Politica 26 Marzo 2019

Lavoro e sanità, Binetti – Cesa (Udc): «Contrari ai provvedimenti del Governo nel settore. Investire su giovani e trattenere i migliori»

La senatrice membro della Commissione Sanità spiega ai nostri microfoni quali sono gli aspetti positivi del Ssn da valorizzare per evitare di diminuire la qualità del servizio. Lorenzo Cesa (Segretario UDC): «Con reddito di cittadinanza e Quota 100 non si va da nessuna parte»

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice

«Non c’è più tempo per promesse e trucchi. Bisogna agire velocemente se non vogliamo riportare il Paese in profonda crisi. Bisogna aiutare le imprese tagliando il cuneo fiscale ed è necessaria una colossale opera di sburocratizzazione, perché con il reddito di cittadinanza e quota 100 non si va da nessuna parte. Bisogna essere il più concreti possibile». Così Lorenzo Cesa, Segretario UDC (Unione Di Centro) ai nostri microfoni nel corso del Convegno “Politica & Impresa. Niente trucchi solo lavoro”. L’appuntamento è stato un momento di confronto sulle priorità del Paese e sulle iniziative da mettere in atto per cercare di risolvere uno dei problemi più pressanti in questo momento: quello del lavoro. Argomento che, per la Senatrice Paola Binetti, è l’unica vera «priorità del nostro Paese. Prima di tutto il lavoro per i giovani. È essenziale permettere che entrino nel mondo del lavoro, soprattutto in ambito sanitario, ragazzi che hanno già alle spalle 10 anni (6 di laurea e 4 di specializzazione) di esperienza, ma è anche fondamentale che non escano dal lavoro quelle persone che hanno accumulato in questi anni esperienze e competenze ai massimi livelli possibile».

La Senatrice membro della Commissione Sanità spiega di riferirsi a «chirurghi, internisti, specialisti, ma anche ad un personale infermieristico altamente qualificato. Penso a quel personale che si muove nell’ambito delle professioni sanitarie e che rende possibile il miracolo della sanità italiana. Perché non c’è dubbio che la sanità italiana oggi, nella condizione in cui siamo, rappresenti ancora un miracolo. Con risorse decrescenti, con bisogni che emergono costantemente. Noi siamo fortemente contrari a tutta una serie di misure che questo Governo sta prendendo in ambito sanitario».

Secondo la Senatrice Binetti, in questo momento ci «troviamo davanti ad orizzonti molto delicati e complessi. Quest’anno abbiamo celebrato anche i 40 anni del Servizio sanitario nazionale e si è parlato in più occasioni della necessità di rivedere alcuni passaggi. Il perno di tutto il Ssn restano però i professionisti, i medici, gli infermieri, tutte le professioni sanitarie, e a loro dobbiamo prestare una particolare attenzione, vuoi facilitando l’ingresso nella professione delle persone che già ci sono, vuoi in qualche modo offrendo condizioni interessanti per trattenere quelli che hanno ancora molto da dare e che non vogliamo che se ne vadano all’estero».

Articoli correlati
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
Cimo-Fesmed: «Mes o non mes, il SSN si salva solo con una strategia nazionale»
Secondo la federazione dei medici ospedalieri, il dibattito sui fondi per la sanità deve partire da un piano che metta al primo posto riforma del lavoro e professionalità
Medici in mobilitazione permanente: «Il 29 maggio grande atto di resistenza»
Così in una nota Il Coordinamento promotore della mobilitazione nazionale
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
Decreto rilancio, Anaao Assomed: «Bene iniezione di risorse, ma lavoriamo per superare criticità»
«Prima il DL “Cura Italia” con 1,410 mld e ora il DL “Rilancio” con un ulteriore incremento di 3,250 mld del finanziamento del sistema sanitario, affrontano le problematiche emerse dalla pandemia. Ora è fondamentale vigilare per la sua conversione in legge e superare le criticità ancora persistenti con giuste proposte emendative» precisa il segretario Palermo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)