittadini. La Costituzione – conclude Lanzarin – impone che siano uguali per ogni assistito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva
Compiaciuti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino: «I cittadini coinvolti a pieno titolo nell’elaborazione del documento»
Nuovo Sistema Garanzia LEA, Aceti (Salutequità): «Nel 2019 sei Regioni inadempienti e troppe disuguaglianze»
L’analisi di Salutequità sui risultati del Nuovo Sistema di Garanzia dei LEA (NSG) del Ministero della Salute. «Pubblicare subito i dati 2020 e fare scelte giuste con prossima Legge di Bilancio»
«Green pass per bar e ristoranti significa rendere obbligatorio il vaccino». Intervista al Presidente del Veneto Luca Zaia
Il Governatore punta su un monitoraggio di massa e offre tamponi gratis a tutti: «Una campagna aggressiva ci serve per avere sempre sottomano l’evoluzione della pandemia. Obiettivo 30 mila al giorno»
di Federica Bosco
Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico
Le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare: «Legge necessaria, ma bisognerà vigilare sull’uniformità di applicazione a livello regionale, rimangono troppe disparità»
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?