Politica 25 Gennaio 2021 16:46

La Lombardia e l’errore di calcolo per la zona rossa. Cosa è successo?

Dalla zona rossa a quella arancione per un errore nel calcolo dell’Rt. La Lombardia riapre, ma il dibattito sulla “colpe” non si ferma. I governatori leghisti si associano a Fontana e chiedono un nuovo metodo di valutazione, Speranza bolla come polemiche inutili

La Lombardia e l’errore di calcolo per la zona rossa. Cosa è successo?

Dal 24 gennaio la Lombardia è tornata in zona arancione. Con un’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza la regione di Attilio Fontana abbandona la zona rossa per quello che sembra un errore di trasmissione dei dati. Errore del quale non si è ancora trovato il responsabile definitivo, con un rimpallo agguerrito tra Regione e Cabina di regia ministeriale.

È cominciato tutto con tre separate e-mail che hanno poi portato alla decisione del ritorno in zona arancione. In allegato i documenti che raccontano l’allarme scattato sul ricalcolo dei dati e il conseguente cambio di classificazione. Al centro il dato sui positivi sintomatici, che sembrerebbe aver modificato la sorte della Lombardia.

Le tre e-mail e i “positivi asintomatici” della Lombardia

La prima e-mail inviata dall’Iss a Milano è datata 7 gennaio. Si segnalava un’anomalia nei dati e si invitava a un controllo approfondito. Un invito caduto a vuoto, in quanto già il 15 gennaio l’Rt lombardo arrivava a 1,4. Le proteste sono cominciate quando è stata ufficialmente dichiarata la zona rossa, imputando la decisione a motivazioni di natura politica.

In generale, infatti, l’Rt e l’indice di contagio da Covid-19 vengono calcolati dalla Cabina di regia solo con i dati sui positivi sintomatici. Per poter stabilire con quanta velocità il virus si trasmette tra le persone. La Lombardia, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, avrebbe segnalato «un numero di casi significativamente maggiore rispetto alle altre regioni», si legge su un comunicato. «Con una data di inizio sintomi a cui non ha associato uno stato clinico e che pertanto si è continuato a considerare inizialmente sintomatici».

Il 19 gennaio arriva poi la seconda comunicazione da parte della Lombardia: «Si richiede che venga eseguito un calcolo dell’indice RTSintomi recependo le modifiche definite a livello tecnico relative al conteggio dei pazienti guariti e deceduti». Tra 15 e 30 dicembre le persone con i sintomi scenderebbero da 14mila e poco meno 5mila, con Rt a 0.88. A questo punto, il 22 gennaio, il nuovo assessore al welfare lombardo Marco Trivelli invia all’Istituto la richiesta di rivalutazione dell’Rt. Il giorno stesso del monitoraggio e della consueta riunione della Cabina di regia.

L’attacco del governatore Fontana

La cronologia delle comunicazioni sembrerebbe mostrare un errore compiuto dai tecnici della regione, ma il governatore della Lombardia Attilio Fontana non ha risparmiato gli attacchi. Specie per manifestare il disappunto dei tanti commercianti che, aderendo alle regole della zona rossa, hanno tenuto chiusa la loro attività.  «La responsabilità è chiara – ha detto in un’intervista sul Corriere della Sera-. Noi abbiamo sollevato il caso e abbiamo riportato la regione in zona arancione. E il Governo sta provando a ribaltare le responsabilità. Un’operazione che mi indigna. Forse è l’algoritmo che determina il colore delle zone a dimostrare limiti. Noi, come governatori, pensiamo che questo sia un argomento vivo e delicato che non possa essere affidato a un freddo algoritmo».

«I governatori chiedono da un pezzo di rivedere il calcolo – sottolinea il presidente lombardo – Lo stesso ministro ha detto che serve un sistema per valutare meglio l’Rt (indice di contagio) e ha affermato che l’Rt ospedaliero fotografa meglio la realtà. La cosa vera, e va detto chiaramente, è che nessuno riesce a capire come si arrivi a questo valore. Di certo, noi abbiamo sempre fornito i dati – e lo dico anche al sindaco di Milano Giuseppe Sala – con trasparenza e rigore».

La risposta dell’Istituto Superiore di Sanità

Affermazioni a cui ha risposto quasi immediatamente l’Istituto. «L’algoritmo utilizzato dall’Istituto Superiore di Sanità è corretto – si legge – da aprile non è mai cambiato ed è uguale per tutte le Regioni che lo hanno utilizzato finora senza alcun problema. Questo algoritmo e le modalità di calcolo dell’Rt sono state spiegate in dettaglio a tutti i referenti regionali».

«La regione Lombardia non ha finora mai contestato questa stima» si specifica. «Ha segnalato casi con una data di inizio sintomi a cui non ha associato uno stato clinico e che pertanto si è continuato a considerare inizialmente sintomatici, in accordo con la procedura sopra descritta. Un’anomalia è stata segnalata più volte dall’Iss alla regione».

Sul calcolo dell’Rt, si ricorda: «Ogni volta che viene rilevato un caso clinico, viene compilato il relativo campo “stato clinico” nel quale viene indicato il grado di severità dei sintomi, da paucisintomatico a severo e, quando possibile, anche la data della loro insorgenza. Nel caso in cui invece il campo “stato clinico” non venga mai compilato e così nei successivi aggiornamenti del database fino a quando sia documentata la guarigione o il decesso, il caso si considera asintomatico nonostante la presenza di una data di inizio sintomi».

Ecco spiegato “l’errore” commesso dalla Lombardia e i successivi avvertimenti avvenuti via mail. «Inoltre nell’ultimo periodo ha classificato un gran numero di questi come guariti senza uno stato clinico sintomatico riportato. Questi casi sono stati quindi esclusi, dopo qualche settimana dalla prima segnalazione, dal numero dei sintomatici, in quanto presentavano un dato incongruente». La combinazione delle due problematiche ha creato una sovrastima del numero dei sintomatici e dunque un calcolo errato dell’Rt.

Il botta e risposta continua

«Cercherò di mantenere la mia consueta pacatezza, ma sarà difficile perché credo che la misura sia colma: la mancanza di rispetto nei confronti della Lombardia è andata oltre il consentito». Attilio Fontana non si è fatto attendere con le repliche, iniziando così un burrascoso  Consiglio regionale. La Lombardia «è disponibile come sempre a una leale collaborazione istituzionale. Ma non accetto che venga calunniata con mistificazioni della realtà. Una vergogna quello che sta succedendo. Non lo dico per me – ha precisato – ma per i lombardi che sono stufi di essere umiliati».

La mancata registrazione dei guariti in Lombardia sarebbe «una falsa notizia come si evince dai flussi pubblici, come quello della Protezione Civile che registra quotidianamente casi, guariti e decessi». Senza il ricorso della Lombardia al Tar, «oggi saremmo ancora in zona rossa fino alla fine del mese. Qualcun altro avrebbe potuto tacere e nessuno, magari, si sarebbe accorto di questa situazione. Ricordo che il ricorso, contrariamente a quanto sostenuto da qualche organo di stampa, prosegue nel merito».

Affermazioni a cui l’Iss ha prontamente risposto tramite comunicato stampa. «L’algoritmo per il calcolo dell’Rt non è esile – si legge – è basato su standard internazionali, è pubblico, reperibile sul sito web dell’Iss ed è stato illustrato a tutti i referenti regionali che hanno contestualmente ricevuto il software per la sua applicazione e l’eventuale verifica».

«Le Regioni hanno completa autonomia nel caricamento di aggiornamenti e rettifiche senza alcun intervento o richiesta verso l’Iss che, laddove ne abbia evidenza o sospetto, può segnalare errori, incompletezze o incongruenze alle Regioni». Dal mese di maggio 2020 l’Iss ha inviato 54 segnalazioni di errori, incompletezze e/o incongruenze alla regione Lombardia, l’ultima delle quali in data 7 gennaio 2021. La percentuale di casi incompleti per la sintomatologia (assenza di informazioni nel campo “stato clinico”) «è pari al 50,3% a fronte del 2,5% del resto d’Italia nel periodo 13 dicembre 2020-13 gennaio 2021».

Speranza: «Polemiche senza senso». Ma la Lega chiede un cambio di valutazione dell’Rt

«La relazione dell’Istituto Superiore di Sanità è chiarissima – ha commentato il ministro della Salute Roberto Speranza -. La regione Lombardia, avendo trasmesso dati errati, ha successivamente rettificato i dati propedeutici al calcolo del Rt e questo ha consentito una nuova classificazione. Senza l’ammissione di questo errore non sarebbe stato possibile riportare la regione in zona arancione. Questa è la semplice verità. Il resto sono polemiche senza senso che non fanno bene a nessuno. Soprattutto a chi le fa».
La Lega si è schierata subito con Attilio Fontana, che chiede un risarcimento per i danni subiti dai propri cittadini in zona rossa. I governatori delle altre regioni afferenti al partito di Matteo Salvini hanno chiesto all’unisono «una revisione immediata delle procedure». «Il governo – si legge in una nota – non può ad ogni problema esimersi da responsabilità e incolpare le regioni». Le firme appartengono a Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia), Christian Solinas (Sardegna), Nino Spirlì (Calabria), Donatella Tesei (Umbria) e Luca Zaia (Veneto).
«Continuare a raccontare cose non vere, non cancella la verità. Soprattutto quando ci sono documenti a provare come stanno le cose. Lo dovrebbe sapere anche Salvini, che, ne sono certa, conosce bene il contenuto delle mail della regione Lombardia all’Istituto superiore di sanità (Iss)», ha dichiarato in una nota la Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa. «Il ministero non c’entra nulla con l’errore della regione nella fornitura dei dati. Si comprende il tentativo di coprire con la propaganda le responsabilità. Ma gli italiani non si fanno ingannare».

Consulcesi&Partners: rimborsi per oltre 1 milione di euro ai commercianti lombardi

Dalla situazione i più danneggiati sono certamente i commercianti e gli imprenditori, che con la zona rossa hanno dovuto tenere chiuse le loro attività per due settimane non necessarie. Molte associazioni hanno deciso di proporre una class action contro i responsabili. «Stiamo attivando l’iter burocratico per richiedere la documentazione e le informazioni alla Regione per avviare la richiesta di risarcimento e di tutela dei danni subiti» ha avvertito Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi & Partners, colosso legale che sta raccogliendo le adesioni per le azioni a tutela di diversi commercianti.

Secondo Consulcesi, da una prima disamina fattuale emerge che il grave errore sulla trasmissione dei dati utili per definire l’indice RT partirebbe sin dal 12 ottobre. Ingenti danni all’economia, in particolare a commercianti e imprenditori, sostiene Consulcesi stimabili in rimborsi di oltre un miliardo di euro. Dopo la verifica dei documenti ufficiali e la conferma dell’errore di calcolo come testimoniato anche dall’Istituto superiore di Sanità, secondo gli esperti, si potrebbe chiedere un risarcimento del danno.
Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
Mancano infermieri? Uneba Lombardia si rivolge alle Università del Sud America
Il progetto prevede l’arrivo nei prossimi mesi di infermieri da Perù, Paraguay e Argentina a cui verrà fatto un corso di lingua italiana, fornito un alloggio e una formazione per equiparare il titolo a quello delle università europee. Degani (presidente Uneba Lombardia): «Risposta contingente ad un problema strutturale, ma lanciamo un appello al governo affinché venga rivisto il numero chiuso nelle facoltà italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale