Politica 26 Marzo 2019

Lavoro e sanità, Binetti – Cesa (Udc): «Contrari ai provvedimenti del Governo nel settore. Investire su giovani e trattenere i migliori»

La senatrice membro della Commissione Sanità spiega ai nostri microfoni quali sono gli aspetti positivi del Ssn da valorizzare per evitare di diminuire la qualità del servizio. Lorenzo Cesa (Segretario UDC): «Con reddito di cittadinanza e Quota 100 non si va da nessuna parte»

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice

«Non c’è più tempo per promesse e trucchi. Bisogna agire velocemente se non vogliamo riportare il Paese in profonda crisi. Bisogna aiutare le imprese tagliando il cuneo fiscale ed è necessaria una colossale opera di sburocratizzazione, perché con il reddito di cittadinanza e quota 100 non si va da nessuna parte. Bisogna essere il più concreti possibile». Così Lorenzo Cesa, Segretario UDC (Unione Di Centro) ai nostri microfoni nel corso del Convegno “Politica & Impresa. Niente trucchi solo lavoro”. L’appuntamento è stato un momento di confronto sulle priorità del Paese e sulle iniziative da mettere in atto per cercare di risolvere uno dei problemi più pressanti in questo momento: quello del lavoro. Argomento che, per la Senatrice Paola Binetti, è l’unica vera «priorità del nostro Paese. Prima di tutto il lavoro per i giovani. È essenziale permettere che entrino nel mondo del lavoro, soprattutto in ambito sanitario, ragazzi che hanno già alle spalle 10 anni (6 di laurea e 4 di specializzazione) di esperienza, ma è anche fondamentale che non escano dal lavoro quelle persone che hanno accumulato in questi anni esperienze e competenze ai massimi livelli possibile».

La Senatrice membro della Commissione Sanità spiega di riferirsi a «chirurghi, internisti, specialisti, ma anche ad un personale infermieristico altamente qualificato. Penso a quel personale che si muove nell’ambito delle professioni sanitarie e che rende possibile il miracolo della sanità italiana. Perché non c’è dubbio che la sanità italiana oggi, nella condizione in cui siamo, rappresenti ancora un miracolo. Con risorse decrescenti, con bisogni che emergono costantemente. Noi siamo fortemente contrari a tutta una serie di misure che questo Governo sta prendendo in ambito sanitario».

Secondo la Senatrice Binetti, in questo momento ci «troviamo davanti ad orizzonti molto delicati e complessi. Quest’anno abbiamo celebrato anche i 40 anni del Servizio sanitario nazionale e si è parlato in più occasioni della necessità di rivedere alcuni passaggi. Il perno di tutto il Ssn restano però i professionisti, i medici, gli infermieri, tutte le professioni sanitarie, e a loro dobbiamo prestare una particolare attenzione, vuoi facilitando l’ingresso nella professione delle persone che già ci sono, vuoi in qualche modo offrendo condizioni interessanti per trattenere quelli che hanno ancora molto da dare e che non vogliamo che se ne vadano all’estero».

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»
Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la malpractice facendo giustizia di questi numeri impossibili»
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano