Politica 26 Marzo 2019

Lavoro e sanità, Binetti – Cesa (Udc): «Contrari ai provvedimenti del Governo nel settore. Investire su giovani e trattenere i migliori»

La senatrice membro della Commissione Sanità spiega ai nostri microfoni quali sono gli aspetti positivi del Ssn da valorizzare per evitare di diminuire la qualità del servizio. Lorenzo Cesa (Segretario UDC): «Con reddito di cittadinanza e Quota 100 non si va da nessuna parte»

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice

«Non c’è più tempo per promesse e trucchi. Bisogna agire velocemente se non vogliamo riportare il Paese in profonda crisi. Bisogna aiutare le imprese tagliando il cuneo fiscale ed è necessaria una colossale opera di sburocratizzazione, perché con il reddito di cittadinanza e quota 100 non si va da nessuna parte. Bisogna essere il più concreti possibile». Così Lorenzo Cesa, Segretario UDC (Unione Di Centro) ai nostri microfoni nel corso del Convegno “Politica & Impresa. Niente trucchi solo lavoro”. L’appuntamento è stato un momento di confronto sulle priorità del Paese e sulle iniziative da mettere in atto per cercare di risolvere uno dei problemi più pressanti in questo momento: quello del lavoro. Argomento che, per la Senatrice Paola Binetti, è l’unica vera «priorità del nostro Paese. Prima di tutto il lavoro per i giovani. È essenziale permettere che entrino nel mondo del lavoro, soprattutto in ambito sanitario, ragazzi che hanno già alle spalle 10 anni (6 di laurea e 4 di specializzazione) di esperienza, ma è anche fondamentale che non escano dal lavoro quelle persone che hanno accumulato in questi anni esperienze e competenze ai massimi livelli possibile».

La Senatrice membro della Commissione Sanità spiega di riferirsi a «chirurghi, internisti, specialisti, ma anche ad un personale infermieristico altamente qualificato. Penso a quel personale che si muove nell’ambito delle professioni sanitarie e che rende possibile il miracolo della sanità italiana. Perché non c’è dubbio che la sanità italiana oggi, nella condizione in cui siamo, rappresenti ancora un miracolo. Con risorse decrescenti, con bisogni che emergono costantemente. Noi siamo fortemente contrari a tutta una serie di misure che questo Governo sta prendendo in ambito sanitario».

Secondo la Senatrice Binetti, in questo momento ci «troviamo davanti ad orizzonti molto delicati e complessi. Quest’anno abbiamo celebrato anche i 40 anni del Servizio sanitario nazionale e si è parlato in più occasioni della necessità di rivedere alcuni passaggi. Il perno di tutto il Ssn restano però i professionisti, i medici, gli infermieri, tutte le professioni sanitarie, e a loro dobbiamo prestare una particolare attenzione, vuoi facilitando l’ingresso nella professione delle persone che già ci sono, vuoi in qualche modo offrendo condizioni interessanti per trattenere quelli che hanno ancora molto da dare e che non vogliamo che se ne vadano all’estero».

Articoli correlati
Sanità, Cartabellotta (Gimbe): «Per rilanciarla servono più fondi e migliorare i rapporti Stato-Regioni»
Il Presidente della Fondazione Gimbe si dice «ottimista» circa le intenzioni del nuovo ministro Speranza ma sottolinea: «Il ministro della salute difficilmente potrà determinare le sorti in positivo o in negativo del servizio sanitario nazionale»
di Federica Bosco
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
Investimenti e formazione ECM, il neoministro Speranza riparte dal manifesto di Leu sulla Sanità
“Il rafforzamento del personale non potrà prescindere da un intervento su formazione e aggiornamento professionale” è quanto si legge nei punti programmatici presentati in occasione delle elezioni del 4 marzo
Aggressioni, Giulia Grillo: «Approviamo subito la legge contro la violenza verso gli operatori»
Giuseppe Conte ha ricevuto oggi l'incarico dal presidente Mattarella per formare la nuova squadra di Governo. Sono tanti i nomi che circolano in questi giorni per i ministri del governo M5s-Pd; ancora incerta la conferma di Giulia Grillo che intanto scrive su Facebook: «Approviamo subito la legge contro la violenza verso gli operatori sanitari»
«L’Italia non è un Paese attraente in cui lavorare», l’articolo su Lancet che “bacchetta” sindacati e politica
La situazione dei camici bianchi italiani 'guadagna' le pagine della rivista 'Lancet', in un articolo dal titolo 'Health worker gap in Italy, the untold truth', firmato da Luca La Colla del dipartimento di Anestesiologia della Duke University
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali